Maggio 27, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

L’incidente a margine dei colloqui ha lasciato i negoziatori ucraini e Abramovich con un leggero desquamazione della pelle e occhi irritati

Presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accusato Mosca di essere “spaventata” da giornalisti “che possono dire la verità” dopo che il Cremlino ha tentato di impedire ai russi di vedere un’intervista che ha rilasciato su la guerra in Ucraina.

Il cane da guardia dei media di Mosca, Roskomnadzor, ha rilasciato una dichiarazione domenica avvertendo le notizie russe punti vendita contro la ritrasmissione o la distribuzione dell’intervista tra Zelensky e alcuni dei più importanti giornalisti indipendenti russi.

“Roskomnadzor avverte i media russi di non pubblicare questa intervista”, ha affermato l’agenzia nella sua dichiarazione. “I media che condurranno le interviste saranno soggetti a controllo per determinare l’entità della responsabilità e la risposta appropriata da adottare”.

I giornalisti che hanno intervistato Zelensky erano Ivan Kolpakov di Meduza, un sito web con sede in Lettonia, Vladimir Solovyov del quotidiano di Mosca Kommersant, Tikhon Dzyadko del canale TV Rain recentemente chiuso e l’importante scrittore Mikhail Zygar. Il direttore della Novaya Gazeta Dmitry Muratovche l’anno scorso ha vinto il Premio Nobel per la Pace, ha presentato domande a Zelensky prima dell’intervista.

Alcuni dei punti vendita che hanno partecipato sono stati formalmente etichettati come “agenti stranieri” dal governo russo, ha affermato Roskomnadzor in una dichiarazione sull’app di social media Telegram. Lunedì, Novaya Gazeta ha annunciato che lo avrebbe fatto smettere di pubblicare online e su carta a seguito di un avviso del regolatore.

Durante l’intervista, Zelensky ha criticato duramente Mosca ma anche discusso un potenziale accordo per porre fine alla guerra. L’Ucraina è pronta ad accettare lo status neutrale non nucleare, ha affermato.

Zelensky ha detto domenica che Mosca era “spaventata” dalla verità.

“[They] ha distrutto la libertà di parola nel loro stato – [and are] cercando di distruggere lo stato vicino. Si descrivono come attori globali. E loro stessi hanno paura di una conversazione relativamente breve con diversi giornalisti “, ha detto durante un discorso video.
“Beh, se c’è una tale reazione, allora stiamo facendo tutto bene. [It] significa che sono nervosi “, ha aggiunto Zelensky.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto lunedì alla Galileus Web che la Russia non aveva paura.

READ  I futures su azioni aumentano prima dell'udienza di conferma di Powell

“Abbiamo delle leggi in atto ed è molto importante non pubblicare informazioni che equivarrebbero a una violazione di queste leggi”, ha aggiunto Peskov.

Mosca ha represso i media indipendenti nelle settimane successive all’ordine di invasione dell’Ucraina da parte del presidente Vladimir Putin e molti giornalisti russi hanno lasciato il loro paese d’origine. L’accesso ai media stranieri come la BBC è stato limitato.

I legislatori russi hanno anche criminalizzato la diffusione di informazioni “false” che screditano le forze armate russe o chiedono sanzioni contro il Paese.