Agosto 9, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Ultime notizie sull’ondata di calore nel Regno Unito e in Europa: aggiornamenti in tempo reale

PARIGI — Da tempo luogo preferito per i picnic e per prendere il sole, i prati che circondano la Torre Eiffel sono recentemente diventati teatro di furiose proteste. Prima è arrivato un campagna sui social. Poi un Rally da decine di residenti locali. In poco tempo, un manifestante aveva accovacciato in un vicino platano per uno sciopero della fame.

La fonte della loro rabbia? Un piano per abbattere più di 20 alberi, alcuni di oltre 100 anni, intorno alla torre come parte di uno sforzo per costruire un enorme giardino e alleviare la congestione turistica.

La controversia è solo l’ultima di una serie che ha inghiottito il municipio di Parigi mentre cerca di rendere più verde la città, un compito che appare tanto più urgente poiché le temperature torride si abbattono sulla capitale francese, e sul resto d’Europa.

Le autorità locali lo sono ridisegnare il paesaggio urbano di Parigi per renderlo più rispettoso del climama un numero crescente di residenti afferma che il diffuso taglio degli alberi intorno alla capitale sta paradossalmente minando le ambizioni ambientali della città.

Gli alberi sono considerati una delle migliori difese contro le radiazioni che contribuiscono alle ondate di calore che sono in aumento ovunque a causa del riscaldamento globale. Forniscono la frescura tanto necessaria in città dense come Parigi, dove le temperature erano intorno ai 90° nel pomeriggio di lunedì e dovrebbero aumentare.

Credito…Andrea Mantovani per il New York Times

“Senza gli alberi, la città è una fornace insopportabile”, ha affermato Tangui Le Dantec, urbanista e co-fondatore di Aux Arbres Citoyens, un gruppo di protesta contro l’abbattimento degli alberi a Parigi.

Negli ultimi mesi sono scoppiate piccole proteste in tutta Parigi, con residenti e attivisti che si sono radunati intorno agli alberi condannati dai tentacolari progetti di sviluppo urbano che a volte hanno trasformato la capitale in un gigantesco cantiere.

READ  I lavoratori di Starbucks a Mesa, in Arizona, votano per il sindacato

Ad aprile loro girato l’abbattimento di 76 platani, la maggior parte dei quali vecchi di decenni, alla Porte de Montreuil, alla periferia nord di Parigi. Il municipio vuole trasformare il sito in una grande piazza, parte di un progetto del sindaco, Anna Hidalgocreare “una cintura verdeintorno alla capitale.

“SM. Hidalgo, per favore, ferma il massacro”, ha detto Thomas Brail, il fondatore del Gruppo nazionale per la sorveglianza degli alberi, mentre le macchine tagliavano gli alberi dietro di lui, in un video Ha sparato ad aprile. Sig. Brail in seguito organizzò uno sciopero della fame di 11 giorni nel platano vicino alla Torre Eiffel.

Credito…Andrea Mantovani per il New York Times

Yves Contassot, ex vicesindaco di Parigi responsabile dell’ambiente e membro del partito dei Verdi, ha affermato che l’abbattimento degli alberi è diventato “una questione molto delicata che provoca un po’ di scandalo in un momento in cui si parla di combattere il riscaldamento globale .nelle grandi città.

All’inizio, il piano per riqualificare l’area intasata dal traffico intorno alla Torre Eiffel sembrava ambientalmente corretto per i residenti di Parigi. La maggior parte dei veicoli verrebbe vietata e verrebbe creata una rete di percorsi pedonali, piste ciclabili e un parco.

“Un nuovo polmone verde”, si vantava il municipio sito web.

Ma i residenti hanno scoperto a maggio che il piano significava anche abbattere 22 alberi ben consolidati e minacciare l’apparato radicale di molti altri, incluso un platano di 200 anni piantato molto prima della costruzione della Torre Eiffel alla fine degli anni ’80 dell’Ottocento.

READ  Kylie Jenner e Stormi volano fuori per supportare Travis Scott al First Arena Show

“Il povero albero è stato piantato nel 1814, e una mattina alcuni ragazzi vogliono fare spazio per il deposito bagagli e viene spazzato via”, ha detto il sig. Brail, il manifestante che ha tenuto uno sciopero della fame nell’albero, deridendo i piani per migliorare le strutture per i visitatori.

Credito…Thomas Coex/Agence France-Presse — Getty Images

Una serie di proteste, nonché un petizione online che ha raccolto più di 140.000 firme, alla fine ha costretto il 2 maggio il Consiglio comunale a cambiare i suoi piani ea promettere di non tagliare un solo albero nell’ambito del progetto di inverdimento.

Emmanuel Grégoire, vice sindaco di Parigi responsabile dell’urbanistica e dell’architettura, ha dichiarato in un’intervista che la città si è resa conto che stava “perdendo una battaglia simbolica sulle ambizioni ecologiche del progetto”.

Nel 2007, Parigi ha adottato un piano climatico che ha contribuito a ridurre l’impronta di carbonio della città del 20% dal 2004 al 2018 e ha quasi raddoppiato il consumo di energia rinnovabile, secondo un rapporto recente dalle autorità regionali. Il nuovo obiettivo di Parigi è diventare una città a emissioni zero, alimentata solo da energie rinnovabili entro il 2050.

Sig. Le Dantec, l’urbanista, ha riconosciuto che “per quanto riguarda la riduzione dell’inquinamento, c’è stato senza dubbio un miglioramento”. Ha fatto riferimento alla sig. Il successo di Hidalgo, sebbene contestato, prevede di limitare l’uso dell’auto nella capitale.

Ma ha aggiunto che i piani urbanistici di Parigi avevano trascurato un’altra realtà del cambiamento climatico: l’aumento delle temperature, contro le quali gli alberi sono considerati alcune delle migliori difese.

Credito…Christophe Archambault/Agence France-Presse — Getty Images

Gli alberi rinfrescano le città fornendo ombra e mitigando gli effetti delle cosiddette “isole di calore urbane”, che sono prevalenti a Parigi, assorbendo le radiazioni. Météo France, il servizio meteorologico nazionale, ha stimato che le temperature su quelle isole di calore durante le recenti ondate di calore a volte erano da 40 a 50 gradi Fahrenheit più calde rispetto alle aree circostanti.

READ  Il convoglio di camion gira intorno a Washington DC per protestare contro le restrizioni Covid | Washington DC

A metà giugno, mentre la Francia soffocava sotto temperature torride, il sig. Le Dantec girava per Parigi con un termometro. In Place de la République, lui registrato temperature fino a 140 gradi Fahrenheit su superfici di cemento, rispetto a 82 gradi sotto un platano di 100 anni.

“La nostra migliore protezione contro le ondate di calore sono gli alberi”, ha affermato Dominique Dupré-Henry, ex architetto del ministero dell’Ambiente e co-fondatore di Aux Arbres Citoyens.

Ma di 30 grandi città studiate dal Istituto di Tecnologia del MassachussettsParigi ha la copertura arborea più bassa, con circa il 9%, rispetto al 12,7% di Londra e al 28,8% di Oslo.

“Questo è esattamente l’opposto dell’adattamento ai cambiamenti climatici”, ha affermato la Sig. disse Dupré-Henry.

Sig. Grégoire ha affermato che Parigi prevede di piantare 170.000 nuovi alberi entro il 2026. Prendendo l’esempio della Porte de Montreuil, l’area a nord di Parigi, ha detto che sarebbero stati piantati molti più alberi che abbattuti.

Credito…Andrea Mantovani per il New York Times

“È un progetto con standard ambientali molto elevati”, Mr. disse Grégoire, sottolineando la trasformazione di quella che oggi è un’enorme rotatoria asfaltata in una piazza verde. “Il risultato è positivo in termini di lotta alle isole di calore urbane”.

Le autorità ambientali regionali sono meno fiduciose. Nel loro valutazione del progetto, hanno notato che i lavori di costruzione e le nuove infrastrutture “al contrario, aggiungeranno più calore”.

Sig. Le Dantec ha anche affermato che, a breve termine, i giovani alberi sono meno efficaci di quelli più vecchi nel mitigare il riscaldamento globale, perché il loro fogliame è più piccolo e non può assorbire così tante radiazioni. “Un albero di 100 anni vale 125 alberi appena piantati” in termini di assorbimento di anidride carbonica e raffreddamento dell’ambiente circostante, ha affermato.

Alla Porte de Montreuil, i residenti avevano sentimenti contrastanti riguardo al progetto. Lo Richert Lebon, un designer di 57 anni, ha elogiato gli “sforzi ecologici”, dicendo che avrebbero contribuito a migliorare la qualità della vita in questo sobborgo in decadenza da tempo.

Ma “i prati non valgono alberi”, ha aggiunto, in piedi all’ombra dei platani che dovrebbero essere abbattuti, come parte della riprogettazione di un mercato delle pulci nella zona. “Gli alberi dovrebbero essere integrati in questi sforzi, piuttosto che essere una variabile di aggiustamento”.