Agosto 10, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

L’S&P 500 chiude il libro sul suo primo semestre più ripido dal 1970

Un trader lavora al piano della Borsa di New York (NYSE) a New York City, USA, 22 giugno 2022. REUTERS / Brendan McDermid

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

  • La spesa dei consumatori negli Stati Uniti a maggio aumenta moderatamente; l’inflazione rimane calda
  • Il Nasdaq registra il calo percentuale di gennaio-giugno più grande di sempre
  • Indici in ribasso: Dow 0,82%, S&P 0,88%, Nasdaq 1,33%

NEW YORK, 30 giugno (Reuters) – Wall Street ha chiuso in ribasso giovedì, tagliando il traguardo di un mese e un trimestre cupi, una triste conclusione della peggiore prima metà dell’S&P 500 in più di mezzo secolo.

Tutti e tre i principali indici azionari statunitensi hanno chiuso il mese e il secondo trimestre in territorio negativo, con l’S&P 500 che ha registrato il calo percentuale più alto del primo semestre dal 1970.

Il Nasdaq ha registrato il più grande calo percentuale di gennaio-giugno, mentre il Dow ha subito il più grande calo percentuale nel primo semestre dal 1962.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Tutti e tre gli indici hanno registrato il loro secondo calo trimestrale consecutivo. L’ultima volta che è successo è stato nel 2015 per l’S&P e il Dow e nel 2016 per il Nasdaq.

L’anno è iniziato con l’aumento dei casi di COVID-19 a causa della variante Omicron. Poi è arrivata l’invasione russa dell’Ucraina, l’inflazione alta decenni e gli aumenti aggressivi dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve, che hanno alimentato i timori di una possibile recessione. leggi di più

“Per tutto l’anno è stato un braccio di ferro tra inflazione e rallentamento della crescita, bilanciando condizioni finanziarie inasprite per affrontare i problemi di inflazione ma cercando di evitare il panico totale”, ha affermato Paul Kim, amministratore delegato di Simplify ETFs a New York. “Penso che siamo più che probabili già in una recessione e in questo momento l’unica domanda è quanto dura sarà la recessione?”

READ  Cole riceve un'offerta da 9 miliardi di dollari sostenuta da un investitore attivista

“Penso che sia molto improbabile che vedremo un atterraggio morbido”, ha aggiunto Kim.

I dati economici pubblicati giovedì hanno fatto ben poco per dissipare quei timori. Il reddito disponibile è diminuito di poco, la spesa per consumi è decelerata, l’inflazione è rimasta alta e le richieste di sussidio di disoccupazione sono aumentate di poco. leggi di più

“Abbiamo iniziato a vedere un rallentamento nella spesa dei consumatori”, ha affermato Oliver Pursche, vicepresidente senior di Wealthspire Advisors, a New York. “E sembra che l’inflazione stia mettendo a dura prova il consumatore medio e questo si traduce in utili aziendali, che sono ciò che alla fine guida il mercato azionario”.

Il grafico seguente mostra la crescita anno su anno degli indicatori di inflazione core, i quali suggeriscono che, sebbene sembri essere stato raggiunto un picco a marzo, continuano a salire ben al di sopra dell’obiettivo medio annuo del 2% fissato dalla Fed:

La media industriale del Dow Jones (.DJI) è sceso di 253,88 punti, o dello 0,82%, a 30.775,43, l’S&P 500 (.SPX) ha perso 33,45 punti, ovvero lo 0,88%, a 3.785,38 e il Nasdaq Composite (.IXIC) è sceso di 149,16 punti, o dell’1,33%, a 11.028,74.

Otto degli 11 principali settori S&P hanno chiuso in ribasso, con i servizi di pubblica utilità (.SPLRCU) guidando i gainer e l’energia (.SPNY) registrando il calo percentuale maggiore.

Ma l’energia è stata solo per il settore principale a registrare un aumento da inizio anno, aiutato dal picco dei prezzi del greggio a causa delle preoccupazioni sull’offerta a causa del conflitto Russia-Ucraina.

I principali indici azionari hanno perso terreno a giugno, con l’S&P 500 che ha registrato il suo più grande calo percentuale di giugno dalla crisi finanziaria.

READ  Penny Thompson non ha rifiutato di sostenere Trump

La stagione dei report del secondo trimestre inizia tra diverse settimane e 130 delle società dell’S&P 500 hanno annunciato in anticipo. Di questi, 45 sono stati positivi e 77 negativi, risultando in un rapporto negativo/positivo di 1,7 più forte del primo trimestre ma più debole di un anno fa, secondo i dati Refinitiv.

I timori per lo smorzamento dell’inflazione della domanda dei consumatori e la minaccia dei margini di profitto indurranno i partecipanti al mercato ad ascoltare attentamente le indicazioni prospettiche.

Walgreens Boots Alliance Inc (WBA.O) è sceso del 7,3% poiché il suo profitto trimestrale è crollato del 76%, danneggiato dall’accordo sugli oppioidi con la Florida e da una diminuzione delle vendite di farmacie negli Stati Uniti a causa del calo della domanda di vaccinazioni contro il COVID-19. leggi di più

Le emissioni in calo hanno superato quelle avanzate sul NYSE di un rapporto di 1,75 a 1; sul Nasdaq, un rapporto di 1,52 a 1 ha favorito i declinanti.

L’S&P 500 ha registrato un nuovo massimo di 52 settimane e 42 nuovi minimi; il Nasdaq Composite ha registrato 17 nuovi massimi e 367 nuovi minimi.

Il volume sulle borse statunitensi è stato di 12,58 miliardi di azioni, rispetto alla media di 12,86 miliardi degli ultimi 20 giorni di negoziazione.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Segnalazione di Stephen Culp; Rapporti aggiuntivi di Shreyashi Sanyal e Amruta Khandekar a Bengaluru; Montaggio di David Gregorio

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.