Maggio 24, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Volodymyr Zelensky: il presidente ucraino descrive in dettaglio le presunte atrocità russe nel duro discorso delle Nazioni Unite

Il discorso di Zelensky è arrivato il giorno dopo aver visitato il sobborgo di Kiev di Buchadove durante il fine settimana sono emerse immagini scioccanti di corpi nelle strade.
Martedì, ha raccontato le conseguenze di La ritirata della Russia dalla città con dettagli terrificanti, descrivendo intere famiglie uccise, persone con la gola tagliata e donne violentate e uccise davanti ai loro figli. Zelensky ha affermato che le azioni della Russia non erano diverse da quelle di un gruppo terroristico, tranne per il fatto che la Russia è un membro permanente dell’UNSC.

Il leader ucraino ha poi criticato l’organismo, chiedendo ai rappresentanti di punto in bianco: “Dov’è la sicurezza che il Consiglio di sicurezza deve garantire? Non c’è, anche se c’è un Consiglio di sicurezza”.

Zelensky ha aggiunto: “È ovvio che l’istituzione chiave del mondo progettata per combattere l’aggressione e garantire la pace non può funzionare in modo efficace.

“Signore e signori, vorrei ricordarvi l’articolo 1, capitolo 1 della Carta delle Nazioni Unite. Qual è lo scopo della nostra organizzazione? Il suo scopo è mantenere e garantire che la pace sia rispettata. E ora la Carta delle Nazioni Unite è violato letteralmente a partire dall’articolo 1. E allora che senso hanno tutti gli altri articoli?” chiese.

Almeno 1.480 civili sono stati uccisi e almeno 2.195 sono rimasti feriti in Ucraina tra l’inizio dell’invasione russa il 24 febbraio e il 4 aprile, ha affermato un funzionario delle Nazioni Unite durante l’incontro, citando numeri aggiornati dell’Ufficio dell’Alto Commissario per l’uomo Diritti (OHCHR). Gli ultimi dati sul numero di civili ucraini nel conflitto erano “più che raddoppiati” dall’ultimo briefing al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite il 17 marzo.

A Bucha, corpi sparsi per le strade e negli scantinati sono stati trovati da gruppi per i diritti umani e documentati da giornalisti indipendenti. Le immagini satellitari suggeriscono che alcuni corpi erano lì almeno dal 18 marzo.

Nel suo discorso schiacciante, Zelensky ha detto che “non c’era un solo crimine” che i russi “non avrebbero commesso”, accusando che le truppe russe avevano “cercato e ucciso di proposito chiunque servisse il nostro paese”.

READ  L'amministrazione Biden impone nuove sanzioni alle istituzioni bancarie russe e alle figlie di Putin

“Hanno sparato e ucciso donne fuori dalle loro case quando hanno appena cercato di chiamare qualcuno… Hanno ucciso intere famiglie, adulti e bambini e hanno cercato di bruciare i corpi”, ha detto Zelensky.

“Mi rivolgo a voi a nome delle persone che onorano la memoria dei defunti ogni singolo giorno e in memoria dei civili morti, che sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco alla nuca dopo essere stati torturati”, ha detto all’UNSC .

“Alcuni di loro sono stati fucilati per le strade. Altri sono stati gettati nei pozzi, quindi sono morti lì soffrendo. Sono stati uccisi nei loro appartamenti, nelle case, fatti saltare in aria dalle granate. I civili sono stati schiacciati dai carri armati mentre erano seduti nelle loro auto in mezzo a la strada, solo per loro piacere”, ha proseguito. “Le donne sono state violentate e uccise davanti ai loro figli. Le loro lingue sono state strappate via solo perché l’aggressore non sentiva quello che voleva sentire da loro”.

Zelensky ha anche avvertito che gli orrori trovati a Bucha sarebbero stati replicati in altre città dell’Ucraina. Chiedendo responsabilità, ha chiesto che tutti i russi che hanno dato “ordini criminali” e “li hanno eseguiti uccidendo il nostro popolo” siano portati davanti a un tribunale, in modo simile ai processi di Norimberga che si sono verificati dopo la seconda guerra mondiale quando i nazisti furono processati.

ONU: I civili sono stati presi di mira

Separatamente, martedì le Nazioni Unite hanno affermato che le immagini scioccanti di Bucha hanno mostrato “tutti i segni” che i civili sono stati “direttamente presi di mira e uccisi direttamente”.

In una conferenza stampa virtuale, la portavoce dell’OHCHR Liz Throssell ha affermato che i rapporti emersi da Bucha e da altre aree sono “sviluppi molto inquietanti”.

READ  Yahoo sta lasciando la Cina, citando un ambiente "difficile"

Ha fatto riferimento in particolare alle immagini “inquietanti” di persone con le mani legate dietro la schiena e di donne parzialmente nude i cui corpi sono stati bruciati come ulteriore prova che suggerisce il targeting diretto degli individui.

Analisi: nell'esercito russo, una cultura della brutalità è profonda

“Abbiamo parlato di crimini di guerra nel contesto di bombardamenti, bombardamenti e attacchi di artiglieria. Ora devono essere indagati. Ma si potrebbe sostenere che c’era un contesto militare, ad esempio, per un edificio colpito. È difficile da vedere Qual era il contesto militare di un individuo sdraiato per strada con un proiettile alla testa o con i corpi bruciati “, ha continuato Throssell.

Poiché l’OHCHR sta attualmente cercando di ottenere l’accesso a Bucha, non aveva “informazioni esatte” da condividere sulla situazione sul campo.

Throssell ha anche reso omaggio al “ruolo cruciale” che i giornalisti stanno svolgendo nel documentare queste scene, citando i “più team” coinvolti nel “segnalare, analizzare e inviare filmati”.

La risposta della Russia

La Russia ha ripetutamente negato le presunte atrocità, nonostante le crescenti prove suggeriscano il contrario. Vassily Nebenzia, l’ambasciatore russo alle Nazioni Unite, ha risposto alle osservazioni di Zelensky, definendo “infondate” le accuse contro l’esercito russo.

“Riponiamo sulla vostra coscienza le accuse infondate contro l’esercito russo, che non sono confermate da nessun testimone oculare”, ha detto Nebenzia in un commento tradotto.

L’ambasciatore ha ricordato l’elezione di Zelensky alla presidenza ucraina nel 2019, affermando che le speranze che Zelensky mettesse fine ai combattimenti nella regione del Donbas in Ucraina “non si sono concretizzate”.

Gli Stati Uniti annunceranno mercoledì un nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia

Nebenzia ha anche ripetuto le affermazioni passate secondo cui “un’enorme quantità di bugie su soldati e militari russi” continuano a proliferare.

READ  MLB Free Agency: Justin Verlander rinnova l'accordo di un anno da $ 1 milione con Astros

Rivolgendosi direttamente a Zelensky, Nebenzia ha concluso le sue osservazioni affermando che la Russia “è venuta in … Ucraina” per portare la pace, non per “conquistare terre”.

Le parole di Nebenzia hanno fatto eco a quelle del portavoce del Cremlino Dmitry Peskov martedì, che ha definito le accuse non solo “infondate, ma … uno spettacolo tragico ben messo in scena” e “un falso per cercare di denigrare l’esercito russo”.

Niamh Kennedy, Laura Ly e Anna Chernova della CNN hanno contribuito a questo rapporto.