Maggio 24, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Pronostici del girone del torneo NCAA 2022: l’esperto di March Madness sceglie, sconvolge, vincitori, favoriti per vincere

Quando la stagione di basket del college è iniziata a novembre, 350 squadre di basket del college avevano un obiettivo in mente: raggiungere le Final Four a New Orleans con un tiro alla partita del campionato nazionale in palio. La domenica delle selezioni è arrivata e finita, così come le prime quattro partite. Il campo è ridotto al numero tradizionale di 64 squadre poiché il primo turno inizierà giovedì, quindi il tempo stringe per fare le tue scelte.

I nostri esperti hanno passato mesi a prepararsi per questo momento esatto. Abbiamo analizzato la registrazione, osservato i migliori giocatori e abbiamo tutte le informazioni necessarie per aiutarti a guidarti attraverso il tuo girone sulle squadre dal n. 1 semi fino ai 16 semi.

Il tempo stringe per le parentesi! Compila le tue parentesi nelle tue piscine e partecipa per avere la possibilità di vincere una trasferta alle Final Four maschili del 2023Ⓡ.

Di seguito, il nostro team ha compilato le parentesi di esperti, quindi pensa a questo come a un cheat sheet per aiutarti a vincere il tuo pool. Copia tutto quello che vuoi, non giudicheremo. Siamo qui per servirti e la nostra conoscenza è la tua conoscenza. Basta sapere se abbiamo ragione e fare le scelte corrette, siamo assolutamente responsabili e vogliamo credito, e in caso contrario, non vogliamo colpe. Loro sono le regole.

OK, sulle parentesi.

Gary Parrish

Clicca per ingrandire la parentesi di Gary

Sì, ancora una volta scelgo Gonzaga per vincere il titolo nazionale. Sì, lo so, l’ho fatto più volte prima – e non ha mai funzionato. Ma questo non significa che sia sbagliato o stupido andare di nuovo con gli Zag in questa stagione. Il fatto che non l’abbiano ancora fatto non significa che non possano farlo. Significa solo che non l’hanno ancora fatto, ma credo sinceramente che cambierà all’inizio del prossimo mese. Gonzaga è un’élite in attacco, un’élite in difesa e carica di talento di fascia alta. Questo è l’anno in cui gli Zag lo fanno.

Matt Norlander

Clicca per ingrandire la parentesi di Matt

Dove vedremo il caos quest’anno? È inevitabile, lo sai. Un bel girone di 68 squadre con possibilità quasi infinite. E qui sto mettendo Murray State e Vermont nel secondo fine settimana. Chiamami romantico. Ma quelle due squadre hanno vinto un totale di 58-7 e hanno vinto 41 delle ultime 42 partite. Cavalcherò la mano calda, e sì, ciò significa che Murray State potrà giocare e battere il Kentucky al secondo round, come la Loyola Chicago che ha fatto la stessa cosa con l’Illinois un anno fa. (Ovviamente entrambi i mid-major non possono mai ottenere il fratello maggiore nello stato per programmarli.) Per quanto riguarda le mie Final Four: il Kansas ha di gran lunga il percorso più semplice. Questa è una scelta predefinita. Ho mantenuto per tutta la stagione che le squadre basse come la linea 4 sono abbastanza buone da arrivare a New Orleans.

Rimarrò fedele a questo e andrò con i Big Ten co-campioni della stagione regolare dell’Illinois, che è uno dei migliori 4 semi di recente memoria. Sul lato sinistro del girone, una finale regionale Gonzaga-Duke a San Francisco sarebbe fenomenale. Gonzaga è considerata la migliore squadra di questo sport, quindi andrò con l’1-2 di Drew Timme e Chet Holmgren per farlo, quindi rimarrò con la mia scelta per il titolo nazionale preseason, Purdue, per uscire da quello che Mi aspetto che sarà una regione orientale rumorosa e divertente. Gonzaga è la mia scelta per vincere il campionato nazionale perché il 7-1 Holmgren in coppia con Timme è il miglior 1-2 nei cerchi del college. Il Kansas per il gioco del titolo è più un gioco di valore, inoltre KU ha un ragazzo tra i primi cinque in Ochai Agbaji.

Mark Few finalmente lo fa e fa la storia. Ci sono state grandi squadre Gonzaga, anche migliori di questa. Ma questo è finalmente l’anno. GU ha il tetto offensivo e difensivo per arrivarci, e l’esperienza, la lunghezza e il miglioramento dell’atletismo finiscono per essere sufficienti. Bulldogs scrive una fantastica storia di redenzione sportiva universitaria dopo aver perso un gioco un anno fa.

Kyle Boone

Clicca per ingrandire la parentesi di Kyle

Non sto andando fuori di testa scegliendo il n. 1 testa di serie per vincere tutto, ma dopo la sconfitta di Gonzaga contro Baylor nella partita per il titolo la scorsa stagione – soprattutto per come ha perso – sembra che i Bulldogs stiano perdendo alcuni credenti. Assolutamente non dovrebbe essere il caso. Questa squadra è in grado di vincere tutto quanto la squadra dell’anno scorso che è andata 31-1 e si è classificata seconda in nazionale. Il suo gioco di guardia non è la forza di un anno fa, ma il suo gioco in zona d’attacco è ancora migliore, guidato dal re del gioco di gambe Drew Timme e dal compagno di squadra di 7 piedi Chet Holmgren, il favorito per andare al n. 1 nella bozza di quest’anno.

David Cobb

Clicca per ingrandire la parentesi di David

Per una squadra così dominante come l’Arizona è stata in questa stagione, i Wildcats sono volati un po’ sotto il radar a causa del fatto che giocano nel Pac-12, che è tornato alla mediocrità nel 2021. Non commettere errori, però. L’Arizona è una squadra di basket del college d’élite con tutti gli ingredienti per vincere un titolo nazionale. Con un’eccellente coppia di protettori del cerchio in Christian Koloko e Oumar Ballo, i Wildcats controllano la zona di difesa. L’offesa è dove prosperano, tuttavia. L’allenatore del primo anno Tommy Lloyd ha implementato perfettamente la filosofia Gonzaga e ha una profonda rotazione di guardie e ali di qualità in grado di portarla a termine, guidati da una potenziale scelta della lotteria in Bennedict Mathurin.

Chip Patterson

Clicca per ingrandire Staffa di Chip

Questa non è una delle squadre più talentuose che Bill Self abbia avuto in Kansas, ma è estremamente fiduciosa e si sta rimettendo in forma con la piena salute e il basket di alto livello che si dirige verso il torneo NCAA. Adoro la loro versatilità in termini di quanti giocatori diversi possono ottenere secchi pur avendo un vero alpha in Ochai Agbaji. Scegliere i Jayhawks per le Final Four è stato più facile che premere il grilletto del titolo, poiché penso che Arizona e Kentucky siano entrambi degni contendenti per vincere tutto. Altrove nel girone ho un paio di sconvolgimenti da testa di serie 1 con Baylor che si è ritirato presto per una squadra UNC ad alta varianza e Gonzaga che cade negli Sweet 16 contro una squadra UConn che potrebbe essere la squadra più pericolosa al di fuori della testa di serie dei primi 4 linee nel campo.

Jerry Palm

Clicca per ingrandire la parentesi di Jerry

È giunto il momento per Gonzaga di finire finalmente il lavoro. Per la seconda stagione consecutiva, i Bulldogs sono il n. 1 seme. Sono costruiti in modo diverso questa volta. Mentre Drew Timme rimane, la guardia elettrica Jalen Suggs è stata sostituita da C Chet Holmgren, un protettore del cerchio che cambia il modo in cui gli Zag si difendono. Può anche segnare da qualsiasi punto del campo. Non sarà un percorso facile. Vincere sei partite in questo torneo non è mai. Ma penso che gli Zag alla fine otterranno il loro momento splendente.

Kevin Flaherty

Clicca per ingrandire la parentesi di Kevin

Mark Few affronta il suo protetto Tommy Lloyd, un risultato che nessuno aveva visto arrivare dai Wildcats prima dell’inizio della stagione. Ma Gonzaga è una squadra in missione dopo aver quasi scalato la classifica un anno fa e non essere all’altezza dell’ultimo passaggio. In un divertente gioco su e giù, i Bulldogs hanno il miglior playmaker, il miglior talento NBA e il miglior giocatore di basket del college. Questa squadra dei Gonzaga non è la rosa dell’anno scorso, ed è un po’ più viziata, ma è sicuramente abbastanza buona per finire il lavoro.

Dennis Dodd

Clicca per ingrandire la parentesi di Dennis

La pressione è il Big Ten. Nove squadre – il 64% del campionato e il 13% del girone – popolano il torneo NCAA. Con così tante squadre arriva la grande pressione per fare un’ammaccatura. I Big Ten non sono durati l’anno scorso nonostante avessero anche nove squadre. Che nonostante l’intero torneo sia stato giocato in una delle capitali della conferenza, Indianapolis. L’Ohio State è stato eliminato da Oral Roberts. Purdue ha perso contro il Texas settentrionale. L’Illinois è stato battuto da Loyola-Chicago. Eccoci di nuovo con sei delle nove squadre Big Ten più testa di serie nelle prime partite. Mi piace che Purdue e Iowa arrivino a New Orleans. The Boilers e Hawkeyes avrebbero fatto la loro prima apparizione nelle Final Four dal 1980. L’Iowa è stata una forza di punteggio resiliente per tutta la stagione e la sua testa di serie al n. 5. Purdue è stato tra i primi 10 per tutta la stagione con una prima linea tipicamente grande e una guardia tutta Big Ten Jaden Ivey. Questo aiuta i Big Ten a guardarsi allo specchio. Ciò non impedisce all’Arizona di vincere tutto, nel 25° anniversario della squadra del campionato di Lute Olson nel 1997.

Josh Nagel

Clicca per ingrandire la parentesi di Josh

Dopo la sconfitta contro la Carolina del Nord nell’ultima partita casalinga dell’allenatore Mike Krzyzewski e la mancata vittoria del torneo ACC, i Blue Devils hanno solo un’opportunità rimasta per mandare in pensione l’allenatore K. Questa opportunità risiede in questo gruppo irregolare che ha fornito all’allenatore della Hall of Fame il suo sesto titolo nazionale, e sembra che il comitato del torneo NCAA abbia aperto una strada favorevole a questa possibilità. I Blue Devils hanno una strada relativamente modesta verso le Final Four ad eccezione della testa di serie Gonzaga, che ha già sconfitto 84-81 a novembre. Se i Blue Devils si trovano nelle Final Four, cercali per finire il lavoro e lascia l’impostazione dei detrattori dell’allenatore K.

READ  Gregg Popovich arriva al pareggio per l'allenatore più vincente di tutti i tempi della NBA mentre i San Antonio Spurs "hanno giocato una buona difesa lungo il tratto" in casa