Novembre 27, 2021

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Yahoo sta lasciando la Cina, citando un ambiente “difficile”

HONG KONG (AP) – Yahoo Inc. martedì ha dichiarato che lascerà la Cina, citando “un ambiente commerciale e legale sempre più impegnativo”.

Le autorità cinesi mantengono una salda presa sulla censura di Internet nel paese e le società che operano in Cina sono tenute a controllare i contenuti e le parole chiave ritenuti politicamente sensibili o inappropriati.

“In riconoscimento del contesto commerciale e legale sempre più impegnativo in Cina, il pacchetto di servizi di Yahoo non sarà più accessibile dalla Cina continentale dal 1 novembre”, ha affermato la società in una nota.

Ha affermato di essere “impegnato per i diritti dei nostri utenti e per Internet libero e aperto”.

Il ritiro dell’azienda è coerente con l’attuazione del Personal Information Security Act cinese, che regola le informazioni che le aziende possono raccogliere e stabilisce gli standard su come devono essere archiviate.

Le leggi cinesi impongono alle aziende che operano nel paese di consegnare i dati se richiesto dalle autorità, rendendo difficile per le aziende occidentali operare in Cina perché potrebbero subire pressioni per tornare a casa se soggette alle richieste della Cina.

Yahoo è stata incriminata dai legislatori degli Stati Uniti nel 2007 per aver consegnato a Pechino i dati su due dissidenti cinesi, che alla fine sono stati incarcerati.

Yahoo in precedenza ha ridotto le sue operazioni in Cina e ha chiuso il suo ufficio di Pechino nel 2015. Con almeno alcuni servizi già bloccati, compreso il portale web di Yahoo, è spesso un segnale di ritiro dal Paese.

La Cina ha disabilitato la maggior parte dei social media internazionali e dei motori di ricerca come Facebook e Google. Gli utenti in Cina che desiderano accedere a questi servizi evitano di bloccarsi utilizzando una rete privata virtuale (VPN).

READ  "Strictopher" mostra il crescente potere dei lavoratori, ma porterà a un cambiamento duraturo? | sindacati americani

Yahoo in precedenza gestiva servizi di musica ed e-mail in Cina, ma entrambi i servizi sono stati sospesi nei primi anni del 2010.

Yahoo è la seconda più grande azienda tecnologica degli Stati Uniti a ridurre le sue operazioni in Cina nelle ultime settimane. Il mese scorso, il sito di networking professionale di Microsoft, LinkedIn, ha dichiarato che avrebbe chiuso la sua base cinese, sostituendo invece la bacheca dei lavori.

Verizon Communications Inc. Ha acquisito Yahoo nel 2017 e l’ha fusa con AOL, ma in seguito ha venduto la società alla società di private equity Apollo Global Management in un affare da $ 5 miliardi. Apollo ha annunciato a settembre che l’acquisizione di Yahoo era stata completata.