Settembre 26, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Riassunto dello storico deposito del tribunale del Dipartimento di Giustizia sulla ricerca di Mar-a-Lago

I pubblici ministeri hanno approfondito nuovi dettagli sull’indagine penale in corso sulla potenziale cattiva gestione da parte di Trump di documenti riservati, che ha portato dalla Casa Bianca al suo resort e alla sua casa in Florida. Trump e i suoi alleati hanno negato qualsiasi illecito.

In totale, il governo degli Stati Uniti ha recuperato più di 320 documenti classificati da Mar-a-Lago da gennaio, inclusi più di 100 sequestrati nella ricerca di agosto, afferma il Dipartimento di Giustizia.

Il deposito è in risposta all’offerta di Trump per un “maestro speciale” in una causa civile contro il Dipartimento di Giustizia, settimane dopo che l’FBI ha perquisito Mar-a-Lago. Il giudice che si occupa del caso, nominato da Trump, ha affermato che il suo “intento preliminare” è quello di coinvolgere un maestro speciale. Giovedì è prevista l’udienza.

Ecco alcuni punti chiave del deposito, cosa abbiamo imparato e dove andiamo da qui.

I documenti sono stati spostati e forse nascosti agli investigatori

I documenti sono stati “probabilmente nascosti e rimossi” da un magazzino a Mar-a-Lago come parte di uno sforzo per “ostruire” le indagini dell’FBI, ha affermato martedì il Dipartimento di Giustizia nel suo deposito.

Inoltre, il Dipartimento di Giustizia ha affermato che la ricerca “metteva seri dubbi” sulle affermazioni dei suoi avvocati secondo cui c’era stata una “ricerca diligente” per restituire materiale riservato in risposta a una citazione del gran giurì.

A giugno un avvocato di Trump ha firmato una dichiarazione al Dipartimento di Giustizia attestante che tutto il materiale classificato a Mar-a-Lago era stato restituito.

“Che l’FBI, nel giro di poche ore, ha recuperato il doppio dei documenti con contrassegni di classificazione rispetto alla ‘diligente ricerca’ che il consigliere dell’ex presidente e altri rappresentanti hanno avuto settimane per eseguire mette in seria discussione le dichiarazioni fatte nella certificazione del 3 giugno e “mette in dubbio la portata della cooperazione in questa materia”, ha scritto il DOJ.

READ  I nativi americani piangono il Ringraziamento: "Nessun motivo per festeggiare"

Il Dipartimento di Giustizia rifiuta le critiche e le falsità di Trump sulla ricerca dell’FBI

Il deposito del Dipartimento di Giustizia ha dato agli investigatori federali la possibilità di confutare – negli archivi – molte delle affermazioni che Trump, i suoi avvocati e i suoi alleati politici hanno avanzato poiché hanno attaccato duramente la perquisizione senza precedenti della sua residenza da parte dell’FBI.

Il DOJ ha scritto che il deposito includeva una “recitazione dettagliata dei fatti rilevanti, molti dei quali sono forniti per correggere la narrativa incompleta e imprecisa esposta nei documenti del querelante”.

Il deposito citava numerosi esempi che confutavano le affermazioni provenienti dal team di Trump sulla ricerca e su ciò che è successo prima di essa.

Ad esempio, un alto funzionario del DOJ sostiene che gli investigatori federali erano limitati in ciò che potevano guardare quando visitavano il resort di Mar-a-Lago a giugno, contrariamente alla narrativa di totale cooperazione del team di Trump.

Gli avvocati di Trump non hanno affermato che i documenti fossero declassificati

Il resoconto del Dipartimento di Giustizia ha anche minato le affermazioni di Trump e dei suoi alleati secondo cui l’ex presidente aveva declassificato i materiali in questione.

“Durante la produzione dei documenti, né l’avvocato né il custode hanno affermato che l’ex presidente aveva declassificato i documenti o rivendicato un privilegio esecutivo”, si legge nel deposito.

“Invece, l’avvocato li ha gestiti in un modo che ha suggerito che l’avvocato credeva che i documenti fossero classificati: la produzione includeva un’unica busta Redweld, avvolta in un doppio nastro, contenente il documento”, hanno aggiunto i pubblici ministeri.

Un’immagine vale più di mille parole

L’ultima pagina del deposito del tribunale di 54 pagine era una foto che mostrava fogli di copertina di documenti riservati disposti sul pavimento dell’ufficio di Trump a Mar-a-Lago, inclusi documenti con materiale altamente sensibile come fonti umane.

READ  Taverna del Sud Africa: 22 morti per un incidente nell'East London

La foto ha portato a casa il messaggio che il Dipartimento di Giustizia sembrava trasmettere martedì, presentando la sua difesa più solida della ricerca.

Perché Truth Social, sostenuto da Trump, non è ancora disponibile sull'app store di Google

Il governo ha preso in custodia i documenti di Mar-a-Lago tre volte quest’anno: Trump ha consegnato volontariamente 15 scatole agli archivi nazionali a gennaio, la squadra di Trump ha consegnato alcuni materiali sotto mandato di comparizione a giugno e gli agenti dell’FBI hanno sequestrato altre 33 scatole durante il ricerca di Mar-a-Lago all’inizio di questo mese.

I pubblici ministeri hanno affermato che gli agenti dell’FBI hanno recuperato oltre 100 documenti riservati unici durante la perquisizione di Mar-a-Lago l’8 agosto. (Gli investigatori non hanno rivelato quanti di questi fossero “top secret.”)

A proposito del passaporto

Trump ha attaccato l’FBI per aver preso i suoi passaporti, anche se in seguito sono stati restituiti, sostenendo che erano fuori dall’ambito del mandato e sequestrati in modo improprio.

Ma il governo ha affermato che i passaporti sono stati trovati in un cassetto della scrivania che conteneva documenti riservati, con i documenti del governo che “arrivavano accompagnati da altri documenti”.

“La posizione dei passaporti è una prova rilevante in un’indagine sulla conservazione non autorizzata e sulla cattiva gestione delle informazioni sulla difesa nazionale; tuttavia, il governo ha deciso di restituire quei passaporti a sua discrezione”, ha scritto il DOJ.

Un maestro speciale ostacolerebbe la revisione dei rischi per la sicurezza nazionale, afferma il Dipartimento di Giustizia

Il Dipartimento di Giustizia ha sostenuto nella sua dichiarazione in tribunale martedì che la nomina di un maestro speciale per esaminare i materiali prelevati dalla residenza di Trump danneggerebbe la sicurezza nazionale, sostenendo che ritarderebbe la revisione in corso da parte della comunità dell’intelligence dei documenti conservati a Mar-a-Lago.

READ  Ordine di blocco dell'Austria per coloro che non sono stati vaccinati contro il COVID-19

“La nomina di un comandante speciale ostacolerebbe l’indagine penale in corso del governo e, se il comandante speciale avesse il compito di rivedere i documenti riservati, impedirebbe alla comunità di intelligence di condurre la sua revisione in corso del rischio per la sicurezza nazionale che lo stoccaggio improprio di questi oggetti altamente sensibili materiali potrebbero aver causato e dall’identificazione di misure per correggere o mitigare eventuali danni causati da una conservazione impropria”, hanno scritto gli avvocati del Dipartimento di Giustizia.

Il dipartimento ha evidenziato tali rischi poiché ha affermato che il master speciale sarebbe “non necessario”, dato che il team di filtraggio interno del DOJ aveva già terminato il suo lavoro separando i documenti potenzialmente privilegiati dai materiali sequestrati per i documenti privilegiati e “il team investigativo del governo ha già ha esaminato tutti i materiali rimanenti, compresi quelli potenzialmente soggetti a pretese di privilegio esecutivo.”

“Inoltre, la nomina di un maestro speciale ostacolerebbe le indagini penali in corso del governo”, ha affermato il DOJ.

Il deposito del Dipartimento di Giustizia pone le basi per la risposta di Trump e l’udienza di giovedì

Con le rivelazioni del nuovo deposito, il tempo stringe perché Trump risponda in un’altra presentazione in tribunale mercoledì e poi in tribunale giovedì pomeriggio.

La scadenza per Trump per presentare una risposta scritta al brief del dipartimento è alle 20:00 ET mercoledì.

Quindi giovedì, entrambe le parti discuteranno davanti al giudice distrettuale degli Stati Uniti Aileen Cannon, nominato da Trump, nel tribunale federale di West Palm Beach. Sabato, Cannon ha segnalato di essere disposta a soddisfare la richiesta di Trump di un maestro speciale nell’ordine che ha tramandato sabato, definendo il programma del briefing. Ma ha detto che non aveva ancora preso una decisione definitiva sulla questione.