Settembre 26, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Taiwan: una seconda delegazione del Congresso statunitense guidata da Ed Markey visita Taipei

La nuova delegazione di cinque membri sta visitando l’isola autonoma nel tentativo di “riaffermare il sostegno degli Stati Uniti a Taiwan” e “incoraggerà la stabilità e la pace attraverso lo stretto di Taiwan”, ha affermato un portavoce di Markey in una nota.

La delegazione include Rep.D. John Garamendi, Alan Lowenthal e Don Beyer, e Repubblicano Rep. Aumua Amata Coleman Radewagen, aggiunge il comunicato.

Il gruppo guidato da Markey incontrerà il presidente di Taiwan Tsai Ing-wen e il ministro degli Esteri Joseph Wu durante la visita e terrà anche discussioni con la commissione per gli affari esteri e la difesa nazionale del parlamento taiwanese sulle questioni relative alla sicurezza e al commercio, ha affermato il ministero degli Affari esteri di Taiwan . .

Il ministero degli Esteri ha aggiunto di aver accolto sinceramente la delegazione e l’ha ringraziata per aver dimostrato il forte sostegno degli Stati Uniti nei confronti di Taiwan nonostante l’intensificarsi delle tensioni con Pechino.

Il portavoce del senatore ha affermato che la delegazione “incontrerà leader eletti e membri del settore privato per discutere di interessi condivisi, tra cui la riduzione delle tensioni nello Stretto di Taiwan e l’espansione della cooperazione economica, compresi gli investimenti nei semiconduttori”.

Cina non ha ancora commentato la visita del Congresso.
Il Partito Comunista Cinese al potere in Cina vede Taiwan come parte del suo territorio, nonostante non l’abbia mai controllata, e ha promesso da tempo di “riunificare” l’isola con la Cina continentale, se necessario con la forza. Prima della visita di Pelosi, Pechino aveva ripetutamente avvertito delle terribili conseguenze se il viaggio dovesse andare avanti, arrivando persino ad avvertire Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden che coloro che giocavano con il fuoco “perissero” per esso.

Durante il suo viaggio a Taiwan, Pelosi, democratica della California, ha affermato che la visita aveva lo scopo di rendere “inequivocabilmente chiaro” che gli Stati Uniti “non avrebbero abbandonato” l’isola democraticamente governata.

READ  L'allenatore di football delle Hawaii Rainbow Warriors Todd Graham si è dimesso per le accuse di aver abusato dei giocatori.

La Cina ha risposto al viaggio dell’oratore lanciando esercitazioni militari, che secondo il ministero della Difesa cinese sono iniziate con esercitazioni sia nei mari che nello spazio aereo che circonda Taiwan. Oltre alle esercitazioni, Pechino ha cancellato future telefonate tra i leader della difesa cinese e statunitense, sospeso i colloqui bilaterali sul clima e sanzionato Pelosi e i suoi parenti stretti.

La Casa Bianca ha convocato L’ambasciatore cinese di condannare le attività militari e di sottolineare il desiderio degli Stati Uniti di evitare una crisi nella regione. La Casa Bianca ha affermato che non vi è alcun cambiamento nella politica “One China” degli Stati Uniti e che Washington riconosce la Repubblica popolare cinese come l’unico governo legittimo della Cina.

Gli Stati Uniti mantengono stretti legami non ufficiali con Taiwan e sono obbligati per legge a fornire armi difensive a Taiwan. Ma rimane deliberatamente vago se difenderebbe Taiwan in caso di invasione cinese, una politica nota come “ambiguità strategica”.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori informazioni di base.

Daniella Diaz, Jeremy Herb, Wayne Chang e Rhea Mogul della CNN hanno contribuito a questo rapporto.