Novembre 30, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

L’ex attivista evangelico afferma di essere a conoscenza della decisione della Corte Suprema del 2014 prima che fosse rilasciata



Cnn

Un ex attivista evangelico ha affermato in una lettera al Presidente della Corte Suprema degli Stati Uniti di essere a conoscenza dell’esito di a 2014 Decisione della Corte Suprema relativa alla contraccezione e all’Affordable Care Act da parte del tribunale prima dell’annuncio formale, secondo The New York Times.

rev. Rob Schenck ha scritto nella lettera di questa estate al giudice capo John Roberts, originariamente ottenuta dal Times, di essere stato informato da un ricco donatore politico, Gayle Wright, del verdetto della sentenza prima che venisse pubblicata.

Secondo il lettera datata giugno di quest’anno ma non inviato fino al mese successivo, Wright ha cenato con il giudice Samuel Alito e sua moglie e ha parlato dell’imminente sentenza in quel momento.

“Ha suggerito che nella loro conversazione al tavolo, potrebbe essere in grado di apprendere lo stato del caso, qualcosa che sapeva che avevo interesse a sapere. Ho ricevuto un messaggio di follow-up da lei che mi informava che aveva effettivamente ottenuto le informazioni durante quella visita. Abbiamo parlato al telefono e lei ha dettagliato la rivelazione”, ha scritto Schenck, secondo il Times.

Una fonte vicina a Schenck ha confermato la lettera alla CNN.

“Sig. Schenck conferma gli ampi dettagli e i fatti che ha fornito riguardo a questi eventi. ha detto la fonte alla CNN.

Schenck ha dichiarato in una dichiarazione inviata alla CNN sabato di essere stato motivato dal “dire la verità, che dovrebbe essere al centro della fede e della pratica cristiana”.

“Il mio ruolo dietro le quinte presso la Corte Suprema e quello delle mie coorti sono tangenti al mio scopo nel farmi avanti”, ha detto. “Penso che sia giunto il momento che la Corte, tutto il governo e la società esaminino cosa intendiamo per etica, giustizia e responsabilità. Tuttavia, è ancora più critico per quelli di noi che si definiscono cristiani farlo”.

La sentenza del 2014 riguardava il caso di Burwell v. Lobby dell’hobby. Un tribunale 5-4 ha stabilito che le società a conduzione familiare strettamente controllate come Hobby Lobby non potevano essere tenute a pagare la copertura assicurativa per alcuni tipi di contraccezione ai sensi dell’Affordable Care Act senza violare una legge federale volta a proteggere la libertà religiosa. Alito ha scritto l’opinione.

Alito, in una dichiarazione fornita alla CNN dalla Corte Suprema sabato, ha definito le accuse riguardanti la conversazione a cena “completamente false”.

“Mia moglie ed io abbiamo conosciuto i Wright alcuni anni fa per il loro forte sostegno alla Supreme Court Historical Society, e da allora abbiamo avuto un rapporto casuale e puramente sociale. Non ho mai rilevato alcun tentativo da parte dei Wright di ottenere informazioni riservate o di influenzare qualsiasi cosa facessi a titolo ufficiale o privato, e mi sarei fortemente opposto se lo avessero fatto”, ha detto Alito.

Wright ha negato con veemenza le affermazioni di Schenck in un’intervista alla CNN sabato.

“Tutta questa faccenda è incredibilmente fraintesa”, ha detto, aggiungendo che Alito non avrebbe mai discusso di un caso specifico e non ne avrebbe mai chiesto uno.

“I casi non vengono mai discussi, lo sanno tutti”, ha detto.

Wright ha confermato alla CNN che lei e suo marito avevano cenato con gli Alito a casa loro e ricordava di essersi ammalata durante la cena e Alito si era offerta di accompagnarla a casa. Era l’unica volta che aveva cenato a casa del giudice, ma ha detto di averlo visto occasionalmente nel corso degli anni. Ha definito qualsiasi accusa secondo cui avevano discusso l’esito di un caso “palesemente falso”.

Sabato una fonte ha detto alla CNN che Schenck non ha mai ricevuto risposta dal tribunale in merito alla sua lettera.

Schenck ha detto nella lettera che stava condividendo le informazioni ora per assistere nel indagine in corso sulla bozza trapelata del parere che ha ribaltato Roe v. Guadare. Il rapporto del Times afferma che “Mr. Il resoconto della violazione da parte di Schenck presenta delle lacune”, ma una serie di e-mail e conversazioni implicano che conoscesse l’esito del caso prima della sentenza pubblica.

“Considerando che potrebbe esserci una severa sanzione da pagare da parte di chiunque sia responsabile della fuga di notizie iniziale o della recente bozza di parere, ho pensato che questo incidente precedente potesse prendere in considerazione”, ha scritto.

La bozza di parere nel caso Dobbs v. Il caso della Jackson Women’s Health Organization è stato scritto da Alito e sembrava avere una maggioranza di cinque giudici per invertire la sentenza Roe v. Decisione Wade. Politico ha ottenuto e riportato la bozza di parere all’inizio di maggio, e la fuga di notizie che ha scosso la corte è stata causa di proteste in tutta la nazione. La sentenza ufficiale di Dobbs rovesciare Roe è uscito a fine giugno.

L’indagine senza precedenti sulla violazione della riservatezza presso la più alta corte della nazione ha provocato improvvise richieste di dati di celle private da parte degli impiegati legali, ma c’è stata una mancanza di trasparenza su come stanno le cose attualmente e la possibilità di una precedente fuga di notizie potrebbe essere dannosa per il tribunale .per cui la fiducia del pubblico è già ai minimi storici.

Brian Fallon, il direttore esecutivo del gruppo liberale Demand Justice, ha convocato sabato la commissione giudiziaria del Senato “per indagare sull’apparente fuga di notizie”.

“L’informatore in questo rapporto, Rev. Rob Schenck, dovrebbe essere chiamato a testimoniare sia sulla fuga di notizie che sugli anni di sforzi di lobbying che una volta ha condotto per coltivare Alito e altri giudici repubblicani “, ha detto Fallon in una dichiarazione.

CORREZIONE: una versione precedente di questa storia includeva un errore di ortografia del cognome di Rob Schenck.

READ  Penny Thompson non ha rifiutato di sostenere Trump