Novembre 26, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Passaggio dagli Stati Uniti al Canada bloccato dai camionisti che combattono il mandato COVID di Trudeau

OTTAWA, 8 febbraio (Reuters) – Il passaggio di terra più trafficato dagli Stati Uniti al Canada è rimasto chiuso martedì, ha affermato l’agenzia di frontiera canadese, dopo che i camionisti canadesi hanno bloccato le corsie lunedì per protestare contro le misure di controllo della pandemia del loro governo.

I conducenti che chiedevano la fine dei mandati federali sui vaccini COVID-19 per il traffico transfrontaliero hanno iniziato a bloccare le strade della capitale del Canada, Ottawa, il 1 gennaio. 28. Da domenica notte, la polizia ha iniziato lentamente a riprendere il controllo, sequestrando migliaia di litri di carburante e rimuovendo un’autocisterna.

I camion hanno iniziato a bloccare il traffico presso l’Ambassador Bridge, situato tra il lago Erie e il lago Huron, nella tarda giornata di lunedì. Martedì, l’agenzia canadese per i servizi di frontiera ha dichiarato che il ponte era chiuso, ma in seguito la polizia ha twittato che le corsie per gli Stati Uniti erano ora aperte.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Il proprietario del ponte, la Detroit International Bridge Co, ha affermato che il commercio internazionale sul ponte doveva riprendere.

“Incoraggiamo i funzionari competenti ad agire tempestivamente per alleviare la situazione il più rapidamente possibile in un modo che rifletta il rispetto reciproco”, ha affermato in una nota il presidente della società, Matt Moroun.

Il ministro dei trasporti canadese Omar Alghabra ha affermato che sta monitorando da vicino la situazione.

Il Canada invia il 75% delle sue esportazioni di merci negli Stati Uniti e il ponte di solito gestisce circa 8.000 camion al giorno.

Il presidente della Canadian Vehicle Manufacturers’ Association ha chiesto la fine immediata del blocco, affermando che “i persistenti ritardi all’Ambassador Bridge rischiano di interrompere la produzione automobilistica che impiega decine di migliaia di canadesi”.

Il primo ministro canadese Justin Trudeau, è apparso in pubblico lunedì per la prima volta in più di una settimana dopo essere stato infettato dal COVID-19, dicendo che la protesta doveva cessare.

Trudeau sarebbe dovuto tornare in parlamento martedì per affrontare i legislatori dell’opposizione chiedendogli di fare di più per porre fine a quella che un aiutante ha definito “umiliazione nazionale”.

Ha denunciato la tattica dei manifestanti.

“Gli individui stanno cercando di bloccare la nostra economia, la nostra democrazia e la vita quotidiana dei nostri concittadini”, ha detto lunedì sera in un dibattito di emergenza alla Camera dei Comuni. “Deve fermarsi”.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Reportage di David Ljunggren; Montaggio di Mark Porter, Kevin Liffey e Jonathan Oatis

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.