Novembre 30, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Notizie dal vertice COP27: il leader delle Nazioni Unite avverte dell'”inferno climatico”

Credito…Khaled Desouki/Agence France-Presse — Getty Images

SHARM EL SHEIKH, Egitto — È improbabile che i leader mondiali, i negoziatori di governo, gli scienziati del clima e altri dignitari vedano il suo nome ovunque a Sharm el Sheikh, la località balneare che ospita il vertice della COP27. Ma Alaa Abd El Fattahla voce rivoluzionaria più in vista dell’Egitto e il suo prigioniero politico più famoso, sta facendo sentire la sua assenza.

Sig. Abd El Fattah, un attivista e sviluppatore di software che è stato incarcerato per la maggior parte degli ultimi nove anni per le sue condanne al governo autoritario egiziano, ha iniziato lo sciopero della fame ad aprile, sperando di fare pressione sui funzionari affinché lo liberasse. Per quasi sette mesi ha consumato solo latte, miele e tè. Alla fine di ottobre, la sua famiglia ha detto che aveva smesso del tutto di mangiare.

Domenica ha iniziato a rifiutare l’acqua, forse avvicinandosi alla morte proprio mentre iniziava la conferenza sul clima delle Nazioni Unite.

“Ho preso la decisione di intensificare l’escalation in un momento che ritengo appropriato per la mia lotta per la mia libertà e la libertà di” altri prigionieri di coscienza egiziani, Mr. I membri della famiglia di Abd El Fattah hanno detto che aveva scritto loro la sua ultima lettera, che hanno ricevuto la scorsa settimana. Ha definito i suoi compagni di prigionia “vittime di un regime che non è in grado di gestire le sue crisi se non con l’oppressione, incapace di riprodursi se non attraverso la carcerazione”.

READ  La Corte Suprema terrà un'udienza speciale sugli ordini di vaccinazione di Biden

I riflettori della COP27 hanno offerto a Mr. I sostenitori di Abd El Fattah un’opportunità. Il governo del presidente egiziano Abdel Fattah el-Sisi, memore della sua immagine internazionale, stava rilasciando dozzine di altri noti prigionieri politici all’avvicinarsi del vertice. Percependo una possibilità, Mr. La famiglia di Abd El Fattah ha arruolato premi Nobel, celebrità e eminenti attivisti del clima per chiedere il suo rilascio e fare pressione su politici di alto livello in Gran Bretagna, dove detiene la doppia cittadinanza, per sollevare la questione con il governo egiziano.

Ma è stato quasi tutto inutile: i funzionari egiziani hanno negato che il sig. Abd El Fattah è in sciopero della fame o, fino a poco tempo fa, ha tenuto prigionieri politici.

All’inizio di quest’anno, le autorità egiziane lo hanno trasferito in un’altra prigione e hanno migliorato le sue condizioni di detenzione, revocando il rigoroso divieto di libri, giornali, acqua calda, biancheria da letto ed esercizi all’aperto che avevano in parte provocato il suo sciopero della fame. Tuttavia, hanno continuato a vietare le visite degli ufficiali consolari britannici.

Il caos politico in Gran Bretagna, che ha avuto tre primi ministri da settembre, non ha aiutato. Il nuovo leader britannico, Rishi Sunak, ha scritto sabato in una lettera a Sanaa Seif, uno dei Mr. Le sorelle di Abd El Fattah, che avrebbe “continuato a sottolineare al presidente Sisi l’importanza che attribuiamo alla rapida risoluzione del caso di Alaa e alla fine del suo trattamento inaccettabile”.

L’ex primo ministro britannico, Boris Johnson, ha chiamato di nuovo lunedì per chiedere a Mr. Abd El Fattah da liberare. “Sono fermamente convinto che dovrebbe essere rilasciato e avere accesso consolare”, ha detto Johnson in un evento ospitato dal New York Times a margine della COP27.

READ  Cinque persone, tra cui due ufficiali, sono rimaste ferite in un incidente durante una protesta anti-vaccinazione a San Francisco

Ma la signora Seif e la sua famiglia hanno detto che allevare Mr. Il caso di Abd El Fattah alla COP27 potrebbe essere troppo tardi.

Nato da una famiglia di dissidenti, il sig. Abd El Fattah è diventato famoso durante la rivolta della Primavera araba del 2011 in Egitto, quando ha partecipato e ha scritto regolarmente delle proteste antigovernative di massa sotto l’indirizzo Twitter @Alaa. Le sue attività rivoluzionarie lo hanno reso un eroe per molti giovani egiziani e un bersaglio per le autorità: è stato arrestato nel 2006, 2011 e 2013 per varie proteste, articoli critici e post sui social media. La sua ultima detenzione è avvenuta nel settembre 2019.

È stato trattenuto per due anni senza processo prima di essere processato e condannato rapidamente nel dicembre 2021 per aver pubblicato su Facebook informazioni su violazioni dei diritti in carcere.

Max Bearak reportage contribuito.