Settembre 26, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Una grave recessione è in arrivo, avverte Deutsche Bank

Ora, avverte di una flessione più profonda causata dalla ricerca della Federal Reserve di abbattere un’inflazione ostinatamente alta.

“Avremo una grave recessione”, hanno scritto martedì gli economisti di Deutsche Bank in un rapporto ai clienti.

Il problema, secondo la banca, è che mentre l’inflazione potrebbe raggiungere il picco, ci vorrà “molto tempo” prima che torni all’obiettivo della Fed del 2%. Ciò suggerisce il la banca centrale aumenterà i tassi di interesse Così in modo aggressivo che danneggia l’economia.

“Riteniamo… altamente probabile che la Fed dovrà premere i freni ancora più fermamente, e sarà necessaria una profonda recessione per portare l’inflazione al tallone”, hanno scritto gli economisti della Deutsche Bank nel suo rapporto con il titolo minaccioso, “Perché la prossima recessione sarà peggiore del previsto.”

Dietro la curva

I prezzi al consumo sono aumentati dell’8,5% a marzo, il Il ritmo più veloce degli ultimi 40 anni. Il mercato del lavoro rimane in fiammecon Moody’s Analytics che prevede che il tasso di disoccupazione scenderà presto al livello più basso dall’inizio degli anni ’50.

Per affermare la sua tesi, Deutsche Bank ha creato un indice che traccia la distanza tra inflazione e disoccupazione negli ultimi 60 anni e gli obiettivi dichiarati dalla Fed per tali parametri. Tale ricerca, secondo la banca, rileva che la Fed oggi è “molto più indietro rispetto alla curva” rispetto ai primi anni ’80, un periodo in cui un’inflazione estremamente elevata ha costretto la banca centrale ad aumentare i tassi di interesse a livelli record, schiacciando il economia.

La storia mostra che la Fed “non è mai stata in grado di correggere” anche i più piccoli superamenti di inflazione e occupazione “senza spingere l’economia in una recessione significativa”, ha affermato Deutsche Bank.

Dato che il mercato del lavoro si è “irrigidito eccessivamente” di ben due punti percentuali di disoccupazione, la banca ha affermato: “Sarà necessario qualcosa di più forte di una lieve recessione per fare il lavoro”.

READ  Alabama: forti tempeste causano feriti e danni nel sud-est poiché le previsioni prevedono forti venti, grandine e possibilmente tornado

La buona notizia è che Deutsche Bank vede l’economia in ripresa entro la metà del 2024 mentre la Fed inverte la rotta nella sua lotta all’inflazione.

Goldman Sachs: La recessione non è inevitabile

Naturalmente, nessuno sa esattamente come andrà a finire. Sebbene Deutsche Bank sia pessimista – è la più ribassista tra le principali banche di Wall Street – altri sostengono che questa tristezza sia esagerata.

Goldman Sachs ammette che sarà “molto difficile” ridurre l’inflazione elevata e la crescita salariale, ma sottolinea che una recessione “non è inevitabile”.

Il rischio più grande per l'economia globale di cui nessuno parla

“Non abbiamo bisogno di una recessione, ma probabilmente abbiamo bisogno che la crescita rallenti a un ritmo leggermente inferiore al potenziale, un percorso che aumenta il rischio di recessione”, hanno scritto gli economisti di Goldman Sachs in un rapporto venerdì sera.

Allo stesso modo, UBS spera che l’espansione economica continui nonostante il passaggio della Fed alla modalità di lotta all’inflazione.

“L’inflazione dovrebbe allentarsi dai livelli attuali e non ci aspettiamo una recessione dall’aumento dei tassi di interesse”, ha scritto lunedì Mark Haefele, chief investment officer di UBS Global Wealth Management.

La guerra e i blocchi del Covid fanno pressione sull’inflazione

Deutsche Bank ha affermato che il fattore più importante alla base della sua visione più negativa è la probabilità che l’inflazione rimanga “persistentemente elevata più a lungo di quanto generalmente previsto”.

La banca ha affermato che diversi sviluppi contribuiranno a un’inflazione superiore al temuto, tra cui: l’inversione della globalizzazione, il cambiamento climatico, ulteriori interruzioni della catena di approvvigionamento causate dalla guerra in Ucraina e Lockdown Covid in Cina e i prossimi aumenti delle aspettative di inflazione che sosterranno l’inflazione effettiva.

“Il flagello dell’inflazione è tornato ed è qui per restare”, ha detto Deutsche Bank.

Allaccia le cinture: la Fed sta per diventare dura con l'inflazione
Se l’inflazione rimane elevata, la Fed sarà costretta a prendere in considerazione aumenti più drastici dei tassi di interesse. La Fed ha alzato i tassi di interesse di un quarto di punto percentuale a marzo e il presidente Jerome Powell ha ammesso la scorsa settimana che un l’escursione di mezzo punto è “sul tavolo” alla riunione della prossima settimana.

“È fortemente allettante adottare un approccio lento sperando che l’economia statunitense possa essere atterrata dolcemente su un percorso sostenibile. Ciò non accadrà”, ha affermato Deutsche Bank. “Il nostro punto di vista è che l’unico modo per ridurre al minimo il danno economico, finanziario e sociale di un’inflazione prolungata è peccare dalla parte del fare troppo”.

READ  La chiave dell'agenda climatica di Pitton è tagliare la nebbia