Maggio 24, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Spiegazione: Ratcliffe, Boehly e una svolta drammatica nella corsa all’acquisto del Chelsea

Un consorzio guidato dal comproprietario dei Los Angeles Dodgers Todd Boehly è stato scelto ieri come offerente preferito per Chelseama la svolta più significativa nell’inseguimento del premier League Il club proveniva da una drammatica offerta in ritardo del miliardario britannico Sir Jim Ratcliffe.

L’Atletico capisce che il gruppo di Boehly, che include il suo collega co-proprietario dei Dodgers Mark Walters e il miliardario svizzero Hansjorg Wyss, non ha ancora stipulato un accordo di esclusività e mentre in teoria hanno una settimana per completare un accordo, il processo ha assunto una forma completamente nuova Guarda.

Il consorzio di Boehly era in competizione con altri due gruppi per acquistare il Chelsea da Roman Abramovich, che lo mise in vendita poco prima di essere sanzionato per i suoi presunti legami con il presidente russo Vladimir Putin in seguito all’invasione dell’Ucraina. Resta inteso che l’offerta complessiva del consorzio Boehly è stata superiore a 4 miliardi. Ciò include l’impegno a spendere 1,5 miliardi di sterline per sviluppare il club e lo Stamford Bridge, oltre a soddisfare la valutazione di Raine di circa 2,5 miliardi di sterline.

Ma ora è emersa un’altra offerta credibile, che non ha seguito il lungo processo.

Ratcliffe, il proprietario di Ineos, il gigante petrolchimico, ha discusso giovedì con il presidente del Chelsea Bruce Buck prima di fare la sua offerta.

“Abbiamo presentato un’offerta (venerdì) mattina”, ha detto Ratcliffe al Times. “Siamo l’unica offerta britannica. I nostri motivi sono semplicemente cercare di creare un club molto raffinato a Londra. Non abbiamo motivo di profitto perché guadagniamo in altri modi. ”

Qui spieghiamo cosa è successo in un’altra giornata straordinaria per il Chelsea e cosa significa per la futura proprietà del club.


L’offerta di Ratcliffe per il Chelsea era in ritardo, ma è arrivata troppo tardi?

Mettiamola in questo modo, se accetti verbalmente di vendere la tua casa a qualcuno che ha contattato il tuo agente immobiliare, ha dato un’occhiata in giro un paio di volte e ha soddisfatto il prezzo richiesto, stai ignorando qualcuno che bussa alla tua porta e dice “Lo farò paghi di più e posso farlo domani”?

READ  CVS, Lucid, Southwest Airlines, Boeing, GameStop e molti altri

Buon per te se sei abbastanza grande da onorare quell’accordo iniziale, ma non molti lo fanno. Il gazumping è fastidioso quando capita a te ma non è illegale.

Il processo di vendita del Chelsea è stato gestito dalla banca americana Raine Group. Operando in circostanze senza precedenti, ha commercializzato con successo il club, eliminato le perdite di tempo e organizzato una corsa a tre cavalli tra sindacati composti da investitori mega-ricchi, la maggior parte dei quali ha una notevole esperienza nella gestione di squadre sportive. Per quanto riguarda le vendite di fuoco, è stato calmo e considerato.

In effetti, Raine sentiva chiaramente di aver fatto la sua parte entro venerdì quando ha contattato le due offerte infruttuose: il gruppo sostenuto da Palazzo di cristallo i co-proprietari David Blitzer e Josh Harris, e quello guidato dal co-proprietario dei Boston Celtics Steve Pagliuca – e disse loro che sarebbe andato con la banda guidata da Boehly.

Partiamo dal presupposto che la conversazione sia andata qualcosa del tipo: “Ben giocato, ragazzi, ma stiamo andando con il ragazzo che ha cercato di comprare il Chelsea per anni e non ha battuto ciglio questa settimana quando abbiamo chiesto a tutti voi di garantire altri 500 milioni di sterline per il fondo di beneficenza di Roman. ”.

Ma mentre l’America si stava svegliando, Ratcliffe ha informato il Times che era disposto a investire 2,5 miliardi di sterline nell’ente di beneficenza di Abramovich e impegnare 1,75 miliardi di sterline per la ricostruzione dello stadio e sovvenzionare il club nei prossimi 10 anni. Come afferma il suo successivo comunicato stampa: “Questa è un’offerta britannica, per un club britannico”.

READ  Dow Jones Slides 200 punti; Questi 3 Tech Titans sono in nuove zone di acquisto; Lucid, Rivian Bounce

L’Atletico capisce che questa offerta è andata direttamente al Chelsea, non a Raine. La banca sembrava non essere a conoscenza dei dettagli dell’offerta di Ratcliffe poche ore dopo che i giornali economici statunitensi avevano incoronato Boehly come campione. Ad essere onesti, non ci sono molti dettagli nella dichiarazione di Ratcliffe – è più una dichiarazione di intenti che un’offerta interamente finanziata – ma non c’è dubbio che non l’abbiano previsto.

Comprendiamo che Ratcliffe ha deciso di entrare nella mischia solo questa settimana, ma si è mosso rapidamente per mettersi nella posizione di fare quella che crede sia l’offerta più convincente. Ad esempio, ha parlato con il governo britannico, che ha il veto su questa vendita.

Si dice che sia stato a Londra questa settimana, presumibilmente parlando con i suoi banchieri. Tuttavia, non ha trovato il tempo di parlare con nessun gruppo di fan.

“Ratcliffe può vincere se lo vuole davvero perché sarà sostenuto da Ineos e potrebbe semplicemente aumentare le linee di credito aziendali per finanziare questo acquisto”, afferma una fonte che ha già avuto a che fare con l’uomo d’affari britannico. “Boehly e gli altri hanno a che fare con i membri dei loro sindacati.”

Inoos ha realizzato profitti al netto delle imposte di £ 1,7 miliardi l’anno scorso. Non c’è dubbio che Ratcliffe possa permettersi il Chelsea e si crede che sia fiducioso di poter concludere questo accordo nel giro di pochi giorni. Il tempo è poco, dopotutto. Il Chelsea sta rispettando i propri impegni solo perché gli è stata data una licenza speciale per operare. Scade a fine maggio.

Quindi, ha tempo, ma solo se Raine è disposto a dire a Boehly, Blitzer, Harris, Pagliuca e tutti gli altri miliardari che hanno seguito il suo calendario che non è personale ma 4,25 miliardi di sterline dal più ricco tifoso sportivo della Gran Bretagna – a cui capita proprio di essere un patriota sostenitore della Brexit e sbandieratore, sebbene domiciliato a Monaco, batte 4 miliardi di sterline da una raccolta di uomini d’affari americani e fondi di private equity.

READ  Nomination ai Tony Awards 2022: live streaming e ultime notizie

Allora Ratcliffe fa sul serio?

Riesci a costruire un colosso petrolchimico globale, accumulare una fortuna di oltre 12 miliardi di sterline e fare vacanze al Polo Nord e Sud senza essere serio?

Sì, pensiamo si possa affermare con sicurezza che un ragazzo che ha iniziato la sua vita in una casa popolare a Oldham ma che ora passa il suo tempo tra Monaco e case di lusso sulla costa dell’Hampshire e sulle rive del Lago di Ginevra, è seriamente intenzionato ad acquistare società. Ha costruito Ineos, il quarto produttore chimico più grande del mondo, acquistando più di 20 aziende, impianti e raffinerie in un decennio. Il 69enne inglese è bravo in questo.

Per la maggior parte della sua carriera, Ratcliffe è rimasto fuori dai riflettori. Ma la natura spesso controversa della sua attività, le sue controversie con sindacati e governi e, va detto, il suo fenomenale successo hanno attirato sempre più attenzione. Ha iniziato a spendere i suoi soldi in progetti che invitano al controllo, in particolare lo sport.

Ha acquistato l’FC Lausanne-Sport nel 2017, non molto tempo dopo che le autorità locali si erano impegnate a costruire un nuovo stadio, e poi ha collaborato con il campione olimpico di vela Sir Ben Ainslie per competere per l’America’s Cup, un barchino patriottico che gli è costato più di £ 100 milioni.

Nel 2019 ha acquistato la squadra di ciclismo di maggior successo al mondo, il Team Sky, ribattezzandoli Team Ineos. Il cambio di nome non sembrava rallentare la squadra britannica, vinsero il Tour de France di quell’estate e nello stesso anno raccolse un altro premio francese quando acquistò la Ligue 1 Nice.


Il sostegno finanziario di Ratcliffe ha aiutato Egan Bernal a vincere il Tour de France per il Team Ineos nel 2019 (Foto di Mustafa Yalcin / Anadolu Agency via Getty Images)

Da allora, ha finanziato il tentativo riuscito di Eliud Kipchoge di correre una maratona in meno di due ore, è diventato il partner principale del team Mercedes di F1 e ha iniziato a sponsorizzare gli All Blacks del rugby union.

E ora è tornato per il Chelsea. Perché poco prima che Ratcliffe optasse per l’opzione più economica del Nizza – più conveniente anche per la sua base imponibile ufficiale – fece una cortese richiesta sulla disponibilità del Chelsea.

UN Manchester United fan da ragazzo, il magnate è stato abbonato a Stamford Bridge da adulto. Ma lui e Abramovich, un altro che ha fatto fortuna con i fossili, non sono riusciti a concordare un prezzo nel 2019. Il russo voleva 2,5 miliardi di sterline, ma prima che qualcuno parlasse di fondazioni di beneficenza, beni congelati o impegni infrastrutturali di 10 anni. Ratcliffe gli ha detto che era troppo e invece ha speso 80 milioni di sterline per il Nizza.

Tre anni dopo, con il tempo di Abramovich a Londra, Ratcliffe sembra pensare che 2,5 miliardi di sterline in anticipo siano giusti per i campioni del mondo e d’Europa. Il tempismo è tutto.


Questo significa che dovremmo aspettarci più offerte all’ultimo respiro?

Bene, non ci aspettavamo questo, quindi sarebbe sciocco dire che un altro era impossibile. Ma è difficile vedere da dove verrebbero.

Il processo Raine sembra aver scosso tutti gli imprenditori sportivi con sede negli Stati Uniti che vogliono aggiungere una squadra della Premier League ai loro portafogli in questo momento, e le offerte proposte da Africa, Asia e Medio Oriente non sono riuscite ad andare molto oltre Twitter.

È possibile, supponiamo, che ora dobbiamo passare il momento cruciale e tutti parlano di una cifra nella regione di 2,5 miliardi di sterline per il club/beneficenza più 1,5 miliardi di sterline per il Chelsea nel modo in cui sono diventati abituato, ci sono tutti gli ingredienti perché qualcuno si precipiti e sia magistrale. Qualcuno come Elon Musk, per esempio, ma sembra essere bloccato su Twitter.

Forse i gruppi di offerta che si sono degnati di prendere parte al processo di Raine potrebbero realizzarsi. Dopotutto, sono tutti sindacati di individui che la pensano allo stesso modo, alcuni dei quali hanno già fatto affari insieme.

Ma di quanto dramma ha bisogno una saga di acquisizione di club? C’è più che sufficiente qui per il documentario fly-on-the-wall.


Cosa significa questo per la partecipazione di Ratcliffe a Nizza?

Ah, finalmente, facile.

Per il momento, niente. Significa tanto quanto la partecipazione di Harris e Blitzer nel Crystal Palace o le azioni di Pagliuca nell’Atalanta, un ponte che potremmo dover attraversare ma non andiamo avanti.

Ma, per il bene di questo esercizio, se Ratcliffe compra il Chelsea, non può tenere il Nizza. A meno che non voglia trasformare l’una o l’altra in una squadra di fattoria senza aspirazioni a competere in competizioni europee per club. Il Nizza, per quel che vale, è quinto in Ligue 1 e il mese prossimo affronterà il Nantes nella finale di Coppa di Francia. Stanno facendo una buona stagione.

Lausanne-Sport, invece, stanno avendo una puzza. Sono sicuramente retrocesse in seconda divisione svizzera. Può tenerli.

(Immagine in alto: Getty Images)