Luglio 4, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

L’Ucraina chiede più armi, mentre il colera si diffonde

  • Zelenskiy vuole agire “non solo parole” sull’adesione all’UE
  • L’Ucraina cerca più artiglieria per la battaglia a est
  • La paura che migliaia di persone possano morire di colera a Mariupol
  • L’ONU afferma che milioni di persone nel mondo potrebbero soffrire la fame cronica

KIEV, 10 giugno (Reuters) – L’Ucraina ha chiesto più aiuto all’Occidente venerdì, chiedendo consegne più rapide di armi per tenere a bada le forze russe meglio armate e un sostegno umanitario per combattere la marcia di malattie mortali.

A Sievierdonetsk, la piccola città che è diventata il fulcro dell’avanzata russa nell’Ucraina orientale e uno dei punti critici più sanguinosi di una guerra fino al suo quarto mese, sono stati segnalati ulteriori pesanti combattimenti.

A sud, il sindaco della città portuale di Mariupol – ridotta in rovina da un assedio russo – ha detto che i sistemi sanitari erano rotti e i cadaveri stavano marcendo per le strade.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

“C’è un’epidemia di dissenteria e colera… La guerra che ha preso oltre 20.000 residenti… sfortunatamente, con questi focolai di infezione, mieteranno migliaia di mariupoliti in più”, ha detto alla televisione nazionale.

Ha invitato le Nazioni Unite e il Comitato internazionale della Croce Rossa a lavorare alla creazione di un corridoio umanitario per consentire ai residenti rimasti di lasciare la città, che ora è sotto il controllo russo.

In un’istantanea dell’impatto più ampio della guerra, l’agenzia alimentare delle Nazioni Unite ha affermato che la riduzione delle esportazioni di grano e altri prodotti alimentari dall’Ucraina e dalla Russia potrebbe infliggere fame cronica a un massimo di 19 milioni di persone in più a livello globale nel corso del prossimo anno.

READ  Google blocca RT, altri canali russi che guadagnano dollari pubblicitari

Il presidente Volodymyr Zelenskiy ha chiesto in un discorso in collegamento video che l’Ucraina sia incorporata come parte dell’Occidente, con garanzie vincolanti per la sua protezione.

Chiedendo all’UE di accettare l’Ucraina come candidato all’adesione, ha dichiarato in una conferenza a Copenaghen: “L’Unione europea può compiere un passo storico che dimostrerà che le parole sul popolo ucraino appartenente alla famiglia europea non sono solo parole”.

La guerra nell’est, dove la Russia sta concentrando le sue attenzioni, è ora principalmente una battaglia di artiglieria in cui Kiev è gravemente sconfitta, affermano i funzionari ucraini.

Ciò significa che la marea degli eventi potrebbe essere invertita solo se l’Occidente mantiene le promesse di inviare armi maggiori e migliori, inclusi i sistemi missilistici, che Washington e altri hanno promesso.

‘GUERRA DI ARTIGLIERIA’

“Questa è una guerra di artiglieria ora”, ha detto al quotidiano britannico Guardian Vadym Skibitsky, vice capo dell’intelligence militare ucraina.

“Ora tutto dipende da ciò che (l’Occidente) ci dà. L’Ucraina ha un pezzo di artiglieria su 10-15 pezzi di artiglieria russa”.

La Germania, tra i maggiori fornitori di armi da quando la Russia ha invaso, ma criticata per la sua lentezza nel fornire le armi pesanti di cui Kiev afferma di aver bisogno, prevede di rivedere le sue regole sulle esportazioni di armi per rendere più facile armare democrazie come l’Ucraina, ha riferito Der Spiegel venerdì. leggi di più

READ  Il secondo prodotto hardware di Snapchat è un drone selfie da $ 230

La Russia spera di conquistare l’intero territorio della provincia orientale di Luhansk, che chiede all’Ucraina di cedere ai separatisti insieme alla vicina Donetsk, un’area nota come Donbas dove ha sostenuto una rivolta dei separatisti dal 2014.

A tal fine, il Cremlino ha concentrato le sue forze in una battaglia per Sievierdonetsk.

Le truppe ucraine si sono in gran parte ritirate dalle zone residenziali della città, ma non hanno ceduto il loro punto d’appoggio sulla sponda orientale del fiume Siverskiy Donets. Anche le forze russe stanno spingendo da nord e sud per cercare di accerchiare gli ucraini, ma finora hanno fatto progressi limitati.

Entrambe le parti affermano di aver inflitto enormi perdite nella battaglia per la città.

Il presidente russo Vladimir Putin ha lanciato quella che definisce la sua “operazione militare speciale” in Ucraina a febbraio dicendo che il suo scopo era di disarmare e “denazificare” il vicino della Russia. Kiev ei suoi alleati la definiscono una guerra di aggressione non provocata per conquistare il territorio.

L’Ucraina ha affermato che un discorso pronunciato giovedì da Putin – che ha tracciato un parallelo tra quella che ha descritto come una nuova ricerca per riconquistare le terre russe e le conquiste storiche dello zar Pietro il Grande – ha dimostrato che l’obiettivo di Mosca era la conquista.

“La confessione di Putin sui sequestri di terre e il confronto con Pietro il Grande dimostrano: non c’è stato alcun ‘conflitto’, solo il sanguinoso sequestro del Paese con i pretesti forzati di genocidio popolare”, ha twittato l’aiutante di Zelenskiy Mykhailo Podolyak.

Segnalazioni aggiuntive da parte degli uffici Reuters; Scritto da Peter Graff e John Stonestreet; Montaggio di Philippa Fletcher, Edmund Blair e Alex Richardson

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.