Luglio 4, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Takeaway dalle primarie di martedì in California, Iowa e altro ancora

Nel frattempo, alle primarie della Camera in tutto il paese, i repubblicani hanno in gran parte scelto di mantenere i loro incumbent, rifiutando le sfide dei candidati che hanno tentato di allinearsi più strettamente con l’ex presidente Donald Trump.

Il più grande stato a votare martedì è stato la California. Ma i risultati finali in molte gare ravvicinate non saranno noti per giorni o settimane, perché le schede elettorali per corrispondenza – il modo in cui vengono espressi la maggior parte dei voti nello stato – con il timbro postale del giorno delle elezioni verranno conteggiate purché arrivino entro la fine del la settimana e agli elettori le cui schede incontrano problemi di corrispondenza delle firme hanno il tempo di “curare” quei problemi.

Martedì anche Iowa, Mississippi, Montana, New Mexico, New Jersey e South Dakota hanno tenuto le primarie.

Ecco sei takeaway dalle gare della giornata:

La perdita di Boudin è un segno contro il movimento progressista dei pubblici ministeri

Il richiamo del procuratore distrettuale di San Francisco Chesa Boudin potrebbe non avere implicazioni nazionali radicali – le questioni locali e i sentimenti tra gli elettori differiscono da città a città – ma la perdita è un chiaro segno contro il movimento progressista del procuratore che la vittoria di Boudin nel 2019 ha contribuito a spingere.

E potrebbe servire come avvertimento ai democratici nazionali che il modo in cui gli elettori nei bastioni liberali si sentono riguardo alle loro città – in particolare l’aumento dei senzatetto – è molto più istruttivo per il modo in cui voteranno rispetto ai tassi e ai dati di criminalità effettivi.

La vittoria di Boudin tre anni fa, sulla scia delle preoccupazioni per la cattiva condotta della polizia, la riforma della giustizia penale e l’incarcerazione di massa, ha segnato un punto culminante per il movimento nell’elezione di pubblici ministeri più progressisti ai massimi posti di lavoro. Ma il suo mandato è stato definito dalla pandemia di coronavirus e da una schiacciante sensazione tra i residenti di San Francisco che il crimine, in particolare il crimine contro il patrimonio, non fosse una priorità per il procuratore distrettuale e fuori controllo.

Martedì gli elettori hanno espresso un rapido giudizio su Boudin, segnalando che il suo approccio più lassista a determinati tipi di crimine era inaccettabile.

Tuttavia, la perdita è lontana dalla fine per le città liberali che eleggono pubblici ministeri progressisti. Il procuratore distrettuale di Filadelfia Larry Krasner ha vinto la rielezione e Alvin Bragg, ex procuratore federale e dello stato di New York, è diventato procuratore distrettuale di Manhattan nel 2021, entrambe vittorie per il movimento progressista dei pubblici ministeri.

READ  Ex consigliere del progetto Lincoln arrostito dai repubblicani che affermano di porre fine al Senato Philippester per più potere

Gli incumbent repubblicani per lo più sopravvivono alle sfide da destra

I repubblicani della Camera che avevano affrontato le primarie da destra – in gran parte da sfidanti che affermavano che gli incumbent non sostenevano abbastanza Trump – hanno vinto o erano in grado di sopravvivere alle gare di martedì.

Rep. del Dakota del Sud Dusty Johnson ha respinto una sfida dalla Rep. Taffy Howard, che aveva criticato il suo voto per certificare le elezioni del 2020 e aveva abbracciato le bugie di Trump sulla frode elettorale.

Rappresentante del New Jersey Chris Smith, un repubblicano moderato che ha votato per il disegno di legge bipartisan sulle infrastrutture, ha tenuto a bada un gruppo di sfidanti che includeva il conduttore radiofonico conservatore Mike Crispi, che era sostenuto dagli alleati di Trump tra cui Roger Stone e Rudy Giuliani.

Nelle primarie aperte della California, in cui i primi due classificati indipendentemente dal partito passano alle elezioni generali di novembre, Reps. David Valadao e Young Kim – due repubblicani che hanno vinto gare difficili – erano entrambi in grado di avanzare dopo le sfide dei lealisti di Trump, anche se ci sono ancora più voti da contare.

Una gara da tenere d’occhio è una primaria della Camera nel Montana. Ryan Zinke, un ex membro del Congresso che si è dimesso per un incarico afflitto da scandali come segretario degli interni di Trump e ha affrontato domande sulla sua residenza, ha guidato per poco l’ex senatore di stato. Al Olszewski mentre le schede elettorali venivano conteggiate mercoledì mattina presto.

Un repubblicano del Mississippi affronta una rivolta interna al partito

Rappresentante. Steven Palazzo non è riuscito a ottenere la maggioranza di cui aveva bisogno per evitare un ballottaggio alle primarie per il suo seggio sulla costa del Golfo del Mississippi.

Non è ancora chiaro chi affronterà Palazzo il 28 giugno, con lo sceriffo della contea di Jackson Mike Ezell che guida di poco l’uomo d’affari della contea di Hancock Clay Wagner per il secondo posto all’inizio di mercoledì, ma se il voto di martedì fosse un referendum sull’incumbent, Palazzo potrebbe essere serio Pericolo.

La sua principale vulnerabilità derivava da un rapporto etico dannoso che ha scoperto che probabilmente ha abusato dei fondi della campagna e del Congresso, ha inviato personale per commissioni personali e ha cercato di usare il suo ufficio per aiutare suo fratello a riarruolarsi in Marina.

READ  Patrick Mahomes BLASTS riferisce di aver vietato alla fidanzata Brittany e al fratello Jackson di partecipare alle partite

Poi c’è stata la sua decisione di firmare una causa contro la presidente della Camera Nancy Pelosi volta a porre fine al voto per delega al Congresso. Il problema: Palazzo successivamente ha fatto buon uso della pratica, portando ad accuse di ipocrisia dai suoi rivali.

Il capper è arrivato alla fine della campagna, quando ha chiesto di uscire da un forum candidato, citando “riunioni che si occupano di sicurezza nazionale” – una scusa piuttosto minata dal fatto che ha pubblicato online le foto di un pasto con suo figlio in un ristorante locale durante l’evento.

La corsa al sindaco di Los Angeles avanza al ballottaggio

La corsa per diventare il prossimo sindaco di Los Angeles non sarà decisa fino a novembre, né l’uomo d’affari Rick Caruso né il rappresentante. Karen Bass è riuscita a vincere più del 50% dei voti martedì sera.

Caruso e Bass hanno entrambi sostenuto la necessità di affrontare i senzatetto e la criminalità, ma hanno affrontato i problemi con soluzioni e stili marcatamente diversi, distinzioni che probabilmente definiranno le loro campagne fino a novembre.

Caruso, uno sviluppatore immobiliare che ha lavorato per anni per acquisire potere privato a Los Angeles, ha affermato che la città era “uno stato di emergenza”, citando “senzatetto dilaganti” e “persone che vivono nella paura per la propria sicurezza”. Caruso ha promesso di aumentare le dimensioni del dipartimento di polizia di Los Angeles, correndo contro lo sforzo di “definanziare la polizia”.

Bass, una deputata di lunga data ed ex membro dell’Assemblea statale della California, ha funzionato più come progressista, evidenziando i suoi legami con la città e i suoi anni di servizio che la rappresentavano.

Ma la forte esibizione di Caruso martedì fornirà un avvertimento ai Democratici più tradizionalisti in esecuzione sui loro record, soprattutto se la maggior parte di quel tempo è stato trascorso al Congresso, un organismo attualmente tenuto in scarsa considerazione sia dai Democratici che dai Repubblicani.

L’establishment democratico governa il New Jersey. Ancora.

È stata una serata pessima per gli outsider progressisti alle primarie democratiche nel New Jersey, dove i pesi massimi del partito – e le macchine che assicurano la loro influenza – hanno ottenuto una serie di clamorose vittorie.

Nel 10° Distretto del Congresso, Rep. Donald Payne Jr. ha sconfitto facilmente lo sfidante mancino Imani Oakley, un ex direttore legislativo delle Famiglie lavoratrici del New Jersey. Oakley aveva raccolto fondi a un ritmo migliore del previsto, ma Payne ha beneficiato dei rinforzi degli alleati dell’establishment, supporto che Oakley non ha mai ricevuto dai progressisti.

READ  MLB, dichiarazioni degli Yankees sulla lettera del 2017

Il basso profilo di Payne a Capitol Hill, che occupa un posto che ha preso il posto del suo defunto padre dieci anni fa, avrebbe potuto rendere il distretto del North Jersey attraente per i gruppi progressisti se martedì avesse mostrato segni di debolezza. Ma la sua clamorosa rinominazione potrebbe anche servire a scongiurare un’altra sfida meglio organizzata tra due anni.

Era una storia altrettanto triste per i progressisti nel vicino 8° distretto congressuale, dove Robert Menendez Jr., figlio del senatore del New Jersey. Bob Menendez, ha schiacciato i rivali David Ocampo Grajales e Ane Roseborough-Eberhard.

Menendez Jr., che non ha mai ricoperto la carica, è sulla buona strada per sostituire il rappresentante in pensione. Albio Sires, che – insieme a una litania di mediatori di potere locali – ha sostenuto presto il giovane Menendez, precludendo di fatto ogni possibilità di una gara competitiva.

Una stella nascente si spegne in Iowa

Nel 2018, Abby Finkenauer ha cavalcato l’onda blu nazionale per diventare un membro del Congresso e una stella nascente nel Partito Democratico dell’Iowa.

Quattro anni e due sconfitte dopo, Finkenauer è quasi estinto.

L’ex membro del Congresso ha perso martedì alle primarie democratiche del Senato contro Mike Franken, organizzando un incontro tra l’ammiraglio della Marina in pensione e il senatore repubblicano. Chuck Grassley, il legislatore di lunga data che è in corsa per il suo ottavo mandato. Ma la storia delle primarie democratiche è come una candidata vista come una shoo-in per la nomination abbia sprecato la sua occasione.

I democratici sono stati a lungo scettici sul fatto che, se Grassley si fosse candidato, Finkenauer o qualsiasi democratico dell’Iowa sarebbero stati in grado di estrometterlo. Ma quando ha annunciato l’anno scorso, Finkenauer è stata vista come l’ovvia favorita: un ex membro del Congresso con profondi legami con il presidente Joe Biden che ha vinto in un distretto di tendenza repubblicana nel 2018 ma ha perso una gara serrata due anni dopo.

Poi sono arrivate le disavventure della campagna, in particolare quando la campagna di Finkenauer ha ridotto troppo il numero di firme necessarie per accedere al ballottaggio delle primarie, aprendo le porte a una sfida al suo aspetto. La Democratica si è qualificata solo dopo che la Corte Suprema dell’Iowa ha stabilito ad aprile che poteva comparire, annullando una sentenza del tribunale di grado inferiore.

La perdita di Finkenauer è un altro esempio di quanto velocemente possa cadere qualcuno in ascesa in un partito.