Settembre 26, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Notizie sulla guerra tra Russia e Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

Credito…Laura Boushnak per il New York Times

VERSOIX, Svizzera — I telefoni che squillano in un ufficio vicino alle tranquille sponde del Lago di Ginevra ricordano costantemente la devastazione a circa 1.500 miglia di distanza in Ucraina.

I chiamanti angosciati sperano di trovare qualsiasi segno dei propri cari, compresi molti che sono scomparsi settimane fa quando un’esplosione ha ucciso dozzine di ucraini in un campo di detenzione controllato dalla Russia. A rispondere alle chiamate, circa 900 al giorno, sono i membri dello staff del Comitato Internazionale della Croce Rossa, che aiuta a rintracciare le persone perse in conflitti e disastri in tutto il mondo.

“Era per strada. Ho sentito le sirene dei raid aerei, piccole esplosioni, persone che urlavano”, ha detto Mathias Issaev, riferendo una chiamata di una donna ucraina che cercava suo marito. “Una volta che ci ha contattato, non voleva arrendersi”.

Alcuni chiamanti sono grati di raggiungere chiunque ascolti; molti sono sopraffatti dall’angoscia. Chiama operatori come Mr. Issaev costituisce la prima linea della Central Tracing Agency del CICR, che da oltre 150 anni lavora per riunire le persone divise dalla guerra. Il lavoro non finisce quando i combattimenti si fermano: segue ancora casi risalenti alla guerra civile libanese degli anni ’70.

Nella guerra in Ucraina, la Croce Rossa sta cercando di rintracciare circa 13.000 persone – russi e ucraini, soldati e civili – nella sua più grande operazione di rintracciamento dalla seconda guerra mondiale. Ma dall’esplosione del mese scorso nel campo di detenzione di Olenivka, una città nell’Ucraina orientale controllata dalla Russia, anche gli operatori telefonici hanno subito un torrente di abusi. I chiamanti li hanno denunciati come fannulloni e traditori, o come schierati nel conflitto.

READ  Il sogno è finalmente reale

“Abbiamo riscontrato un’enorme quantità di incitamento all’odio”, ha affermato Esperanza Martinez, capo del team di crisi in Ucraina dell’agenzia. Le telefonate e le e-mail minacciose, comprese le minacce di morte, rappresentano una nuova minaccia per la missione umanitaria dell’agenzia, ha affermato.

La Croce Rossa opera ai sensi delle Convenzioni di Ginevra come intermediario neutrale tra le parti in guerra, che dovrebbero fornirle i dettagli dei loro prigionieri e consentirne l’accesso. Ma persistono idee sbagliate sul ruolo dell’agenzia, inclusa la convinzione che dovrebbe garantire la sicurezza dei prigionieri o può costringere le parti a rispettare le leggi di guerra.

Funzionari della Croce Rossa hanno visitato il campo di Olenivka a maggio per osservare i prigionieri e consegnare serbatoi d’acqua. Ma non sono riusciti a raggiungere un accordo con le autorità russe Visitalo dopo l’esplosione, esponendo i limiti della leva finanziaria dell’agenzia. Russia e Ucraina si incolpano a vicenda per l’esplosione.

“Molto di ciò che facciamo è silenzioso”, ha detto la Sig. Martinez ha detto, aggiungendo: “Per questo siamo diffamati”.

Tali spiegazioni forniscono poca consolazione per i chiamanti come una madre ucraina che ha contattato l’operatore Louis Depuydt. Aveva visto sul social network Telegram immagini di suo figlio, prigioniero di guerra, che mostrava denti rotti, occhio nero e altri segni di maltrattamento.

“Stava piangendo, la sua voce tremava, si poteva sentire il suo panico”, ha detto il sig. ha detto Depuydt. “Devi affrontare molte emozioni, molta paura, molta rabbia”.

L’esposizione incessante al dolore e alla sofferenza mette a dura prova gli operatori, anche quelli che gestiscono le richieste via e-mail. Assegnata all’appello di una donna che cercava sua figlia, Inna Laschenko della squadra di tracciamento ha pianto.

READ  Nonostante l'aumento dell'inflazione, le vendite al dettaglio stanno aumentando più velocemente del previsto in ottobre

“Tieni duro mia bella ragazza, sono con te. Ti amo così tanto”, la Sig. Laschenko, madre di due figli, iniziò a leggere il messaggio ad alta voce. La sua voce vacillante, si fermò per asciugarsi gli occhi. Poteva solo sussurrare le ultime parole del messaggio: “Per favore, aiutami”.