Settembre 26, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Shanghai avvia il più grande blocco del COVID-19 della Cina in 2 anni

PECHINO (AP) – La Cina ha iniziato il suo blocco più esteso in due anni lunedì per condurre test di massa e controllare un crescente focolaio a Shanghai mentre vengono sollevate domande sul tributo economico della strategia “zero-COVID” della nazione.

Capitale finanziaria della Cina e città più grande con 26 milioni di persone, Shanghai ha gestito i suoi focolai passati più piccoli con blocchi limitati di complessi abitativi e luoghi di lavoro dove si stava diffondendo il virus. Ma il blocco cittadino che sarà condotto in due fasi sarà il più esteso della Cina da quando la città centrale di Wuhan, dove il virus è stato rilevato per la prima volta alla fine del 2019, ha confinato per la prima volta i suoi 11 milioni di persone nelle loro case per 76 giorni all’inizio del 2020. Milioni di persone da allora altri sono stati tenuti in blocco.

Il distretto finanziario di Pudong di Shanghai e le aree vicine saranno chiuse dal lunedì al venerdì mentre iniziano i test di massa, ha affermato il governo locale. Nella seconda fase del blocco, la vasta area del centro cittadino a ovest del fiume Huangpu che divide la città inizierà il proprio blocco di cinque giorni venerdì.

I residenti saranno tenuti a rimanere a casa e le consegne verranno lasciate ai posti di blocco per garantire che non ci siano contatti con il mondo esterno. Gli uffici e tutte le attività non ritenute essenziali saranno chiuse e i trasporti pubblici sospesi.

Già la scorsa settimana molte comunità all’interno di Shanghai sono state chiuse, con i loro complessi abitativi bloccati da barriere di plastica blu e gialle e i residenti sono tenuti a sottoporre più test per COVID-19. Il parco a tema Disneyland di Shanghai è tra le attività che hanno chiuso prima. Secondo quanto riportato dai media, anche la casa automobilistica Tesla sospenderà la produzione nel suo stabilimento di Shanghai.

READ  La Corte Suprema del Wisconsin proibisce l'uso della maggior parte delle urne

Domenica è stato segnalato un acquisto di panico, con gli scaffali dei supermercati sgomberati da cibo, bevande e articoli per la casa. Lunedì sono state erette ulteriori barriere nei quartieri, con lavoratori in tute ignifughe che forniscono personale ai posti di blocco.

Alcuni lavoratori, compresi i commercianti del mercato azionario della città, si stavano preparando a rimanere all’interno di una “bolla” COVID-19 per tutta la durata del blocco.

Li Jiamin, 31 anni, che lavora nel settore finanziario, ha detto di aver fatto i bagagli per diversi giorni di vestiti e forniture e la sua azienda stava sistemando per dormire e mangiare.

“L’impatto complessivo è ancora grande”, ha detto Li all’Associated Press, indicando in particolare le perdite subite dai lavoratori del settore informale che non hanno tale sostegno.

Huang Qi, 35 anni, che lavora in un’università locale, ha detto di aver già subito un blocco a casa e di essersi preparato per il nuovo round facendo scorta.

“Penso che se la chiusura continua così, i nostri lavoratori scolastici non ne risentiranno molto, ma che dire di chi lavora nell’economia reale? Come possono essere mantenute le loro attività?” ha detto Huang.

“Spero ancora che la nostra società possa trovare un migliore equilibrio tra garantire una vita normale e la prevenzione e il controllo delle epidemie”, ha aggiunto Huang.

Shanghai ha rilevato altri 3.500 casi di infezione domenica, anche se tutte le persone tranne 50 sono risultate positive al coronavirus ma non mostravano sintomi di COVID-19. Mentre le persone che sono asintomatiche possono comunque infettarne altre, la Cina classifica questi casi separatamente dai “casi confermati” – quelli nelle persone malate – portando a totali molto più bassi nei rapporti giornalieri.

READ  OneWeb: l'agenzia spaziale russa si rifiuta di lanciare satelliti Internet, indica le sanzioni del Regno Unito

A livello nazionale, domenica sono stati rilevati 1.219 nuovi casi confermati di infezione domestica, più di 1.000 dei quali nella provincia nord-orientale di Jilin, insieme a 4.996 casi asintomatici, ha riferito lunedì la Commissione sanitaria nazionale.

La Cina ha segnalato più di 56.000 casi confermati a livello nazionale questo mese, con l’impennata di Jilin che ne rappresenta la maggior parte.

La provincia di Jilin sta applicando divieti di viaggio e blocchi parziali in diverse città, tra cui Changchun, uno dei centri dell’industria automobilistica cinese. Sebbene la provincia abbia visto più di 1.000 nuovi casi confermati al giorno, le misure di prevenzione e controllo adottate non sembrano essere state così estreme come in altri luoghi.

Come è diventato consuetudine, Jilin ha costruito reparti temporanei prefabbricati per ospitare i pazienti COVID-19 e quelli sotto osservazione come casi sospetti. Anche la città di Suzhou, a circa un’ora da Shanghai, così come Changsha nel centro del paese e Shenyang nel nord-est, stanno erigendo strutture in grado di ospitare più di 6.000 persone.

La Cina ha definito il suo approccio di lunga data “tolleranza zero” la strategia di prevenzione più economica ed efficace contro COVID-19.

Le nuove misure in vigore a Shanghai mirano a “frenare la diffusione del virus, proteggere la vita e la salute delle persone e raggiungere l’obiettivo dinamico zero-COVID il prima possibile”, ha dichiarato domenica sera l’ufficio cittadino per la prevenzione e il controllo del COVID-19. .

Ciò richiede blocchi e test di massa, con contatti stretti spesso messi in quarantena a casa o in una struttura del governo centrale. La strategia si concentra sull’eradicazione della trasmissione del virus nella comunità il più rapidamente possibile.

Mentre i funzionari, incluso il leader del Partito Comunista Xi Jinping, hanno incoraggiato misure più mirate, i funzionari locali tendono ad adottare un approccio più estremo, preoccupati di essere licenziati o altrimenti puniti per le accuse di deposito per prevenire focolai.

READ  Nuovo audio: McCarthy ha detto che Trump ha riconosciuto "una certa responsabilità" per gennaio. 6

Più di recente, la provincia di Hunan, che ha visto relativamente pochi casi, ha ordinato punizioni contro 19 funzionari per “non aver consolidato vigorosamente le politiche anti-pandemia”, ha riferito lunedì l’emittente statale CCTV.

Con la crescita economica della Cina già in rallentamento, le misure estreme sono viste come un peggioramento delle difficoltà che colpiscono l’occupazione, i consumi e persino le catene di approvvigionamento globali. Con un coprifuoco di 21 giorni in vigore per tutti gli stranieri che arrivano dall’estero, i viaggi tra la Cina e altri paesi sono diminuiti drasticamente.

Venerdì, l’International Air Transport Association ha annunciato che avrebbe spostato la sua assemblea generale annuale da Shanghai a Doha, citando “le continue restrizioni relative al COVID-19 ai viaggi in Cina”.

“È profondamente deludente che non siamo in grado di incontrarci a Shanghai come previsto”, ha dichiarato il direttore generale della IATA Willie Walsh in un comunicato stampa.

Tuttavia, l’annuncio di Shanghai delle date in cui i due blocchi sarebbero stati revocati sembrava mostrare un ulteriore perfezionamento nell’approccio cinese. I precedenti blocchi in tutta la città erano stati a tempo indeterminato.

Sebbene il tasso di vaccinazione cinese sia di circa l’87%, è considerevolmente inferiore tra le persone anziane.

I dati nazionali pubblicati all’inizio di questo mese hanno mostrato che oltre 52 milioni di persone di età pari o superiore a 60 anni devono ancora essere vaccinate con alcun vaccino COVID-19. Anche i tassi di richiamo sono bassi, con solo il 56,4% delle persone tra i 60 e i 69 anni che ha ricevuto un’iniezione di richiamo e il 48,4% delle persone tra i 70 e i 79 anni ne ha ricevuto uno.

Le persone anziane e non vaccinate hanno maggiori probabilità di ammalarsi gravemente se contraggono il virus.