Maggio 26, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

USWNT e US Soccer risolvono la causa sulla parità di retribuzione

Molti di quei giocatori e squadre sono riusciti a ottenere importanti guadagni – Norvegia, Australia e Paesi Bassi sono tra i paesi le cui federazioni calcistiche si sono impegnate a colmare il divario retributivo tra uomini e donne, anche se il caso dei giocatori statunitensi si trascinava.

La lotta per la parità di retribuzione è iniziata quasi sei anni fa, quando cinque stelle ha presentato denuncia alla Commissione per le Pari Opportunità di Lavoro accusando US Soccer di discriminazione salariale. Le donne, membri chiave di una squadra che all’epoca era la Coppa del Mondo in carica e campionessa olimpica, affermarono di aver guadagnato solo il 40 percento di quanto venivano pagati i giocatori della nazionale maschile. I giocatori – Morgan, Rapinoe, Lloyd, Hope Solo e Becky Sauerbrunn – hanno affermato di essere stati sminuiti su bonus, quote di presenza e denaro per i pasti mentre erano nei campi di addestramento.

“I numeri parlano da soli”, ha detto Solo, anche se US Soccer li ha immediatamente contestati. I giocatori maschili, ha detto Solo, “vengono pagati di più per presentarsi di quanto veniamo pagati per vincere i campionati più importanti”.

Quasi immediatamente, i tifosi di calcio si sono schierati nella lotta, eliminando US Soccer nel mezzo. La federazione ha brevemente sostenuto che gli uomini hanno portato più soldi e ottenuto ascolti televisivi più alti, e quindi meritavano una paga più alta, ma presto ha abbandonato la posizione tra il contraccolpo pubblico, la furia dei giocatori e una lettura più attenta della legge sulla parità retributiva.

A quel punto, le parti stavano già scambiando il primo di quelli che sarebbero stati molti colpi nei media e in tribunale. La federazione ha vinto una sentenza che ha impedito ai giocatori di boicottare le Olimpiadi del 2016 mentre premevano per nuovi contratti, ma solo dopo un’imbarazzante gaffe in cui uno dei suoi documenti non è riuscito a redigere gli indirizzi di casa e gli account di posta elettronica personali di circa due dozzine di migliori giocatori.

READ  I futures sulle azioni aumentano leggermente mentre Wall Street attende l'aumento dei tassi della Fed, gli sviluppi in Ucraina

Un accordo è sembrato la via d’uscita più probabile per le parti dall’aprile 2020, quando il giudice della causa femminile, R. Gary Klausner della Corte distrettuale degli Stati Uniti per il distretto centrale della California, ha respinto l’argomento secondo cui erano sistematicamente sottopagate e ha affermato che l’US Soccer aveva sostituito la sua affermazione secondo cui il squadra femminile aveva effettivamente guadagnato di più “sia su base cumulativa che media per partita” rispetto alla squadra maschile durante gli anni coperti dalla causa.

La squadra femminile, in una delle grandi ironie del caso, era diventata vittima del proprio successo. Scegliendo di combattere l’US Soccer mentre erano al culmine dei loro poteri come campioni della Coppa del Mondo, le donne avevano anche scelto il momento peggiore in assoluto per allineare alcuni anni dei loro stipendi contro alcuni anni della paga maschile come gli uomini a il tempo si stava fondando in modo competitivo.