Maggio 27, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Piattaforme di social media bloccate in Sri Lanka tra coprifuoco, protesta dell’opposizione

COLOMBO, 3 aprile (Reuters) – Soldati dello Sri Lanka con fucili d’assalto e polizia hanno presidiato i posti di blocco a Colombo domenica mentre il governo ha bloccato le piattaforme dei social media dopo aver imposto il coprifuoco per contenere i disordini pubblici innescati dalla crisi economica del Paese.

Le ultime restrizioni arrivano dopo che il governo sabato ha attuato un coprifuoco a livello nazionale quando le proteste contro la gestione della crisi economica da parte del governo sono diventate violente. Il coprifuoco durerà fino alle 6:00 (0030 GMT) di lunedì. Per saperne di più

“Il blocco dei social media è temporaneo e imposto a causa di istruzioni speciali impartite dal Ministero della Difesa. È stato imposto nell’interesse del Paese e della gente di mantenere la calma”, ha detto a Reuters il presidente della Commissione per la regolamentazione delle telecomunicazioni Jayantha de Silva.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

L’organizzazione di monitoraggio di Internet NetBlocks ha affermato che i dati di rete in tempo reale hanno mostrato che lo Sri Lanka ha imposto un blackout sui social media a livello nazionale, limitando l’accesso a piattaforme tra cui Twitter, Facebook, WhatsApp, YouTube e Instagram poiché lo stato di emergenza è stato dichiarato tra le proteste diffuse.

Il ministro della Gioventù e dello Sport Namal Rajapaksa, nipote del presidente Gotabaya Rajapaksa, ha dichiarato in un tweet che “non perdonerà mai il blocco dei social media”.

“La disponibilità della VPN, proprio come sto usando ora, rende tali divieti completamente inutili. Esorto le autorità a pensare in modo più progressivo e a riconsiderare questa decisione”.

Il presidente Rajapaksa ha dichiarato lo stato di emergenza venerdì, sollevando i timori di una repressione delle proteste mentre il paese è alle prese con l’aumento dei prezzi, la carenza di beni essenziali e le interruzioni di corrente.

READ  Esplorare mondi misteriosi in "The Hunt for Planet B"

I poteri di emergenza in passato hanno consentito ai militari di arrestare e detenere sospetti senza mandato, ma i termini dei poteri attuali non sono ancora chiari.

Ha anche segnato una netta inversione di tendenza nel sostegno politico al presidente Rajapaksa, che è salito al potere nel 2019 promettendo stabilità.

Circa due dozzine di leader dell’opposizione si sono fermati alle barricate della polizia sulla strada per Piazza Indipendenza, alcuni gridando “Gota (Gotabaya) Go Home”.

“Questo è inaccettabile”, ha detto il leader dell’opposizione Eran Wickramaratne sporgendosi dalle barricate. “Questa è una democrazia”.

Nihal Thalduwa, un alto sovrintendente di polizia, ha detto che 664 persone che hanno infranto le regole del coprifuoco sono state arrestate dalla polizia nella provincia occidentale, la divisione amministrativa più popolosa del paese che include Colombo.

I critici affermano che le radici della crisi, la peggiore degli ultimi decenni, risiedono nella cattiva gestione economica da parte di governi di successo che hanno creato e sostenuto un doppio deficit: un deficit di bilancio insieme a un disavanzo delle partite correnti.

Ma l’attuale crisi è stata accelerata dai profondi tagli alle tasse promessi da Rajapaksa durante una campagna elettorale del 2019 messa in atto mesi prima della pandemia di COVID-19, che ha spazzato via parti dell’economia dello Sri Lanka.

Alla fermata dell’autobus del governo Pettah di Colombo, Issuru Saparamadu, un pittore, ha detto che stava cercando disperatamente un modo per tornare a casa a Chilaw, a circa 70 km di distanza.

Con i trasporti pubblici bloccati dal coprifuoco, Saparamadu ha detto di aver passato la notte a dormire per strada dopo aver lavorato l’intera settimana a Colombo.

READ  Le azioni crollano per l'aumento dell'inflazione, l'Ucraina rischia; Crollo dei mercati cinesi

“Ora non posso tornare indietro. Sono bloccato”, ha detto. “Sono molto frustrato.”

Diplomatici occidentali e asiatici con sede in Sri Lanka hanno affermato che stavano monitorando la situazione e si aspettavano che il governo consentisse ai cittadini di tenere manifestazioni pacifiche.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Scritto da Rupam Jain; Montaggio di Jacqueline Wong

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.