Agosto 10, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Papa Francesco in visita in Canada: notizie in diretta e aggiornamenti

Credito…media vaticani

TORONTO — Le ultime scuole residenziali gestite dalla chiesa in Canada che i bambini indigeni sono stati costretti a frequentare e dove molti sono stati maltrattati, hanno chiuso negli anni ’90. Da allora, il governo canadese e le comunità indigene hanno lavorato per affrontare il profondo danno inflitto lì, che continua a riverberare oggi.

Ecco cinque momenti importanti che portano alle scuse che papa Francesco consegnerà alle comunità indigene lunedì.

Un brutale sistema di abusi in nome dell’assimilazione.

L’Indian Act del 1876 permise al governo canadese di istituire le scuole residenziali, la maggior parte delle quali erano gestite dalla Chiesa cattolica romana e avevano lo scopo di assimilare i bambini indigeni cancellandone la cultura e le lingue.

Sono stati puniti per parlare lingue indigene, portare i capelli in trecce o praticare la religione al di fuori di ciò che veniva insegnato a scuola.

In più di un secolo, circa 150.000 studenti hanno frequentato circa 130 scuole, dove molti hanno subito abusi sessuali, malnutrizione e si sono ammalati a causa delle precarie condizioni. Molti sono morti o non sono più tornati a casa.

Con la diminuzione del numero di studenti, l’ultima delle scuole chiuse nel 1996, inaugurando un periodo di resa dei conti nazionale, comprese le indagini ufficiali, sul trattamento riservato dal Canada agli indigeni.

Un importante accordo di class action per gli ex studenti.

A seguito di una causa degli ex studenti delle scuole, i tribunali canadesi hanno approvato un ampio accordo di class action che ha pagato oltre 3,2 miliardi di dollari canadesi a circa 28.000 sopravvissuti, secondo un 2021 rapportot da un comitato indipendente che sovrintende alla transazione.

READ  Il capo dei servizi segreti James Murray lascia l'agenzia

Oltre alla compensazione finanziaria, l’accordo includeva anche finanziamenti per altre iniziative, come memoriali e altri progetti commemorativi e un programma che fornisce servizi di salute mentale ai sopravvissuti e alle loro famiglie.

Una commissione nazionale porta a fare i conti con un triste passato.

Una Commissione nazionale per la verità e la riconciliazione creata nel 2007 come parte dell’accordo transattivo ha ospitato incontri in sette città del paese per, tra le altre cose, ascoltare i resoconti di prima mano degli indigeni che erano stati mandati nelle scuole residenziali.

Durante le udienze locali, i sopravvissuti hanno condiviso le loro storie di monaci cattolici che violentavano bambini di età inferiore ai 10 anni e studenti affamati che ricorrevano a rubare mele dai frutteti per mangiarle.

Nel 2008, il primo ministro Stephen Harper ha rilasciato scuse ufficiali dal governo alle comunità indigene.

Prove di tombe anonime scoperte nelle scuole residenziali.

L’anno scorso, la Tk’emlups te Secwepemc First Nation nella Columbia Britannica ha affermato di aver trovato prove di tombe anonime di 215 bambini sul terreno della Kamloops Indian Residential School, che un tempo era la più grande del Canada, con circa 500 studenti.

La scoperta, effettuata utilizzando un radar che penetra nel terreno, ha scioccato i canadesi e ha rianimato un discorso nazionale sugli orrori delle scuole residenziali.

Diverse altre comunità hanno anche annunciato risultati preliminari di possibili tombe non contrassegnate nei terreni di ex scuole residenziali. Lo scorso giugno, Cowesses First Nation ha detto di aver trovato 751 possibili tombe non contrassegnate nel sito di una scuola nel Saskatchewan.

Un viaggio in Italia e le scuse papali.

In primavera l’a delegazione di leader indigeni dal Canada si è recato in Vaticano e ha ricevuto le sperate scuse da Papa Francesco.

READ  Futures Dow Jones: rally di mercato anche se i rendimenti aumentano, per ora; Tesla rivale Xpeng alla spina

“Provo vergogna – dolore e vergogna – per il ruolo” che i cattolici hanno svolto “negli abusi che hai subito e nella mancanza di rispetto per la tua identità, la tua cultura e persino i tuoi valori spirituali”. disse Francesco. Ha anche promesso di recarsi in Canada e porgere le sue scuse personali.

Ian Austen Reportage contribuito da Ottawa.