Luglio 4, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Pence Aide ha messo in guardia contro il blocco del conteggio del college elettorale, promemoria

Il consigliere capo dell’ex vicepresidente Mike Pence è stato presentato in un promemoria il giorno prima del 15 gennaio. 6, 2021, che il vicepresidente violerebbe la legge federale se si piegasse alle pressioni del presidente Donald J. Trump per interferire con la certificazione della vittoria di Joseph R. Biden Jr..

Il promemoria di tre pagineottenuto di Politico e confermato come autentico dal New York Times, includeva le argomentazioni del chief counsel, Greg Jacob, che il sig. Pence potrebbe trovarsi in una situazione giuridicamente precaria se decidesse di bloccare la certificazione dei risultati del Collegio Elettorale o unilateralmente o chiedendo un ritardo di 10 giorni nel procedimento.

Un avvocato che consiglia il sig. Trump, John Eastman, aveva chiesto al sig. Pence ha avuto il potere di intraprendere entrambe queste azioni, sottolineando il ritardo di 10 giorni a gennaio. 6 si avvicinò. Sig. Eastman ha espresso le sue affermazioni in un incontro con il sig. Pence e il sig. Jacob nello Studio Ovale il gen. 4.

Ma il sig. Pence, che nelle settimane successive alle elezioni disse al sig. Trump che non credeva di avere un tale potere ma che avrebbe continuato a fare ricerche sulla questione, ha ricevuto una guida concreta dai suoi stessi collaboratori.

Sig. Jacob ha scritto nella nota che il sig. Molto probabilmente Pence sarebbe stato annullato dai tribunali se avesse fatto una mossa del genere.

“Nel migliore dei casi in cui i tribunali si rifiutassero di essere coinvolti, il vicepresidente si troverebbe probabilmente in una situazione di stallo isolata contro entrambe le camere del Congresso, così come la maggior parte o tutte le legislature statali applicabili, senza alcun arbitro neutrale disponibile per rompere l’impasse, ”Mr. Jacob ha scritto nel promemoria.

READ  L'allenatore degli Spurs Gregg Popovich ottiene la 1.336esima vittoria battendo il record NBA di tutti i tempi di Don Nelson

Un portavoce del sig. Pence ha rifiutato di commentare.

Seguente la sua udienza in prima serata la scorsa settimana, la commissione della Camera che indaga sulla rivolta del Campidoglio terrà altre tre udienze nella prossima settimana, di cui una giovedì in cui il sig. Jacob è destinato a essere un testimone chiave.

Quella sessione dovrebbe concentrarsi sulla campagna di pressione su Mr. Pence per inserirsi nella certificazione del voto del Collegio Elettorale, procedimento solitamente di routine.

Sig. Jacob ha detto al comitato di aver scritto la nota dopo l’incontro con il sig. Eastman, ha riferito Politico.

Sig. La condotta di Eastman è stata un punto focale dell’indagine della Camera sugli eventi che hanno avuto luogo prima della rivolta. A marzo, in una causa civile nata dal sig. Gli sforzi di Eastman per impedire al comitato di accedere a una tranche di e-mail relative ai suoi consigli al sig. Trump, un giudice federale ha detto che lui e il sig. briscola “Più probabile che no” hanno commesso crimini mentre cercavano di ribaltare i risultati delle elezioni.

Il promemoria del sig. Jacob è stato uno di una serie che ha scritto in relazione alla pressione su Mr. Pence dopo le elezioni del 2020. Uno è arrivato all’inizio di dicembre, dopo che il sig. Pence chiese al sig. Jacob per esplorare quale fosse la sua autorità in relazione al gen. 6 certificazione.

Un altro promemoria, ottenuto anche da Politico, è stato scritto il gen. 1. Ha valutato le varie accuse di frode diffusa che il sig. I consiglieri di Trump avevano indicato, anche in Georgia, dove Mr. Trump ha ripetutamente affermato che i funzionari hanno affermato che erano infondate.

READ  Gemelli per firmare Carlos Correa

La nota descriveva in dettaglio le affermazioni di sei stati chiave, quelli per i quali il sig. I consiglieri di Pence hanno anticipato che i legislatori della Camera avrebbero cercato di contestare la certificazione, potenzialmente con il sostegno dei senatori di quegli stati.