Maggio 24, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Rockies ingaggia Kris Bryant

17:25: L’accordo include una clausola di no-trade completa, riporta Joel Sherman del New York Post (Collegamento Twitter).

17:22: Le Montagne Rocciose sono d’accordo con Krist Bryant su un accordo di sette anni da 182 milioni di dollari, riporta Jon Heyman della rete MLB (Twitter collegamenti). Il Colorado non ha nascosto il suo desiderio di ottenere un pipistrello di grande valore in free agency, e lo ha fatto con la seconda più grande garanzia della bassa stagione fino ad oggi. Bryant è un cliente della Boras Corporation.

Bryant interverrà come il nuovo volto di un franchise che è stato scambiato Nolan Arenado e visto Storia di Trevor ha colpito il libero arbitrio nelle ultime due offseason. È il più grande investimento free agent nella storia del franchise, quello che legherà il quattro volte All-Star a Denver durante la sua stagione di 36 anni.

Entrando nella bassa stagione, pochi si sarebbero aspettati che il Colorado facesse questo tipo di grande successo. I Rockies sono arrivati ​​​​quarti nella NL West in ciascuna delle ultime tre stagioni e stanno uscendo da un 74-87 nel 2021. Alcuni estranei hanno chiesto al Colorado di demolire le cose e impegnarsi in una ricostruzione completa, ma la proprietà e il front office ha affermato di non vedere la squadra così lontana dalla contesa.

Dall’inizio della bassa stagione, secondo quanto riferito, il Colorado ha mirato a un importante aggiornamento offensivo del proprio mix outfield. Secondo quanto riferito, le Montagne Rocciose hanno fatto il check-in con giocatori come Kyle Schwarber e Michele Conforto anche, ma negli ultimi giorni è diventato chiaro che Bryant era il loro obiettivo desiderato. Era in dubbio se avrebbero speso al livello necessario per ottenerlo, ma il proprietario Dick Monfort ha firmato un contratto di sette anni con un valore medio annuo di $ 26 milioni per portare una delle stelle più riconoscibili del gioco.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: la Russia invade l'Ucraina

Bryant, ovviamente, ha guadagnato quella notorietà durante i suoi giorni con i Cubs. Seconda scelta assoluta nel draft 2013, è entrato immediatamente in pro ball come una delle migliori prospettive del gioco. Bryant è stato all’altezza di quelle aspettative, facendo a pezzi le minori per una stagione e mezza. I Cubs hanno ritardato il suo debutto in campionato di poche settimane nella stagione 2015 per respingere di una stagione il suo percorso verso il libero arbitrio, ma ha debuttato a metà aprile e ha preso il via correndo come una star.

Il prodotto dell’Università di San Diego ha raggiunto .275 / .369 / .488 con 26 homer nella sua prima stagione, rivendicando il premio Rookie of the Year della National League. Bryant ha realizzato una clip leggermente allarmante quell’anno, ma ha migliorato significativamente la sua uscita di contatto durante il suo secondo anno. La star della terza base ha raggiunto .292 / .385 / .554 nel 2016, vincendo il NL MVP e aiutando i Cubs a ottenere una stagione di 103 vittorie e il loro primo titolo nelle World Series in 108 anni.

Chicago non è mai diventata la dinastia pluriennale che alcuni fan si aspettavano, ma Bryant ha continuato a eccellere in squadre generalmente buone per le stagioni successive. Ha combinato per un punteggio di .284 / .390 / .511 tra il 2017-19, classificandosi al 17 ° posto tra i giocatori in posizione in FanGraphs Wins Above Replacement in quel tratto. Bryant sembrava sulla strada per un mega affare free agent, ma la sua produzione è crollata nel 2020. Durante la stagione ridotta di quell’anno, ha registrato una bassa linea di .206 / .293 / .351 su 34 partite. Che tipo di produzione i Cubs potevano aspettarsi da lui, così come il modo in cui il suo mercato dei free agent potrebbe alla fine scuotersi, sembrava molto nell’aria nel 2021.

READ  Concorso del governatore della Virginia tra Young e McAuliffe: cosa sapere

Bryant non ha riguadagnato la sua forma di MVP la scorsa stagione, ma si è ripreso dalla crisi del 2020. Ha segnato .267 / .358 / .503 su 374 apparizioni di targa sul North Side, produzione offensiva che ha registrato 29 punti percentuali sopra la media del campionato. Ciò non è stato sufficiente per impedire ai Cubs di uno slittamento di giugno-luglio che li ha portati fuori dalla contesa post-stagione, tuttavia, ed è diventato chiaro che avrebbero probabilmente spostato l’imminente free agent entro il 30 luglio. Pochi minuti prima della scadenza dello scambio, i Cubs ha spedito Bryant ai Giants per i potenziali clienti Alessandro Canario e Caleb Kilian.

E c’è dell’altro.