Novembre 30, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Paul Ryan inventa una nuova categoria di anti-Trumpismo



Cnn

Sai tutto sui “Never Trumpers”, quel gruppo di repubblicani che si sono espressi a gran voce contro l’ex presidente Donald Trump e ciò che ha fatto al GOP.

Ora incontra i “Trumper mai più”.

È così che si è descritto l’ex presidente della Camera Paul Ryan in un’intervista con ABC News andata in onda nel fine settimana. Ecco cosa ha detto:

“Sono orgoglioso dei risultati [during the Trump administration] – della riforma fiscale, della deregolamentazione e della riforma della giustizia penale – sono davvero entusiasta dei giudici che abbiamo preso in panchina, non solo della Corte Suprema, ma di tutta la magistratura. Ma io sono un Trumper Never-Again. Come mai? Perché voglio vincere e perdiamo con Trump. Ci è stato davvero chiaro nel ’18, nel ’20 e ora nel 2022″.

Ryan, che ha lasciato il Congresso nel 2019, è diventato sempre più esplicito riguardo ai suoi sentimenti su Trump e sul futuro del Partito Repubblicano.

Paul Ryan denuncia la fine “orribile” della presidenza Trump (maggio 2021)

Alla fine di ottobre, ha detto a Fox Business Network che “il nuovo elettore oscillante nella politica americana è l’elettore suburbano, ed è davvero chiaro che all’elettore suburbano non piace Trump, ma a loro piacciono i repubblicani”. E ha aggiunto: “Quindi penso che chiunque non si chiami Trump, penso che abbia molte più probabilità di vincere la Casa Bianca per noi”.

(Vale la pena notare: Trump ha conquistato gli elettori suburbani su Hillary Clinton nel 2016 e li ha persi di misura contro Joe Biden nel 2020, secondo gli exit poll nazionali. Nelle elezioni di medio termine del 2022, i repubblicani ha vinto elettori suburbani 52%-46%.)

E a giugno, a un evento per la South Carolina GOP Rep. Tom Rice, che ha votato per mettere sotto accusa Trump nel 2021, Ryan era profondamente critico di quelli all’interno del GOP che non hanno votato in quel modo. “Ci sono molte persone che dicono che voteranno per la loro coscienza, voteranno per la Costituzione, voteranno per le loro convinzioni, ma quando diventa difficile farlo non lo fanno . it “, ha detto in quel momento. (Rice ha proseguito ha perso le primarie repubblicane nel suo distretto a uno sfidante sostenuto da Trump.)

Trump, come lui, ha attaccato anche Ryan in passato. “Come repubblicano, avere Paul Ryan dalla tua parte garantisce quasi una perdita, sia per te che per il Partito e per la stessa America”, Trump ha scritto in una dichiarazione l’anno scorso dopo che Ryan aveva tenuto un discorso suggerendo che il partito doveva abbandonare l’ex presidente.

Attacchi a parte, la posizione di Ryan su Trump è interessante. Dà credito all’ex presidente per ciò che ha realizzato in carica, suggerendo che non è né il presente né il futuro del GOP.

Che è dove, penso, atterreranno alcuni dei più seri sfidanti di Trump nel 2024. Governatore della Florida Ron De Santisad esempio, farebbe bene a fare eco al punto di vista di Ryan: dare credito a Trump per ciò che ha fatto come presidente, chiarendo al contempo che il suo fascino politico si è ridotto al punto in cui sarebbe un errore per i repubblicani nominarlo di nuovo.

Al centro della posizione di Ryan come “Trumper mai più” c’è qualcosa che mi sono spesso chiesto non riceva più attenzione: il record di vittorie e sconfitte di Trump.

Trump notoriamente si è vantato che “ricominceremo a vincere e vinceremo così tanto”, ma la verità è che dalle elezioni del 2016 è stato identificato molto più strettamente con la sconfitta. Durante il mandato di Trump, i repubblicani hanno perso il controllo della Camera e del Senato. I repubblicani hanno riconquistato la maggioranza alla Camera nel 2022, ma la loro vittoria è stata molto più ristretta del previsto. E i Democratici sono riusciti a mantenere la loro ristretta maggioranza al Senato, con diversi candidati sostenuti da Trump che non sono stati all’altezza nelle gare chiave.

Quella decisa mancanza di vittorie sembra essere un chiaro punto debole per Trump mentre cerca di ottenere sostegno per la sua terza candidatura presidenziale. E DeSantis sembra già muoversi per sfruttarlo. Dopo una schiacciante vittoria per la rielezione questo mese, DeSantis ha detto dei suoi critici: “Vorrei solo dire alla gente di andare a controllare il tabellone segnapunti di martedì sera scorso”.

Forse anche DeSantis fa parte del movimento “Never Again Trump”?

READ  L'attrice Julia Fox ha rivelato com'era uscire con Kanye West