Agosto 10, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Pericolo di incendio in aumento nel nord della California mentre scoppia l’incendio di McKinney

Commento

La stagione degli incendi occidentali è pronta a cambiare marcia sulla scia di un’ondata di caldo torrido e prolungato nel Pacifico nord-occidentale.

I meteorologi avvertono di un andamento meteorologico di incendio che inizierà questo fine settimana che potrebbe portare abbondanti fulmini e venti irregolari in parti della California, dell’Oregon e delle Montagne Rocciose settentrionali.

“C’è sicuramente preoccupazione ogni volta che si ha un’ondata di caldo seguita da un fulmine, specialmente in piena estate negli Stati Uniti occidentali”, ha affermato Nick Nauslar, meteorologo antincendio del National Interagency Fire Center. “Pensiamo che vedremo accensioni e potenzialmente anche una serie di incendi significativi”.

In un sinistro segno delle condizioni a terra, un nuovo incendio, il McKinney Fire, si sta diffondendo rapidamente vicino al confine tra California e Oregon dopo un primo attacco di temporali venerdì. È cresciuto in modo esplosivo venerdì notte e sabato con un comportamento al fuoco estremo, formandosi una torreggiante nuvola di pirocumulonembo, o un temporale generato dal fuoco. Radar rilevato un fulmine scatenato dalla tempesta.

Incredibilmente, il fuoco era già cresciuto Da 30.000 a 40.000 acri entro sabato pomeriggio, secondo la foresta nazionale di Klamath.

Sono stati emessi ordini di evacuazione obbligatori per un’ampia area intorno al fuoco e nelle vicinanze stanno bruciando anche due fuochi più piccoli.

Si teme che l’incendio possa continuare a diffondersi rapidamente in mezzo alle condizioni calde e secche vicino a una zona senza una storia recente di incendiil che significa che c’è una grande quantità di carburante (vegetazione secca e morta) che potrebbe prendere fuoco.

Il National Weather Service di Medford, Oregon, ha emesso un avviso con bandiera rossa per l’alto pericolo di incendio nell’area sabato e, sabato sera, prorogato l’avviso fino a domenica pomeriggio.

READ  La Russia dice che il ritiro della stazione spaziale della NASA è meno imminente di quanto indicato in precedenza

“I fulmini e l’alto pericolo di incendio comporteranno probabilmente nuovi incendi. I forti temporali potrebbero contribuire alla propagazione del fuoco”, ha scritto. “Nonostante le precipitazioni, le risorse dell’attacco iniziale potrebbero essere sopraffatte e sono possibili incendi di mantenimento”.

La regione ha arrostito la scorsa settimana sotto una cupola di calore, una cresta di alta pressione nell’alta atmosfera. La cupola è stata prevede di indebolirsi e spostati verso est durante il fine settimana e nella prossima settimana, consentendo una breve intrusione di umidità dal monsone di sud-ovest. Nel frattempo, un avvallamento in avvicinamento, o un’immersione nella corrente a getto, introdurrà i venti e le temperature più basse e fungerà da fattore scatenante per temporali più organizzati.

Con questa configurazione, le tempeste possono muoversi così rapidamente da far cadere pochissima pioggia in un determinato luogo, aumentando le possibilità che i fulmini accendano la vegetazione nel paesaggio arido.

“Si tratta di un classico attacco meteorologico critico 1-2 con un’ondata di calore estesa e intensa precedente seguita dal crollo della cresta”, ha affermato Brent Wachter, meteorologo del fuoco con il Centro di coordinamento geografico della California settentrionale a Redding, in California, in un e-mail. “Le interruzioni in un evento di ondata di calore particolarmente impattante di solito portano a grandi incendi a causa di accensioni multiple di fulmini … con forti deflussi di vento tempestoso e/o aumento del vento in linea retta”.

Sebbene la stagione degli incendi in California finora non sia stata così estrema come nei due anni precedenti, ciò potrebbe cambiare rapidamente, come è successo dopo l’assedio di fulmini dell’agosto 2020 nel nord della California. Quell’anno portò un record moderno di 4,3 milioni di acri bruciati nello stato.

READ  La cancelliera elettorale del Colorado Tina Peters ha indicato una violazione del sistema di voto

Data la siccità da grave a estrema a lungo termine, l’impennata delle temperature di questa settimana ha lasciato un’area dell’ovest pronta a bruciare, come mostrato in una mappa della componente di rilascio di energia, una metrica che indica l’infiammabilità della vegetazione.

“In generale, i luoghi che sperimentano valori ERC al di sopra del loro 95° percentile locale sono sempre più inclini ad avere un’accensione che sfugge agli sforzi iniziali di soppressione degli incendi e diventa un grande incendio”, ha affermato John Abatzoglou, climatologo presso l’Università della California a Merced, in una e-mail. “In particolare, questo diventa un problema ancora più grande quando una vasta area geografica sta sperimentando contemporaneamente un elevato potenziale di incendio e/o sono attivi numerosi eventi di incendio di grandi dimensioni che drenano dalle risorse antincendio esistenti”.

Secondo Abatzoglou, le ondate di calore possono aumentare la stagione degli incendi, in particolare le ondate di calore che durano a lungo.

Il calore si è accumulato nell’interno della California nelle ultime settimane e probabilmente ha contribuito alla diffusione dell’Oak Fire al di fuori del Yosemite National Park. Quel fuoco è cresciuto in modo esplosivo senza molto vento in mezzo a una vegetazione densa e secca da record. L’incendio ha distrutto 109 singole strutture residenziali a sabato ed è contenuto al 52%.

“Sebbene giugno sia stato un mese un po’ tranquillo e abbiamo in gran parte evitato il caldo persistente, le cose sono cambiate nelle ultime 3 settimane”, ha scritto Abatzoglou, osservando che Fresno, in California, potrebbe sperimentare la sua seconda serie di giorni più lunga di oltre 100 gradi Fahrenheit .entro la prossima settimana.

READ  La saga di Elon Musk-Twitter ora si trasferisce in tribunale

I punteggi dei massimi record per il 29 luglio sono stati fissati venerdì nelle parti interne della California settentrionale e del Pacifico nord-occidentale, con temperature comprese tra 100 e 115 gradi. Alcuni luoghi si sono avvicinati ai massimi storici o alla temperatura più alta mai registrata in un mese. Mount Shasta, in California, è salito a 106 gradi, solo un grado in meno rispetto al suo massimo storico, e Medford ha raggiunto 114, anche un grado in meno rispetto al suo massimo storico.

UN studia recentemente pubblicato sul Journal of Climate, di cui Abatzoglou è coautore, ha scoperto che i grandi incendi in Nord America hanno una probabilità sette volte maggiore di scoppiare durante le persistenti ondate di caldo estivo. Numerosi studi hanno collegato ondate di calore sempre più frequenti e intense, nonché l’aumento dell’attività degli incendi e delle aree bruciate, al cambiamento climatico causato dall’uomo.

Anche con un raffreddamento previsto per la prossima settimana, si prevede che il pericolo di incendi rimarrà elevato nello stato nel mese di agosto e i forti venti autunnali “offshore” possono arrivare già a settembre.

“Ciò significherà che la porta sarà aperta affinché le accensioni diventino incendi problematici”, ha scritto Abatzoglou. “I fulmini secchi diffusi… così come gli eventi di vento sono certamente cose a cui prestare attenzione in quanto hanno il potenziale per alterare drasticamente il corso della stagione degli incendi del 2022 se dovessero materializzarsi”.

Jason Samenow ha contribuito a questo rapporto.