Novembre 30, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

L’Ucraina si affretta a ripristinare i servizi dopo i dirompenti attacchi russi: aggiornamenti in tempo reale

Credito…Brendan Hoffman per il New York Times

KYIV, Ucraina – Gli equipaggi dei servizi hanno lavorato tutta la notte buia sotto la neve e la pioggia gelata per stabilizzare la rete energetica dell’Ucraina dopo un’altra ondata distruttiva di attacchi missilistici russi, ripristinando servizi essenziali come l’acqua corrente e il riscaldamento in molte parti del paese anche se milioni di persone rimase senza potere.

Gli ucraini hanno espresso sfida di fronte all’inesorabile campagna di Mosca per armare l’inverno nel tentativo di indebolire la loro determinazione e costringere Kiev a capitolare anche se la Russia ha accumulato nuove sofferenze su una nazione stanca della guerra.

I chirurghi sono stati costretti a lavorare con la torcia elettricamigliaia di minatori hanno dovuto essere estratti dalle profondità del sottosuolo con argani manuali e persone in tutto il paese hanno trascinato secchi e bottiglie d’acqua su per le rampe di scale nei grattacieli dove gli ascensori hanno smesso di funzionare.

Il servizio di frontiera statale dell’Ucraina operazioni sospese Giovedì ai posti di blocco ai confini con Ungheria e Romania a causa di interruzioni di corrente e l’operatore ferroviario nazionale ucraino ha segnalato ritardi e interruzioni su una rete che è servita da un’ancora di salvezza resiliente per la nazione oltre nove mesi di guerra.

Le famiglie hanno caricato i loro telefoni, si sono riscaldati e hanno raccolto informazioni nei centri allestiti in paesi e città durante le interruzioni di corrente prolungate. La polizia nella capitale, Kiev, e in altre città ha intensificato le pattuglie mentre i proprietari di negozi e ristoranti accendevano generatori o candele e continuavano a lavorare.

READ  La CNN ha sospeso Chris Guomo a tempo indeterminato

“La situazione è difficile in tutto il paese”, ha dichiarato Herman Galushchenko, ministro dell’Energia ucraino. Ma alle 4 del mattino, ha detto, gli ingegneri sono riusciti a “unificare il sistema energetico”, consentendo di indirizzare l’energia alle infrastrutture critiche.

In Moldavia, il vicino occidentale dell’Ucraina, i cui sistemi elettrici dell’era sovietica rimangono interconnessi con quelli ucraini, la rete è tornata in gran parte online dopo che il paese ha sperimentato “massicce interruzioni di corrente”, il ministro delle infrastrutture detto su Twitter. “Andiamo avanti, più forti e vittoriosi”, ha scritto il ministro, Andrei Spinu.

Il mercoledì una raffica di missili russi hanno ucciso almeno 10 persone e dozzine ferite, hanno detto funzionari ucraini, in quello che sembrava essere uno degli attacchi più dirompenti delle ultime settimane. Da ottobre Secondo funzionari ucraini, la Russia ha lanciato circa 600 missili contro centrali elettriche, impianti idroelettrici, stazioni di pompaggio dell’acqua e impianti di trattamento, cavi ad alta tensione attorno a centrali nucleari e sottostazioni critiche che portano energia a decine di milioni di case e aziende.

La campagna sta prendendo un pedaggio crescente. Gli attacchi di mercoledì hanno messo fuori uso per la prima volta tutte le centrali nucleari ucraine, privando il paese di una delle sue fonti di energia più vitali.

“Ci aspettiamo che le centrali nucleari inizino a funzionare entro sera, quindi il deficit diminuirà”, ha detto il sig. Galushchenko ha detto.

gen. Valeriy Zaluzhnyi, il massimo comandante delle forze armate ucraine, ha dichiarato che le difese aeree ucraine hanno abbattuto 51 dei 67 missili da crociera russi lanciati mercoledì e cinque dei 10 droni.

READ  Aggiornamenti Covid Live: mandati mascherine, notizie sulla riapertura e altro

Presidente Volodymyr Zelensky, mercoledì sera parlando in una sessione di emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, ha denunciato quella che ha definito una campagna di terrore russa.

“Quando la temperatura esterna scende sotto lo zero e decine di milioni di persone rimangono senza elettricità, riscaldamento e acqua a causa dei missili russi che colpiscono le strutture energetiche”, ha detto, “questo è un evidente crimine contro l’umanità”.

A Kiev, giovedì pomeriggio, circa una casa su quattro non aveva ancora elettricità e più della metà dei residenti della città non aveva acqua corrente, secondo i funzionari della città. Il servizio è stato gradualmente ripristinato, hanno detto i funzionari della città, e si sono detti fiduciosi che le pompe che forniscono acqua a circa tre milioni di residenti sarebbero state ripristinate entro la fine della giornata.

Il transito è stato sospeso nella città portuale meridionale di Odessa, sul Mar Nero, in modo che la limitata fornitura di energia potesse essere diretta a far scorrere nuovamente l’acqua. Nella regione di Lviv, nell’Ucraina occidentale, dove sono fuggiti milioni di sfollati dalle loro case a causa dei combattimenti, dell’elettricità e dell’acqua, i servizi sono stati in gran parte ripristinati.

L’ente nazionale per l’energia, Ukrenergo, ha affermato che data la “significativa quantità di danni” e le difficili condizioni di lavoro, le riparazioni in alcune regioni potrebbero richiedere più tempo di altre.

“Non c’è motivo di farsi prendere dal panico”, ha detto l’utility in una nota. Le infrastrutture critiche sarebbero state tutte ricollegate, ha affermato.