Agosto 9, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

L’Europa chiederà ai paesi di ridurre il consumo di energia mentre Putin rafforza la presa sul gas

La Commissione europea sta proponendo nuove misure in modo che gli Stati membri siano meglio preparati per l’inverno, quando il loro fabbisogno energetico è maggiore. Questo accade perché Gazprom afferma di non poter adempiere ai contratti del gas con l’Europa.

Sean Gallup | Notizie Getty Images | Getty Images

Lo faranno i paesi europei secondo quanto riferito devono frenare rapidamente il loro consumo di gas naturale come parte di un piano più ampio per far fronte alla riduzione delle forniture dalla Russia.

La Commissione europea, il braccio esecutivo dell’UE, mercoledì dovrebbe presentare un piano su come i paesi possono prepararsi per il periodo invernale, quando il loro fabbisogno energetico è molto più elevato.

Il piano arriva come Il colosso energetico russo Gazprom afferma di non poter adempiere ai contratti del gas con il blocco — un grave mal di testa per le nazioni europee dato che erano così dipendenti dall’energia russa prima dell’invasione dell’Ucraina.

Un funzionario dell’UE, che non voleva essere nominato perché il piano è ancora in fase di finalizzazione, ha detto lunedì alla CNBC che uno degli elementi “più controversi” nella proposta sono gli obiettivi di riduzione del gas.

Confermando i dettagli di a bozza di documento vista dal Financial Timesil funzionario ha aggiunto che questa idea potrebbe essere controversa perché diversi Stati membri dell’UE hanno esigenze energetiche diverse, il che significa che, ad esempio, è più difficile per la Germania, uno dei maggiori importatori di energia russa, ridurre il proprio consumo di gas, ad esempio il 5%, rispetto alla Spagna.

La Commissione Europea ha rifiutato di commentare il piano prima della sua pubblicazione.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: la guerra della Russia in Ucraina

Il Financial Times ha riferito lunedì che Bruxelles dirà ai paesi dell’UE di tagliare “immediatamente” il consumo di gas e che gli obiettivi di riduzione del gas diventeranno obbligatori in caso di grave interruzione dei flussi di gas.

L’Unione Europea si sta preparando all’eventualità di una chiusura totale delle forniture di gas dalla Russia sulla scia dell’assalto di Mosca in Ucraina. Tuttavia, il livello di preparazione sembra intensificarsi man mano che crescono le preoccupazioni che la Russia possa effettivamente ridurre sostanzialmente i flussi verso l’Europa, o addirittura interromperli completamente.

Il gasdotto Nord Stream 1, un punto di transito chiave del gas russo verso l’Europa, è stato chiuso per lavori di manutenzione fino al 21 luglio. Tuttavia, molti funzionari europei sono scettici sul fatto che i flussi riprenderanno a pieno regime.

Gazprom, il gigante energetico russo, ha dichiarato lunedì che non può adempiere ai contratti del gas con l’Europa a causa di circostanze impreviste. La società energetica tedesca Uniper ha respinto l’argomento di Gazprom.

Questo ultimo sviluppo si è aggiunto alle precedenti preoccupazioni che la Russia si stia avvicinando alla chiusura completa delle forniture di gas all’Europa dopo i flussi erano già inferiori del 60% il mese scorso.

“La Russia sta intensificando la sua guerra delle materie prime contro l’Europa congelando le forniture di gas attraverso il Nord Stream 1”, ha detto alla CNBC Velina Tchakarova, direttrice del think tank austriaco AIES.

Ha aggiunto che questa mossa dalla Russia “deve essere vista come un presagio di un embargo totale sul gas prima della stagione invernale, poiché le capacità di stoccaggio europee non sono riempite nella misura richiesta e i governi dei paesi europei fortemente dipendenti dalle forniture di gas russo lo faranno subire un’immensa pressione economica”.

READ  Uber, Brinker, Generac e altro ancora

Le economie europee si trovano già di fronte a prospettive economiche cupe con inflazione a livelli record e crescita che subisce continue revisioni al ribasso. Gran parte di questa realtà economica è causata dalla crisi energetica, fortemente accentuata dalla guerra russa in Ucraina.

Il prossimo piano per prepararsi all’inverno arriva quando la Commissione sta anche intensificando gli accordi sul gas con altre parti del mondo. Lunedì ha annunciato a nuovo accordo con l’Azerbaigian e ha già firmato accordi con gli Stati Uniti.

Il commissario europeo per l’Energia Kadri Simson ha affermato a giugno che il livello di riempimento del gas era superiore al 56%, ma alcuni Stati membri dovevano compiere ulteriori progressi nelle prossime settimane per migliorare i propri livelli di capacità. Già a marzo il commissario aveva chiesto un obiettivo minimo di stoccaggio dell’80% entro il 19 novembre. 1.