Novembre 30, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

McConnell rieletto leader del GOP al Senato: “Non andremo da nessuna parte”

WASHINGTON (AP) — Sen. Mitch McConnell è stato rieletto come leader repubblicano mercoledì, annullando una sfida del senatore. Rick Scott della Florida, il capo della campagna GOP del Senato criticato dopo una prestazione deludente nelle elezioni di medio termine che ha mantenuto il controllo del Senato con i Democratici.

McConnell, del Kentucky, ha respinto facilmente la sfida di Scott nel primo tentativo in assoluto di estrometterlo dopo molti anni come leader del GOP. Il voto è stato 37-10, hanno detto i senatori, con un altro senatore che ha votato presente. McConnell è pronto a diventare il leader più longevo del Senato quando il nuovo Congresso si riunirà il prossimo anno.

“Non vado da nessuna parte”, ha detto McConnell dopo la riunione a porte chiuse di quasi quattro ore. Ha detto di essere “piuttosto orgoglioso” del risultato, ma ha riconosciuto il lavoro da fare. “Penso che tutti nella nostra conferenza siano d’accordo sul fatto che vogliamo fare del nostro meglio”.

Martedì, a un pranzo dei senatori del GOP, Scott e McConnell si erano scambiati quelle che i colleghi avevano definito “candide” e “vivaci” barbe. I 10 senatori repubblicani che si sono uniti alla rivolta di mercoledì contro McConnell e hanno votato per Scott includevano alcune delle figure più conservatrici e quelle allineate con l’ex presidente Donald Trump.

“Perché penso che abbia vinto?” ha detto il sen. Josh Hawley, R-Mo., tra i detrattori di McConnell. “Perché la conferenza non ha voluto cambiare rotta.”

I disordini al Senato GOP sono simili al tumulto tra i repubblicani della Camera all’indomani delle elezioni di medio termine che hanno lasciato il partito diviso per la presa di Trump sul partito. Il leader della Camera GOP Kevin McCarthy ha vinto la nomination dai colleghi a candidarsi a presidente della Camera, con i repubblicani che si impadroniscono della maggioranza alla Camera mercoledì, ma deve affrontare la dura opposizione di un nucleo centrale di repubblicani di destra non convinti della sua leadership.

READ  Sony sta ancora lottando con la fornitura di PS5

Scott ha affermato in una dichiarazione che mentre “i risultati delle elezioni di oggi non sono stati quelli che speravamo, questa è ben lungi dall’essere la fine della nostra lotta per far funzionare Washington”.

Ritirandosi nella Old Senate Chamber del Campidoglio per il voto privato, i senatori hanno prima considerato, poi respinto, una mozione di un alleato di Scott, il senatore repubblicano. Ted Cruz del Texas, di ritardare il voto sulla leadership fino a dopo il 19 dicembre. 6 ballottaggio in Georgia tra il repubblicano Herschel Walker e il senatore democratico in carica. Raphael Warnock che determinerà la composizione finale del Senato.

Cruz ha detto che è stata una “discussione cordiale, ma seria” su come i repubblicani in minoranza possano lavorare efficacemente.

In tutto, hanno votato 48 senatori nuovi e di ritorno del GOP. Il sen. Ben Sasse del Nebraska ha mancato il voto per essere a casa dopo che il suo ufficio ha detto che sua moglie si stava riprendendo da un attacco non minaccioso.

I senatori hanno anche eletto gli altri posti di leadership del GOP. I ranghi dei posti più alti di McConnell sono rimasti stabili, con il Sen. John Thune, RS.D., come frusta GOP, e Sen. John Barrasso, R-Wyo., nel n. 3 posto come presidente della conferenza GOP. senatore repubblicano del Montana Steve Daines è stato eletto per rilevare l’operazione della campagna da Scott.

La sfida di Scott, che è stato sollecitato da Trump a confrontarsi con McConnell, ha intensificato una lunga faida tra Scott, che quest’anno ha guidato il braccio della campagna repubblicana del Senato, e McConnell sull’approccio del partito per cercare di rivendicare la maggioranza del Senato.

READ  MLB All-Star Game: Aaron Judge guida tutti i votanti mentre Yankees, Blue Jays, Dodgers ottengono due titolari ciascuno

I conservatori irrequieti alla Camera si sono scagliati contro la gestione delle elezioni da parte di McConnell, così come la sua presa di ferro sul caucus repubblicano del Senato.

Trump ha spinto affinché il partito scarichi McConnell sin da quando il leader del Senato ha pronunciato un discorso aspro incolpando l’allora presidente Trump per l’accaduto. 6 insurrezione al Campidoglio degli Stati Uniti.

McConnell ha respinto con forza, incolpando i problemi dei repubblicani su quella che ha definito “qualità del candidato” dopo che molti dei suoi candidati preferiti sono stati sostituiti da repubblicani sostenuti da Trump al ballottaggio.

McConnell ha affermato che i repubblicani hanno presentato il tipo di candidati che “spaventava” gli elettori indipendenti e moderati.

Quegli elettori ritenevano che “non stavamo affrontando i problemi in modo responsabile e stavamo dedicando troppo tempo alla negatività, agli attacchi e al caos”, ha detto McConnell all’inizio di questa settimana. “Erano spaventati.”

Sen. Ron Johnson del Wisconsin, che ha guidato gli sforzi con Cruz per rinviare le elezioni, ha parlato per qualche tempo mercoledì, così come l’alleato Sen. Mike Lee dello Utah, secondo persone che hanno familiarità con l’incontro privato. La domanda che ho posto a entrambi i candidati alla leadership è: ‘Su quali questioni siamo disposti a combattere’”, ha detto Cruz.

Tra i tanti motivi che Scott ha elencato per lanciare una sfida c’è che i repubblicani si erano compromessi troppo con i democratici nell’ultimo Congresso, producendo progetti di legge che il presidente Joe Biden ha considerato un successo e che i democratici si sono presentati alle elezioni del 2022.

La faida tra Scott e McConnell è in corso da mesi e ha raggiunto il punto di ebollizione quando i risultati delle elezioni hanno mostrato che non ci sarebbe stata alcuna ondata al Senato repubblicano, come previsto da Scott, secondo alti strateghi repubblicani che non erano autorizzati a discutere le questioni interne per nome e hanno insistito sull’anonimato.

READ  Amazon inizia a tagliare migliaia di lavoratori

La faida è iniziata non molto tempo dopo che Scott ha assunto il comitato del partito dopo le elezioni del 2020. Molti nel partito hanno visto la sua ascesa come uno sforzo per costruire il suo profilo politico nazionale e la sua rete di donatori in vista di una potenziale candidatura presidenziale nel 2024. Alcuni sono stati infastiditi dal materiale promozionale del comitato che era pesante sulla biografia di Scott, mentre si concentravano meno sul candidati che si candidano alle elezioni.

Poi è arrivata la pubblicazione da parte di Scott di un piano in 11 punti all’inizio di quest’anno, che richiedeva un modesto aumento delle tasse per molti degli americani meno pagati, aprendo la porta al taglio della previdenza sociale e dell’assistenza sanitaria, che McConnell ha rapidamente ripudiato anche se ha rifiutato di farlo. offrire un programma tutto suo.

La faida è stata guidata in parte dalla sfilacciatura della fiducia nella leadership di Scott, nonché dalle scarse finanze del comitato, che secondo un consulente repubblicano senior aveva un debito di 20 milioni di dollari.

I democratici hanno rinviato le loro elezioni interne a dopo il Ringraziamento.

___

Segui la copertura dell’AP delle elezioni di medio termine del 2022 su https://apnews.com/hub/2022-midterm-elections. E dai un’occhiata a https://apnews.com/hub/explaining-the-elections per saperne di più sulle questioni e sui fattori in gioco a metà mandato.