Luglio 4, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

‘Smettila di giocare’ con la Russia, finisci la guerra: Zelenskiy dice a West

  • Il presidente dell’Ucraina critico nei confronti dell’UE, sollecita sanzioni più severe
  • “Smettila di giocare” con la Russia, finisci la “guerra senza senso” – Zelenskiy
  • Il vertice dell’UE potrebbe vedere divisioni sulle sanzioni
  • Il capo delle forze armate ucraine chiede più armi
  • La Russia mette in guardia l’Occidente dal fornire armi a lungo raggio

KIEV, 27 maggio (Reuters) – Il presidente Volodymyr Zelenskiy ha esortato l’Occidente a smettere di giocare con la Russia e a imporre sanzioni più severe contro di essa per porre fine alla sua “guerra senza senso” in Ucraina, aggiungendo che il suo Paese sarebbe rimasto indipendente, l’unica domanda era cosa prezzo.

Le critiche di Zelenskiy all’Occidente sono aumentate negli ultimi giorni mentre l’Unione Europea si muove lentamente verso un possibile embargo petrolifero russo e mentre migliaia di truppe russe cercano di circondare le due città orientali di Sievierodonetsk e Lysychansk.

A tre mesi dall’invasione dell’Ucraina, la Russia ha abbandonato il suo assalto alla capitale Kiev e sta cercando di consolidare il controllo della regione industriale orientale del Donbas, dove sostiene una rivolta separatista dal 2014.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Gli analisti militari occidentali vedono la battaglia per Sievierodonetsk e Lysychansk come un possibile punto di svolta nella guerra dopo un cambiamento di slancio verso la Russia in seguito alla resa della guarnigione ucraina a Mariupol la scorsa settimana.

“L’Ucraina sarà sempre uno stato indipendente e non si romperà. L’unica domanda è quale prezzo dovrà pagare il nostro popolo per la sua libertà e quale prezzo pagherà la Russia per questa guerra insensata contro di noi”, ha detto Zelenskiy in un indirizzo notturno di giovedì.

READ  Il petrolio cade sull'allarme COVID-19 di Pechino, preoccupazioni sull'inflazione Di Reuters

“Gli eventi catastrofici che si stanno svolgendo potrebbero ancora essere fermati se il mondo trattasse la situazione in Ucraina come se si trovasse di fronte alla stessa situazione, se le potenze non giocassero con la Russia ma insistessero davvero per porre fine alla guerra”.

Zelenskiy si è lamentato dei disaccordi all’interno dell’UE su ulteriori sanzioni contro la Russia e ha chiesto perché ad alcuni paesi fosse stato permesso di bloccare il piano.

L’UE sta discutendo un sesto round di misure punitive, compreso un embargo sulle importazioni di petrolio russo. Richiede l’unanimità, ma l’Ungheria si oppone all’idea in quanto la sua economia soffrirebbe troppo. leggi di più

L’Ungheria ha bisogno di 3-1 / 2 o 4 anni per allontanarsi dal greggio russo e fare enormi investimenti per adeguare la sua economia e fino a quando non ci sarà un accordo su tutte le questioni, non può sostenere l’embargo petrolifero proposto dall’UE, ha affermato un importante collaboratore ungherese.

Zelenskiy ha affermato che la Russia riceveva un miliardo di euro al giorno dal blocco di 27 nazioni per le forniture energetiche.

“Quante settimane ancora l’Unione europea cercherà di concordare un sesto pacchetto?” chiese.

“La pressione sulla Russia è letteralmente una questione di salvare vite umane. Ogni giorno di procrastinazione, debolezza, varie controversie o proposte per ‘pacificare’ l’aggressore a spese della vittima significa semplicemente che più ucraini vengono uccisi”.

I commenti di Zelenskiy segnano il secondo giorno consecutivo in cui ha acuito le sue critiche all’approccio del mondo alla guerra.

Mercoledì, ha ferocemente suggerito che Kiev facesse concessioni per portare la pace, dicendo che l’idea sapeva di tentativi di placare la Germania nazista nel 1938. leggi di più

READ  Guerra Ucraina-Russia in diretta: aggiornamenti sul rublo e ultime notizie

Un vertice dell’UE del 30-31 maggio potrebbe vedere divisioni tra i membri che vogliono una linea dura sulla Russia e quelli che chiedono un cessate il fuoco. leggi di più

RUSSI IN AVANZAMENTO

Le forze russe hanno attaccato da tre lati per cercare di circondare le forze ucraine a Sievierdonetsk e Lysychansk giovedì, hanno detto l’esercito ucraino. Se le due città a cavallo del fiume Siverskiy Donets dovessero cadere, quasi tutta la provincia di Luhansk nel Donbas sarebbe sotto il controllo russo.

L’avanzata russa nel Donbas è stata sostenuta da massicci bombardamenti di artiglieria. L’esercito ucraino ha detto che 50 città nelle province di Donetsk e Luhansk sono state bombardate giovedì.

Il governatore di Luhansk Serhiy Gaidai ha detto che cinque civili sono stati uccisi a Sievierdonetsk in 24 ore.

Giovedì, ha detto che circa 150 persone sono state sepolte in una fossa comune in un distretto di Lysychansk perché era troppo pericoloso per le famiglie raccogliere i corpi e seppellirli individualmente. La Russia dice che non prende di mira i civili.

Il capo delle forze armate ucraine, Valeriy Zaluzhny, ha chiesto a Telegram più armi occidentali, in particolare “armi che ci permetteranno di colpire il nemico a grande distanza”.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha successivamente avvertito che qualsiasi fornitura di armi che potesse raggiungere il territorio russo sarebbe un “passo serio verso un’escalation inaccettabile”.

PERICOLO DI RISCALDAMENTO

I paesi occidentali guidati dagli Stati Uniti hanno fornito all’Ucraina armi a lungo raggio, inclusi obici M777 e missili antinave Harpoon, dalla Danimarca.

Washington sta anche valutando la possibilità di fornire a Kiev un sistema missilistico con un raggio di centinaia di chilometri e ha discusso con Kiev sul pericolo di un’escalation se colpisse in profondità la Russia, hanno detto a Reuters funzionari statunitensi e diplomatici. leggi di più

READ  L'allenatore degli Spurs Gregg Popovich ottiene la 1.336esima vittoria battendo il record NBA di tutti i tempi di Don Nelson

“Siamo preoccupati per l’escalation e tuttavia non vogliamo porre limiti geografici o legarci troppo le mani con le cose che stiamo dando loro”, ha affermato un funzionario statunitense, parlando in condizione di anonimato.

La Russia definisce le sue azioni in Ucraina una “operazione speciale” per disarmare l’Ucraina e proteggerla dai fascisti. L’Ucraina e l’Occidente affermano che l’accusa fascista è infondata e che la guerra è un atto di aggressione non provocato.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che la Russia si aspetta che l’Ucraina accetti le sue richieste in qualsiasi colloquio di pace. Vuole che l’Ucraina riconosca la sovranità russa sulla penisola di Crimea conquistata da Mosca nel 2014 e l’indipendenza del territorio rivendicato dai separatisti. leggi di più

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Reporting da parte degli uffici Reuters; Scritto da Michael Perry; Montaggio di Raju Gopalakrishnan, Robert Birsel

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.