Settembre 26, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Mike Lindell di MyPillow afferma che l’FBI gli ha sequestrato il cellulare da Hardee

CEO di MyPillow Mike Lindell ha detto a The Daily Beast martedì sera che l’FBI gli ha sequestrato il cellulare mentre era al ristorante di Hardee’s.

Lindell ha anche pubblicato sui social media una citazione del gran giurì di un procuratore federale del Colorado e quello che sembra essere un mandato di perquisizione relativo a un’indagine federale sulle macchine elettorali violate nella contea di Mesa, in Colorado.

Il mandato richiede “tutti i registri e le informazioni sul CELLULARE LINDELL che costituiscono frutto, prova o strumentalità di violazioni” relativi a furto di identità, danneggiamento intenzionale di un computer protetto e associazione a delinquere per commettere i due precedenti reati. Il mandato cita violazioni “che coinvolgono Tina Peters, Conan James Hayes, Belinda Knisley, Sandra Brown, Sherronna Bishop, Michael Lindell e/o Douglas Frank, tra gli altri co-cospiratori noti e sconosciuti al governo”.

L’ufficio sul campo dell’FBI di Denver ha detto al Daily Beast che non commenta i singoli casi ma, “senza commentare questa questione specifica, posso confermare che l’FBI era in quel luogo eseguendo un mandato di perquisizione autorizzato da un giudice federale”.

L’ufficio del procuratore statunitense in Colorado, che ha emesso la citazione, ha rifiutato di commentare.

Il caso sembra derivare da una violazione delle macchine elettorali del 2021 nella contea di Mesa, presumibilmente da parte dell’impiegato della contea. Tina Peters e i suoi soci. Peters sta affrontando accuse di reato statale nella presunta violazione, insieme alle sue ex colleghe d’ufficio Belinda Knisley e Sandra Brown. Hayes, un surfista professionista diventato teorico della cospirazione, è accusato di impersonare un operatore tecnico locale per aiutare a violare le macchine sotto la direzione di Peters.

READ  L'astronomo afferma che le nuove immagini del telescopio spaziale Webb "lo hanno quasi portato alle lacrime"

A novembre, la casa di Sheronna Bishop, conoscente di Lindell e Peters ed ex responsabile della campagna per la Rep. Si credeva che Lauren Boebert (R-CO), fosse oggetto di un mandato di perquisizione relativo alla violazione della contea di Mesa.

Ora l’indagine sembra includere Lindell.

Il mandato di perquisizione richiede dati dal telefono di Lindell, comprese tutte le informazioni in esso contenute sui danni alle macchine per il voto del Dominio, informazioni sulla presunta impersonificazione di un operatore tecnico da parte di Hayes e sull’attività Internet del telefono, sulla posizione geografica e informazioni sulla possibilità di controllarlo a distanza .tramite “virus, cavalli di Troia e altre forme di software dannoso”.

“Hanno preso il mio telefono”, ha detto Lindell a The Daily Beast martedì sera al telefono. “L’ha fatto l’FBI!”

Lindell ha affermato che l’FBI stava cercando informazioni su altre frodi elettorali Dennis Montgomery, teorico della cospirazione.

“Stanno cercando i terabyte di Dennis Montgomery”, ha inoltre detto Lindell a The Daily Beast. “Spero che sollevino l’ordine del bavaglio.”

Lindell ha anche spiegato la sua situazione legale in un video di martedì sera.

“L’FBI è venuto dopo di me e ha preso il mio telefono”, ha detto su Facebook. “Mi hanno circondato da un Hardee’s e hanno preso il mio telefono con cui gestisco tutti i miei affari, tutto. Quello che hanno fatto è armare: l’FBI, è disgustoso. Non ho un computer. Tutto ciò che faccio [is] da quel telefono. Tutto era lì. E mi hanno detto di non dirlo a nessuno. Ecco un ordine: ‘Non dirlo a nessuno!’ ‘OK, non lo farò!’ Ebbene, lo sono”.

“Assolutamente non necessario”, ha aggiunto Brannon Howse, compagno del magnate dei cuscini e conduttore televisivo di Lindell, quando è stato raggiunto da The Daily Beast.

READ  La bozza di accordo COP26 invita i paesi ad aumentare la riduzione delle emissioni entro la fine del 2022. Cos'altro c'è dentro

Lindell ha anche mostrato una copia di una citazione, datata settembre. 7 e firmato da un assistente procuratore statunitense in Colorado.

“Un’indagine penale ufficiale su un sospetto crimine è stata condotta da un’agenzia degli Stati Uniti e da un Grand Jury federale nel distretto del Colorado”, un documento che secondo Lindell era una citazione nel suo programma notturno. “Come destinatario di una citazione, non sei obbligato alla segretezza. Tuttavia, ti chiediamo di non rivelare l’esistenza di questa citazione per un periodo di tempo indefinito.

Lindell è stato precedentemente collegato a molteplici indagini in corso nello stato, la maggior parte relative a Peters. Poco dopo aver presumibilmente violato le macchine elettorali della sua stessa contea e aver fatto trapelare i dati ai teorici della cospirazione, Peters ha partecipato al “Cyber ​​​​Symposium” di Lindell dell’agosto 2021 sulla presunta frode elettorale, dopo di che si è nascosta in una serie di “case sicure” di Lindell. Ad aprile, dopo l’arresto di Peters, Lindell ha detto a The Daily Beast che gli investigatori non si erano avvicinati a lui in merito alla violazione.

Peters deve affrontare accuse a livello statale, mentre la citazione di Lindell proviene da un gran giurì federale.

Lindell ha ripetutamente affermato di aver fatto regali significativi a Peters, incluso un volo per il Cyber ​​​​Symposium sul suo jet privato, nonché contributi alla campagna fino a $ 800.000, che superano il limite di $ 65 del Colorado per i regali a funzionari pubblici.

I contributi alla campagna di Peters sono oggetto di indagine da parte della Commissione etica indipendente dello stato confermato all’inizio di quest’annosebbene non abbia commentato se i contributi della Lindell facessero parte di tale indagine.

READ  Il tuo telefono potrebbe presto sostituire molte delle tue password - Krebs on Security

Lindell è anche tangenzialmente collegato a una simile violazione delle apparecchiature elettorali nella contea di Elbert, in Colorado, dove un secondo impiegato afferma di aver fatto copie non autorizzate di macchine elettorali, con l’assistenza di due uomini che hanno promosso teorie del complotto sulle frodi elettorali nel programma web di Lindell. Uno degli uomini descrive il suo gruppo di attivisti, Cause of America, come finanziato da Lindell.