Maggio 27, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Rand Paul blocca 40 miliardi di dollari in aiuti all’Ucraina negando il consenso unanime al Senato

Il senatore repubblicano del Kentucky Rand Paul ha sfidato i leader di entrambe le parti giovedì e ha ritardato fino alla prossima settimana l’approvazione del Senato di ulteriori $ 40 miliardi per aiutare Ucraina ei suoi alleati resistono all’invasione russa di tre mesi fa.

Con il Senato pronto a discutere e votare il pacchetto di aiuti militari ed economici, Paul ha negato ai leader l’accordo unanime di cui avevano bisogno per procedere. La misura bipartisan, sostenuta dal presidente Joe Biden, sottolinea la determinazione degli Stati Uniti a rafforzare il proprio sostegno alle forze ucraine in inferiorità numerica.

La legge è stata approvata a stragrande maggioranza dalla Camera e ha un forte sostegno bipartisan al Senato. Il passaggio finale non è in dubbio.

Anche così, l’obiezione di Paul è stata un allontanamento dal sentimento schiacciante al Congresso a favore di un rapido aiuto all’Ucraina, poiché combatte per resistere alla brutale invasione di Vladimir Putin e cerca di scoraggiarlo dall’escalation della guerra.

È stata anche una ribellione contro il suo collega repubblicano del Kentucky, il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell, che giovedì aveva invitato “entrambe le parti” ad “aiutarci ad approvare oggi questo disegno di legge di finanziamento urgente”.

Paul, un libertario che spesso si oppone all’intervento degli Stati Uniti all’estero, ha detto di volere un linguaggio inserito nel disegno di legge, senza un voto, che avrebbe un ispettore generale che esaminasse la nuova spesa. Ha una lunga storia di richieste di modifiche dell’ultimo minuto bloccando o minacciando di ritardare le fatture sull’orlo del passaggio, comprese le misure relative al linciaggio, le sanzioni alla Russia, la prevenzione di una chiusura federale, il bilancio della difesa, la sorveglianza del governo e la fornitura di assistenza sanitaria a il settembre 11 attaccano i primi soccorritori.

Democratici e McConnell si sono opposti alla spinta di Paul e si sono offerti di votare sulla sua lingua. Paul rischiava di perdere quel voto e ha rifiutato l’offerta.

L’addetto stampa della Casa Bianca Jen Psaki è stato interrogato da Ed O’Keefe di CBS News sull’insistenza di Paul sull’inclusione di un ispettore generale e se l’amministrazione Biden avrebbe istituito una sorta di entità di controllo per monitorare la spesa.

READ  L'economia statunitense è cresciuta al ritmo più veloce nel 2021 dall'amministrazione Reagan

“Direi che siamo d’accordo che la supervisione è fondamentale”, ha risposto Psaki. “Ecco perché il pacchetto include già milioni di dollari per sostenere ulteriori misure di supervisione, inclusi finanziamenti aggiuntivi per gli ispettori generali esistenti e incoraggiamo tutti i senatori ad approvare prontamente il disegno di legge così com’è, riteniamo che ciò che è lì dentro sia sufficiente”.

Paul, che ha cercato senza successo la nomina presidenziale del suo partito nel 2016, ha affermato che la spesa aggiuntiva era superiore a quella degli Stati Uniti per molti programmi interni, era paragonabile all’intero bilancio della difesa della Russia e avrebbe aggravato i deficit federali e l’inflazione. Il disavanzo di bilancio dello scorso anno era di quasi 2,8 trilioni di dollari, ma è probabile che sia diretto al ribasso e la spesa prevista dal conto è inferiore allo 0,2% delle dimensioni dell’economia statunitense, suggerendo che il suo impatto sull’inflazione sarebbe trascurabile.

“Non importa quanto solidale sia la causa, il mio giuramento è rivolto alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti d’America”, ha detto Paul. “Non possiamo salvare l’Ucraina condannando l’economia statunitense”.

I democratici hanno detto che si sarebbero opposti al piano di Paul perché amplierebbe i poteri di un ispettore generale esistente la cui attuale competenza è limitata all’Afghanistan. Ciò negherebbe il sig. Biden l’opportunità che i past presidenti avevano avuto di fissare un appuntamento per la carica, hanno detto.

“È chiaro dal giovane senatore dalle osservazioni del Kentucky che non vuole aiutare l’Ucraina”, ha affermato il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer, democratico di New York. “Tutto ciò che farà con le sue azioni qui oggi è ritardare quell’aiuto, non fermarlo”.

Schumer e McConnell erano quasi fianco a fianco mentre cercavano di portare avanti la legislazione.

READ  Adele piange mentre i membri del consiglio rinviano la residenza a Las Vegas a causa delle cause legali contro il COVID

“Chiedono solo le risorse di cui hanno bisogno per difendersi da questa folle invasione”, ha detto McConnell degli ucraini. “E hanno bisogno di questo aiuto in questo momento.”

Martedì la Camera ha votato 368-57 per approvare il provvedimento. Tutti i democratici e la maggior parte dei repubblicani l’hanno appoggiato, sebbene ogni voto “no” provenisse dal GOP.

Il sostegno bipartisan all’Ucraina è stato in parte guidato dai resoconti delle atrocità russe contro i civili ucraini che erano impossibili da ignorare. Riflette anche le preoccupazioni strategiche sul lasciare che Putin si impadronisca del territorio europeo senza risposta mentre il suo assalto al suo vicino a ovest giunge alla sua dodicesima settimana.

“Aiutare l’Ucraina non è un esempio di semplice filantropia”, ha detto McConnell. “Riguarda direttamente la sicurezza nazionale americana e gli interessi vitali che la nuda aggressione della Russia non ha successo e comporta costi significativi”.

I funzionari dell’amministrazione Biden hanno affermato che si aspettano che l’ultima misura di aiuto duri fino a settembre. Ma con l’Ucraina che subisce pesanti perdite militari e civili e nessun senso di quando i combattimenti potrebbero finire, il Congresso alla fine dovrà prendere decisioni su quanti più aiuti fornire in un momento di enormi deficit di bilancio degli Stati Uniti e un rischio di recessione che potrebbe richiedere una spesa aggiuntiva a casa.

L’ultimo disegno di legge, se aggiunto ai 13,6 miliardi di dollari del Congresso approvato a marzo, spingerebbe gli aiuti americani alla regione ben al di sopra dei 50 miliardi di dollari. In prospettiva, ciò ammonterebbe a 6 miliardi di dollari in più rispetto a quanto gli Stati Uniti hanno speso per gli aiuti militari ed economici in tutto il mondo nel 2019, secondo il Congressional Research Service apartitico.

Paul ha sottolineato che se il Senato approverà la spesa, gli Stati Uniti avranno autorizzato 60 miliardi di dollari di spesa totale per l’Ucraina. “Kiev diventerebbe il più grande destinatario annuale di aiuti militari statunitensi negli ultimi due decenni”, ha detto Paul. Ha aggiunto: “È più di quanto qualsiasi altro paese spenda per le loro intere spese militari … il nostro aiuto totale all’Ucraina sarà quasi uguale all’intero budget militare della Russia”.

READ  Brian Kelly Notre Dame lascia Dame e riceve un contratto di 10 anni del valore di almeno $ 9,5 milioni all'anno come allenatore della LSU.

La spinta verso il passaggio è arrivata mentre la Russia ha continuato a far esplodere le forze e le città ucraine nelle parti meridionali e orientali del paese. Riflettendo le preoccupazioni internazionali suscitate dall’assalto, i leader finlandesi hanno annunciato il loro sostegno l’adesione alla NATO e La Svezia non sembrava molto indietro.

Sig. Biden ha chiesto al Congresso 33 miliardi di dollari due settimane fa. Non ci volle molto ai legislatori per aggiungere 3,4 miliardi di dollari alle sue richieste di programmi sia militari che umanitari.

La misura include $ 6 miliardi per l’Ucraina per intelligence, equipaggiamento e addestramento per le sue forze, più $ 4 miliardi in finanziamenti per aiutare Kiev e gli alleati della NATO a costruire i loro eserciti.

Ci sono 8,7 miliardi di dollari per il Pentagono per ricostruire le scorte di armi che ha spedito in Ucraina e 3,9 miliardi di dollari per le truppe statunitensi nella regione.

La misura prevede anche 8,8 miliardi di dollari per mantenere in funzione il governo di Kiev, oltre 5 miliardi di dollari per fornire cibo ai paesi del mondo che dipendono dai raccolti ucraini devastati dai combattimenti e 900 milioni di dollari per insegnare l’inglese e fornire altri servizi ai rifugiati ucraini che si sono trasferiti negli Stati Uniti.

Il più grande ostacolo alla rapida approvazione dell’assistenza è stato eliminato questa settimana quando Biden e i Democratici hanno abbandonato la loro richiesta di includere miliardi in più nella misura per rafforzare gli sforzi degli Stati Uniti per contrastare il pandemia di coronavirus. I repubblicani vogliono che una legislazione separata sul COVID-19 sia un campo di battaglia per una battaglia elettorale per l’immigrazione che divide i democratici.

Alan Ha contribuito a questo rapporto.