Novembre 30, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

L’orologio si esaurisce per rendere permanente l’ora legale

Commento

All’inizio di questa domenica mattina, gli americani si impegneranno nel rituale autunnale annuale di “ripiegare”, riportando i loro orologi indietro di un’ora per conformarsi all’ora standard.

Se alcuni legislatori facessero a modo loro, segnerebbe la fine di una tradizione che si estende per più di un secolo. Ma una storia familiare che si è srotolata su un blocco del Congresso e un’incessante campagna di lobbying, questa di sostenitori che alcuni chiamano scherzosamente “Big Sleep”.

È stato un progetto di legge per “balzare in avanti” permanentemente in stallo al Congresso per più di sette mesi, mentre i legislatori si scambiano colpi sul fatto che il Senato avrebbe dovuto approvare la legislazione. I funzionari della Camera affermano di essere stati sommersi dagli elettori con opinioni divergenti e avvertimenti da specialisti del sonno che insistono su questo adottando l’ora solare permanente invece sarebbe più sano e i leader del Congresso ammettono che semplicemente non sanno cosa fare.

“Non siamo ancora riusciti a trovare consenso in Aula su questo”, il rep. Frank Pallone Jr. (DN.J.) ha dichiarato in una dichiarazione al Washington Post. “C’è un’ampia varietà di opinioni sull’opportunità di mantenere lo status quo, di passare a un tempo permanente e, in tal caso, che ora dovrebbe essere”.

Pallone, che presiede il comitato Energia e Commercio della Camera che sovrintende alle politiche di cambio orario, ha anche detto di essere cauto nel ripetere il Congresso’ Tentativo precedente di istituire l’ora legale tutto l’anno quasi 50 anni fa, che è stata rapidamente abrogata tra le notizie diffuse secondo cui le mattine invernali più buie portavano a più incidenti stradali e stati d’animo più cupi.

“Non vogliamo fare un cambiamento frettoloso e poi farlo tornare indietro diversi anni dopo, dopo che l’opinione pubblica si è rivolta contro di esso, che è esattamente quello che è successo nei primi anni ’70”, ha detto Pallone.

Con i legislatori che hanno premuto il pulsante snooze, ci sono poche possibilità che la legislazione venga avanzata durante il periodo dell’anatra zoppa che segue le elezioni della prossima settimana, hanno affermato gli assistenti del Congresso.

Il tranquillo crollo del disegno di legge pone fine a un episodio insolito che ha brevemente inchiodato il Congresso, divenne foraggio per i fumetti a tarda notte e il dibattito sul refrigeratore d’acqua alimentato. Il Senato Voto unanime a marzo, per consentire agli stati di cambiare permanentemente i propri orologi, ha colto di sorpresa alcuni membri della camera stessa – e al contrario delle tradizionali dinamiche di Washington, è stata la Camera rallentando la legislazione del Senato.

I senatori chiave che hanno sostenuto l’ora legale permanente affermano di essere confusi dal fatto che i loro sforzi sembrino destinati a fallire e frustrati dal fatto che probabilmente dovranno ricominciare da capo nel prossimo Congresso. Almeno 19 stati negli ultimi anni hanno emanato leggi o approvato risoluzioni che consentirebbero loro di imporre l’ora legale tutto l’anno, ma solo se il Congresso approva la legislazione per fermare i cambiamenti dell’ora due volte all’anno della nazione, secondo il Conferenza nazionale delle legislature statali.

READ  Trump probabilmente ha commesso un crimine con un piano per ostacolare il Congresso, regole del giudice degli Stati Uniti

“Questa non è una questione di parte o regionale, è una questione di buon senso”, ha detto il senatore. Lo ha affermato in una nota Marco Rubio (R-Fla.), co-autore del Sunshine Protection Act, approvato al Senato a marzo. Il personale del Senato ha osservato che a disegno di legge bipartisan compagno alla Camera, sostenuto da 48 Repubblicani e Democratici, è fermo da quasi due anni in una sottocommissione Energia e Commercio presieduta dal Rep. Jan Schakowsky (D-Ill.).

“Non so perché la Camera si rifiuti di approvare questo disegno di legge – sembra che siano raramente in seduta – ma continuerò a spingere per renderlo realtà”, ha detto Rubio, dando un colpo alle sue controparti del Congresso.

L’umore cupo di Rubio e dei suoi colleghi questo autunno è in netto contrasto con le loro celebrazioni solari quando il Senato ha approvato bruscamente il disegno di legge. due giorni dopo il cambio dell’orologio “primavera in avanti”.con legislatori ancora intontiti che si battono su di essa come una riforma del buon senso.

“Il mio telefono ha squillato senza problemi a sostegno di questo disegno di legge – da mamme e papà che vogliono più luce diurna prima di coricarsi, agli anziani che vogliono più sole la sera per godersi la vita all’aria aperta, agli agricoltori che potrebbero usare la luce diurna in più per lavorare in i campi”, un’e-mail di raccolta fondi inviata a marzo dal sen. ha detto Tommy Tuberville (R-Ala.).

Ma dietro le quinte, le previsioni del conto sono state quasi immediatamente nuvolose.

Alcuni senatori detto ai giornalisti sono rimasti sorpresi che il disegno di legge fosse approvato attraverso una procedura parlamentare nota come consenso unanime, che elimina la necessità di un dibattito o di un effettivo conteggio dei voti se nessun senatore si oppone a una misura, e hanno desiderato che ci fosse stata una serie più tradizionale di udienze e ricarichi legislativi. Esperti del sonno e neurologi Avvertimento urgente che allontanarsi dalla luce solare mattutina danneggerebbe i ritmi circadiani, i cicli sonno-veglia e la salute generale. Gruppi come gli ebrei religiosi lamentato che spostare gli orologi più tardi durante l’inverno impedirebbe loro di recitare le preghiere mattutine dopo il sorgere del sole e di arrivare comunque al lavoro e a scuola in orario.

Ci sono anche differenze regionali in chi trarrebbe maggior beneficio dall’ora legale permanente. I legislatori negli stati del sud come la Florida sostengono che massimizzerebbe la luce del sole per i loro residenti durante i mesi invernali, ma alcune persone che vivono negli Stati Uniti settentrionali o sul confine occidentale dei fusi orari, come Indianapolis, non vedrebbero l’alba su alcuni giorni invernali fino alle 9:00

READ  Il Cremlino risponde alle critiche del capo olimpico sulla reazione "agghiacciante" dell'allenatore di Valieva

E alla Camera, legislatori e personale che lavorano sulla questione hanno segnalato sondaggi che mostrano profonde divergenze nell’opinione pubblica su come procedere. Mentre il 64 per cento degli intervistati a marzo 2022 Sondaggio YouGov hanno affermato di voler interrompere il cambio degli orologi due volte all’anno, solo circa la metà delle persone favorevoli a un cambiamento voleva l’ora legale permanente, mentre circa un terzo supportava l’ora solare permanente e altri non erano sicuri.

“Sappiamo che la maggior parte degli americani non vuole continuare a cambiare gli orologi avanti e indietro”, ha detto Schakowsky in una dichiarazione a The Post, aggiungendo di aver ricevuto chiamate in favore di entrambe le parti. I sostenitori permanenti dell’ora solare non vogliono che i bambini aspettino uno scuolabus nelle buie mattine invernali; I sostenitori dell’ora legale permanente vogliono aiutare le aziende a godersi più sole durante l’orario di lavoro, ha affermato.

Un collaboratore del Congresso che ha lavorato sulla questione lo ha affermato in modo più schietto: “Faremmo incazzare metà del paese, qualunque cosa accada”, ha detto l’aiutante, che ha parlato a condizione di anonimato perché non erano autorizzati a discutere pubblicamente di interni deliberazioni.

La Casa Bianca ha evitato di prendere posizione sulla legislazione e, in interviste, funzionari dell’amministrazione hanno affermato che la questione era complicata e riguardava questioni commerciali e sanitarie.

Pallone e altri legislatori hanno affermato che stanno aspettando che il Dipartimento dei trasporti, che aiuta a governare l’applicazione dei fusi orari, esamini gli effetti del cambio permanente degli orologi. Mentre l’agenzia di trasporti a settembre concordato per condurre uno studio, la data di scadenza per tale analisi — dic. 31, 2023 – suggerisce che la questione potrebbe non essere nuovamente presa in seria considerazione al Congresso fino al 2024 al più presto.

E mentre gli sforzi di lobbying 24 ore su 24 impallidiscono accanto alle decine di milioni di dollari spesi dai sostenitori delle cosiddette Big Pharma o Big Tech, alcuni assistenti del Congresso scherzano sul fatto che il dibattito abbia risvegliato il “Big Sleep”: la resistenza concertata di medici addormentati e ricercatori che hanno rilasciato lettere di difesa che metteva in guardia contro l’ora legale permanente, si è recato a Capitol Hill per proporre invece ai legislatori l’ora standard permanente e ha aumentato significativamente le loro spese per lobbismo, secondo una revisione delle divulgazioni federali.

READ  Oroscopo Sagittario per settembre 2022

Ad esempio, l’American Academy of Sleep Medicine, o AASM – che negli ultimi anni aveva concentrato la sua difesa su questioni come il miglioramento della cura per l’apnea notturna – quest’anno ha incluso nuove priorità nei suoi documenti federali: fare pressioni sui legislatori sul Senato Legge sulla protezione del sole e “problematiche relative ai cambi di orario stagionali.”

AASM ha anche quasi raddoppiato la sua spesa per lobbismo da $ 70.000 nel terzo trimestre del 2021 a $ 130.000 nel terzo trimestre del 2022 e ha aggiunto un lobbista specializzato in questioni sanitarie e che lavorava per Schakowsky.

Il dibattito sull’ora legale ha destato l’attenzione dell’accademia di medicina del sonno, ha confermato un funzionario.

“Quando il Sunshine Protection Act è stato approvato dal Senato la scorsa primavera, abbiamo stabilito che la difesa dell’ora standard permanente deve essere una priorità immediata”, ha scritto in una e-mail Melissa Clark, direttrice dell’advocacy e della sensibilizzazione del pubblico dell’AASM.

Clark ha aggiunto che l’AASM ha incontrato gli uffici di dozzine di legislatori per sostenere l’ora solare permanente. “È un problema che interessa a tutti”, ha scritto.

È un problema che risuona anche all’estero. legislatori messicani approvato la legge il mese scorso per porre fine all’ora legale nella maggior parte del loro paese, una misura che il presidente della nazione ha rapidamente firmato in legge.

Ma non tutti sono d’accordo sul fatto che un cambiamento, qualsiasi cambiamento, sia necessario.

Josh Barro, un commentatore politico che ha ripetutamente discusso per preservare il sistema attuale, ha affermato che né l’ora legale permanente né l’ora solare permanente hanno senso.

“Penso che abbiamo il sistema che abbiamo per una buona ragione… abbiamo un certo numero di ore di luce nel giorno e varierà a seconda dell’inclinazione assiale della terra. E abbiamo bisogno di un modo per gestirlo in modo da svegliarci non troppo tempo dopo l’alba nella maggior parte dei giorni”, ha detto Barro. “È davvero il governo che risolve un problema di coordinamento”.

Beth Ann Malow, neurologa e ricercatrice di medicina del sonno presso il Vanderbilt University Medical Center, ha sottolineato che continua a favorire l’ora solare permanente, una posizione su cui ha testimoniato in un’audizione al Congresso all’inizio di quest’anno. Ma anche Malow afferma che gli Stati Uniti potrebbero finire per aver bisogno di un compromesso: spostare l’orologio di 30 minuti e poi rimanere così in modo permanente.

“So che le persone con l’ora solare permanente e le persone con l’ora legale permanente rimarranno deluse perché non hanno ottenuto ciò che volevano e non saremo sincronizzati con altri paesi”, ha detto Malow. “Ma è un modo per smettere di andare avanti e indietro”.