Maggio 24, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

L’S&P 500 termina sotto quota 4.000 per la prima volta da marzo 2021; le quote di crescita portano al declino

  • Il Nasdaq guida il declino
  • Twitter cade mentre il venditore allo scoperto Hindenburg segnala un rischio per l’accordo con Musk
  • Indici: Dow in calo del 2%, S&P 500 in calo del 3,2%, Nasdaq in calo del 4,3%

NEW YORK, 9 maggio (Reuters) – L’S&P 500 ha chiuso sotto quota 4.000 per la prima volta da marzo 2021 e il Nasdaq è sceso di oltre il 4% lunedì in un selloff guidato dalle azioni growth a mega capitalizzazione mentre gli investitori sono diventati più preoccupati per l’aumento dell’interesse aliquote.

Il Nasdaq ha chiuso al livello più basso da novembre 2020. Apple (AAPL.O) le azioni sono scese del 3,3% e sono state il peso maggiore sul Nasdaq e sull’S&P 500.

Gli investitori sono preoccupati per quanto aggressiva dovrà essere la Federal Reserve per domare l’inflazione. La scorsa settimana la banca centrale statunitense ha aumentato i tassi di interesse di 50 punti base.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

I rendimenti dei Treasury USA a 10 anni di riferimento hanno raggiunto i livelli più alti da novembre 2018 all’inizio della sessione.

“I mercati stanno digerendo l’inizio di un ritorno a un contesto di politica monetaria più normale”, ha affermato Kristina Hooper, chief global market strategist di Invesco a New York.

“Muoversi in modo più aggressivo (sulle tariffe) solleva lo spettro di una recessione, soprattutto con tutte queste complicazioni: alta inflazione, invasione russa dell’Ucraina, interruzioni della catena di approvvigionamento legate al COVID”, ha affermato.

Gli investitori sono anche preoccupati per un rallentamento economico in Cina a seguito del recente aumento dei casi di coronavirus.

READ  Spiegazione: Ratcliffe, Boehly e una svolta drammatica nella corsa all'acquisto del Chelsea

La media industriale del Dow Jones (.DJI) è sceso di 653,67 punti, o dell’1,99%, a 32.245,7, l’S&P 500 (.SPX) ha perso 132,1 punti, ovvero il 3,20%, a 3.991,24 e il Nasdaq Composite (.IXIC) è sceso di 521,41 punti, o del 4,29%, a 11.623,25.

Tra i più colpiti dalla recente vendita ci sono stati i titoli tecnologici e di crescita, le cui valutazioni dipendono maggiormente dai flussi di cassa futuri.

Il settore energetico (.SPNY) settore è sceso dell’8,3% a causa del calo dei prezzi del petrolio.

Twitter Inc (TWTR.N) le azioni sono scese di oltre il 3% poiché Hindenburg Research ha preso una posizione corta sulle azioni della società di social media, affermando che l’accordo da 44 miliardi di dollari della società per vendersi a Elon Musk ha un rischio significativo di essere rivalutato al ribasso. leggi di più

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Devik Jain e Amruta Khandekar a Bengaluru; Montaggio di Shounak Dasgupta, Anil D’Silva e Aurora Ellis

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.