Novembre 26, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Lo scontro nel tunnel del Manchester City con l’Atletico Madrid porta all’intervento della polizia

La polizia è dovuta intervenire dopo che la fine irascibile dello 0-0 dell’Atletico Madrid contro il Manchester City nel ritorno dei quarti di finale di Champions League è sfociata in uno scontro post-partita nel tunnel.

Il City affronterà il Real Madrid in semifinale dopo aver tenuto a bada una ripresa in ritardo da un Atletico molto migliorato nel secondo tempo al Wanda Metropolitano mercoledì per progredire 1-0 in totale.

Le tensioni sono esplose al 91′ quando il difensore dell’Atletico Filippo è stato espulso per una sfida Phil Fodenscatenando una rissa a bordo campo che è continuata nel tunnel dopo il fischio a tempo pieno.

– Dawson: Man City si è levato in piedi mentre Atleti ha cercato di bullizzarli
– ESPN + guida per gli spettatori: LaLiga, Bundesliga, MLS, FA Cup, altro

– Non hai ESPN? Ottieni l’accesso istantaeo

Le immagini televisive mostrate Stefan Savic cercando di confrontarsi Jack Grealish, essendo stato precedentemente raffigurato mentre tirava i capelli al giocatore del City nella mischia dopo il cartellino rosso di Felipe. Sostituire Sime Vrsaljko ha dovuto essere trattenuto dallo staff tecnico dell’Atletico e Kyle Walker è stato trattenuto dal portiere Edersonprima che gli agenti di polizia intervenissero per ristabilire l’ordine.

“Il gioco può farti impazzire così, quando li metti sotto pressione e crei occasioni, e loro scendono, perdendo tempo”, capitano dell’Atletico Koke ha detto, quando gli è stato chiesto del cartellino rosso e della rissa che ne è seguita. “E’ il calcio. Spesso veniamo criticati per questo, vediamo cosa ne pensa la gente oggi”.

READ  L'uragano Agatha atterra in Messico

I giocatori dell’Atletico erano irritati da quelli che sentivano come tentativi del City di rallentare il tempo mentre proteggevano un vantaggio di 1-0 all’andata.

“In una partita così tesa può succedere”, ha detto il portiere dell’Atleti Jan Oblak disse. “La gente è entrata dalla panchina, c’è molto nervosismo, è normale che si spinga e si dicono brutte parole. Quello che succede in una partita, resta lì. È stato un bene per il City, ha perso un po’ di tempo”.

Tuttavia, difensore del City Aymerico Laporte ha risposto dicendo: “Chi stava perdendo tempo era la loro squadra, che si cimentava in combattimenti assurdi.

“Sappiamo già come stanno e fanno sempre lo stesso. È sempre brutto vedere questi combattimenti, si fa molto trambusto con poco. Penso che sia stato male per loro perché erano nel loro momento migliore del gioco”.

Pep Guardiola ha rifiutato di rispondere alle domande sulle perdite di tempo, ma il centrocampista del City Rodri ammesso che ci sono momenti in cui è necessario.

“Quando sei bloccato dietro e quando mancano dai cinque ai dieci minuti, dobbiamo giocare con altre armi”, ha detto Rodri.

“Non sono favorevole a farlo per tutta la partita, ma in occasioni. Quello che resta in campo resta lì. È una partita con molta pressione e non so proprio cosa sia successo a Felipe, ma non è piacevole. “

Sia Oblak che l’allenatore Diego Simeone hanno detto di non aver visto cosa è successo nel tunnel, poiché erano rimasti in campo dopo la partita per ringraziare i fan dell’Atletico per il loro supporto.

READ  I futures sulle azioni scivolano dopo il primo giorno di negoziazione di agosto

“Non l’ho visto. Ero con i giocatori, applaudendo i fan”, ha detto Simeone nella sua conferenza stampa post-partita. “Quando sono salito le scale [in the tunnel]non c’era nessuno”.

Simeone ha negato di aver rivolto applausi ironici alla panchina del City e al numero avversario Guardiola nei minuti di recupero – dicendo: “Non ho applaudito la panchina avversaria, ho applaudito i nostri tifosi” – ma è apparso comunque infastidito dai commenti di Guardiola sulla tattica difensiva dell’Atletico dopo la prima tappa.

“Spesso, le persone con un ampio vocabolario sono molto intelligenti e riescono a elogiarti con mancanza di rispetto”, ha detto Simeone. “Ma quelli di noi che magari hanno un vocabolario più piccolo, non siamo così stupidi.

“Il calcio ha molte sfaccettature. Non darò la mia opinione su come si è comportato l’avversario. Ci concentreremo su di noi, giocando contro forse la squadra migliore del mondo e rendendoci conto che potremmo competere. Ma questo non rende felice, l’unica cosa che mi rende felice è vincere”.