Agosto 10, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

“Sono le pause”: Boris Johnson si dimette dalla carica di primo ministro del Regno Unito

  • I ministri del gabinetto si sono dimessi in massa, dicendogli di andare
  • Johnson si ritira dopo una serie di scandali
  • Mira a rimanere fino al successore nominato, molti lo vogliono fuori ora
  • L’approccio combattivo e caotico al governo ha alienato molti
  • L’economia britannica crolla a causa della crisi del costo della vita

LONDRA, 7 luglio (Reuters) – Boris Johnson, scandalizzato dagli scandali, ha annunciato giovedì che si sarebbe dimesso dalla carica di primo ministro britannico dopo aver perso drammaticamente il sostegno dei suoi ministri e della maggior parte dei legislatori conservatori, ma ha detto che sarebbe rimasto in carica fino alla scelta del suo successore.

Inchinandosi all’inevitabile quando più di 50 ministri si sono dimessi e i legislatori hanno detto che doveva andarsene, un Johnson isolato e impotente ha detto che era chiaro che il suo partito voleva qualcun altro al comando.

“Oggi ho nominato un gabinetto per servire, come farò, fino a quando non sarà in posizione un nuovo leader”, ha detto Johnson fuori dal suo ufficio di Downing Street, dove il suo discorso è stato seguito da stretti alleati e da sua moglie Carrie.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

“So che ci saranno molte persone sollevate e forse parecchie anche deluse. E voglio che tu sappia quanto sono triste per aver rinunciato al miglior lavoro del mondo. Ma sono le pause .”

Johnson non si è scusato per gli eventi che hanno portato al suo annuncio e ha detto che la sua partenza forzata è stata “eccentrica”.

Ci sono stati applausi e applausi quando ha iniziato il suo discorso, mentre i fischi risuonavano da alcuni fuori dai cancelli di Downing Street.

Dopo giorni di battaglie per il suo lavoro, Johnson era stato abbandonato da tutti tranne una manciata dei suoi più stretti alleati dopo che l’ultimo di una serie di scandali aveva rotto la loro volontà di sostenerlo.

· La Russia esulta per la caduta di Boris Johnson: lo ‘stupido clown’ se n’è andato

READ  L'arresto del governo è ancora in sospeso mentre la Camera approva il conto di spesa

· Il ministro della Difesa britannico Wallace è in testa ai conservatori: sondaggio

· Arrabbiato e isolato, Boris Johnson ha perso il suo tocco popolare

I conservatori dovranno ora eleggere un nuovo leader, un processo che potrebbe richiedere settimane o mesi, con dettagli da annunciare la prossima settimana. leggi di più

Un rapido sondaggio YouGov ha rilevato che il ministro della Difesa Ben Wallace era il favorito tra i membri del Partito conservatore per sostituire Johnson, seguito dal giovane ministro del Commercio Penny Mordaunt e dall’ex ministro delle finanze Rishi Sunak.

Mentre Johnson ha detto che sarebbe rimasto, gli oppositori e molti nel suo stesso partito hanno detto che avrebbe dovuto andarsene immediatamente e consegnare al suo vice, Dominic Raab.

Keir Starmer, leader del principale partito laburista di opposizione, ha detto che avrebbe convocato un voto di fiducia parlamentare se i conservatori non avessero rimosso Johnson immediatamente. leggi di più

“Non possiamo andare avanti con questo primo ministro che si aggrappa per mesi e mesi a venire”, ha detto.

La crisi arriva quando i britannici stanno affrontando la più stretta pressione sulle loro finanze da decenni, sulla scia della pandemia di COVID-19, con un’inflazione in aumento e l’economia dovrebbe essere la più debole tra le principali nazioni nel 2023 a parte la Russia.

Segue anche anni di divisione interna innescata dal voto ristretto del 2016 per lasciare l’Unione Europea e minacce alla composizione del Regno Unito stesso con richieste per un altro referendum sull’indipendenza scozzese, il secondo in un decennio.

Il sostegno a Johnson era svanito durante una delle 24 ore più turbolente della recente storia politica britannica, incarnata dal ministro delle finanze, Nadhim Zahawi, che è stato nominato al suo incarico solo martedì, chiedendo al suo capo di dimettersi.

Zahawi e altri ministri del governo sono andati a Downing Street mercoledì sera, insieme a un alto rappresentante di quei legislatori non al governo, per dire a Johnson che il gioco era finito.

READ  Joe Rogan: il CEO di Spotify condanna l'uso di insulti razzisti da parte del podcaster, ma afferma che la società non lo "metterà a tacere"

Inizialmente, Johnson si rifiutò di andare e sembrava pronto a scavare, licenziando Michael Gove – un membro della sua squadra ministeriale che è stato uno dei primi a dirgli che doveva dimettersi – nel tentativo di riaffermare la sua autorità.

Ma giovedì mattina, quando sono arrivate una serie di dimissioni, è diventato chiaro che la sua posizione era insostenibile.

“Devi fare la cosa giusta e andare ora”, ha twittato Zahawi.

Alcuni di coloro che sono rimasti in carica, incluso Wallace, hanno affermato che lo stavano facendo solo perché avevano l’obbligo di mantenere il Paese al sicuro.

C’erano state così tante dimissioni ministeriali che il governo aveva dovuto affrontare la paralisi. Nonostante la sua imminente partenza, Johnson iniziò a nominare ministri a posti vacanti.

“È nostro dovere ora garantire che la popolazione di questo paese abbia un governo funzionante”, ha detto al parlamento Michael Ellis, un ministro del dipartimento del Gabinetto che sovrintende alla gestione del governo.

DA POPOLARE A DESERTO

L’esuberante Johnson è salito al potere quasi tre anni fa, promettendo di realizzare la Brexit e salvarlo dalle aspre dispute seguite al referendum del 2016. Si è scrollato di dosso le preoccupazioni di alcuni sul fatto che il suo narcisismo, l’incapacità di affrontare i dettagli e la reputazione di inganno significassero che non era adatto.

Da allora, alcuni conservatori avevano sostenuto con entusiasmo l’ex giornalista e sindaco di Londra mentre altri, nonostante le riserve, lo sostenevano perché poteva appellarsi a parti dell’elettorato che di solito rifiutavano il loro partito.

Ciò è stato confermato nelle elezioni di dicembre 2019. Ma l’approccio combattivo e spesso caotico della sua amministrazione al governo e una serie di scandali hanno esaurito la buona volontà di molti dei suoi legislatori mentre i sondaggi d’opinione mostrano che non è più popolare tra il pubblico in generale.

La recente crisi è esplosa dopo che il legislatore Chris Pincher, che ha ricoperto un ruolo di governo coinvolto nella pastorale, è stato costretto a dimettersi per l’accusa di aver palpato gli uomini in un club privato.

READ  La Germania si rivolge al carbone mentre la Russia limita le forniture di gas

Johnson ha dovuto scusarsi dopo che è emerso di essere stato informato che Pincher era stato oggetto di precedenti denunce di cattiva condotta sessuale prima di nominarlo. Il primo ministro ha detto di aver dimenticato.

Ciò è seguito a mesi di scandali e passi falsi, tra cui un rapporto schiacciante su feste alcoliche nella sua residenza e ufficio di Downing Street che hanno infranto le regole di blocco del COVID-19 e lo hanno visto multato dalla polizia per una riunione per il suo 56esimo compleanno.

Ci sono state anche inversioni di marcia, una sfortunata difesa di un legislatore che ha infranto le regole di lobbying e critiche sul fatto che non ha fatto abbastanza per affrontare l’inflazione, con molti britannici che lottano per far fronte all’aumento dei prezzi del carburante e dei generi alimentari.

Nel suo discorso di dimissioni, Johnson ha messo in evidenza i suoi successi: dal completamento della Brexit alla garanzia del lancio del vaccino COVID-19 più veloce in Europa. Ma ha detto che i suoi tentativi di persuadere i colleghi che cambiare leader mentre c’era la guerra in Ucraina e il governo stava portando avanti la sua agenda erano falliti.

“Mi dispiace di non aver avuto successo in quelle argomentazioni. E, naturalmente, è doloroso non essere in grado di vedere attraverso così tante idee e progetti da solo”, ha detto.

“Ma come abbiamo visto a Westminster, l’istinto del gregge è potente: quando il gregge si muove, si muove e, amici miei, in politica nessuno è neanche lontanamente indispensabile”.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di William James, Kylie MacLellan, Andrew MacAskill, Alistair Smout, William Schomberg, Muvija M, Farouq Suleiman e Sachin Ravikumar; Scritto da Michael Holden ed Elizabeth Piper; Montaggio di Kate Holton, Frank Jack Daniel, Toby Chopra e Mark Heinrich

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.