Agosto 10, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Xander Schauffele vince lo Scottish Open per la quarta vittoria negli ultimi 12 mesi

NORTH BERWICK, Scozia — Xander Schauffele continua a recuperare il tempo perduto.

Senza vittorie per più di due anni, Schauffele ha ottenuto la sua quarta vittoria negli ultimi 12 mesi domenica quando ha superato un brutto momento a metà del suo round con due birdie chiave e un par save per un pari pari 70 per vincere lo Scottish Open . .

Il prossimo è un altro test sul suolo scozzese, questo il più puro di tutti, l’Open Championship a St. Andrews. Schauffele si dirige verso la patria del golf come uno dei giocatori più in voga del mondo.

È stata la prima volta che il PGA Tour ha co-sanzionato un evento del tour europeo.

“È solo un onore vincere il primo”, ha detto Schauffele, che ora ha sette titoli in carriera nel PGA Tour.

Il suo salvataggio al par di 8 piedi sul par-3 17 al The Renaissance Club gli ha dato un vantaggio di 2 colpi e il 28enne di San Diego ha giocato in modo intelligente da lì. Ha tolto il ferro dal 18° tee per evitare problemi e ha finito per perdere un par di 8 piedi che influiva solo sul margine.

Schauffele ha concluso a 7-under 273, 1 tiro di vantaggio Kurt Kitayama (66).

Kitayama aveva un vantaggio di 1 colpo sulle seconde nove ed era ancora in parità fino a quando non ha mancato un par putt di 6 piedi alla 17a buca e poi ha dovuto aspettare per vedere se il suo punteggio sarebbe stato sufficiente.

La consolazione per Kitayama è stata guadagnarsi uno dei tre posti in campo all’Open, la sua terza volta consecutiva nel campionato più antico di golf. Gli altri due punti sono andati Brandon Wu e Jamie Donaldsonche ha pareggiato per il sesto posto.

READ  Queste sono le basi dell'esercito che avrebbero potuto sostituire i loro nomi confederati

Tanti altri hanno avuto la possibilità di guadagnarsi un posto al St. Andrews. Rickie Fowler ha giocato tutti gli Open Championship dal 2010 ed è arrivato nel round finale degli Scottish Open a portata di mano. Ma ha chiuso con un 75 ed è stato diretto a casa attraverso l’Atlantico.

Ryan Palmer era anche in posizione fino a quando non ha giocato il terzino nove con due spauracchi e nessun birdie e ha perso di 2 colpi. Era più difficile per Alex Smalley, a cui bastava un par il 18 per guadagnarsi un posto. Ha fatto spauracchio.

Non è stato facile neanche per Schauffele.

Ha iniziato il round finale con 2 colpi di vantaggio e ha birdwatchato le prime due buche. Era 4 colpi in vantaggio dopo cinque buche. E quando ha raggiunto i primi nove, era un colpo dietro.

“Questo è stato stressante”, ha detto Schauffele. “Non ho intenzione di truccare il maiale qui. È stata una giornata molto normale, probabilmente la mia roba peggiore di questa settimana. Non puoi superare te stesso nel golf dei collegamenti. Ero avanti, dietro, avanti, dietro. Ho solo tenuto la testa bassa”.

Ha cominciato a girare a suo favore quando Schauffele ha fatto un birdie putt di 15 piedi sulla 14a buca per recuperare il vantaggio, e poi ha raggiunto il par-5 16° in 2 per impostare un birdie da 2 putt che ha esteso il suo vantaggio a 2 colpi . . Altrettanto importante è stato il 17°, quando ha messo da dietro il green a circa 8 piedi dalla buca e ha fatto il par per mantenere il suo cuscino.

Schauffele ora ha vinto due partenze consecutive del PGA Tour – la sua vittoria nel JP McManus Pro-Am in Irlanda all’inizio della settimana non conta – andando all’ultimo major dell’anno. L’ultimo giocatore a vincere due volte di seguito prima di una major Dustin Johnson nel 2016, e poi si è classificato nono nell’Open Championship al Royal Troon.

READ  L'S&P 500 termina sotto quota 4.000 per la prima volta da marzo 2021; le quote di crescita portano al declino

Schauffele era passato più di tre anni senza vittorie, risalendo al Sentry Tournament of Champions a Kapalua all’inizio del 2019, e lo stava rodendo.

Ma poi Schauffele ha vinto l’oro olimpico alle Olimpiadi di Tokyo la scorsa estate. Ha collaborato con Patrick Cantlay per vincere la Zurich Classic di New Orleans a fine aprile, e ora ne ha aggiunti altri due suoi. Questo lo porta al n. 5 nel mondo.

“Solo per superare la gobba, onestamente, è stato grande”, ha detto della sua prima vittoria al PGA Tour quest’anno a New Orleans. “È stato sicuramente un inizio per me, come puoi dire.”

Johyung Kim, il 20enne sudcoreano, ha avuto anche una breve quota di vantaggio con un gioco brillante al 17 in cui la sua palla è rotolata fuori pista a 5 piedi per birdie. Ma ha preso il bogey il 18 e ha tirato 67 per finire terzo. Si è trasferito al n. 39, la sua prima volta nella top 50.

Giordano Spieth aveva di nuovo la sua parte di avventure.

Era a meno di 1 colpo dal vantaggio fino a quando non ha tirato il suo tee shot al 14° nell’erba alta, tagliando in lungo e facendo doppio bogey, e poi prendendo il bogey al 15° con un cuneo in mano dal fairway. Spieth aveva due birdie, tre spauracchi e un doppio spauracchio sui nove posteriori e ha tirato 72 per pareggiare per il 10° posto.