Maggio 27, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

L’economia statunitense è cresciuta al ritmo più veloce nel 2021 dall’amministrazione Reagan

Il prodotto interno lordo degli Stati Uniti – la misura più ampia dell’attività economica – è cresciuto del 5,7% lo scorso anno, il ritmo più veloce dal 1984, quando Ronald Reagan era alla Casa Bianca, il Ufficio di analisi economica segnalato giovedì.
Gli ultimi tre mesi del 2021 hanno ottenuto una scorecard molto migliore di quanto gli economisti avessero previsto: il PIL è cresciuto a un tasso annualizzato destagionalizzato del 6,9% nel quarto trimestre.
È stato un sostanziale aumento rispetto al terzo trimestre guidato dal Delta, quando Il PIL è cresciuto a un ritmo annualizzato di solo 2,3%. In effetti, è stata la migliore performance trimestrale dal terzo trimestre del 2020, quando il boom della riapertura iniziale ha sostenuto la crescita economica.

Il presidente Joe Biden ha elogiato la crescita del paese.

“I numeri del PIL per il mio primo anno mostrano che stiamo finalmente costruendo un’economia americana per il 21° secolo, con la crescita economica più rapida in quasi quattro decenni, insieme al più grande anno di crescita dell’occupazione nella storia americana”, ha affermato in una dichiarazione . . “E, per la prima volta in 20 anni, la nostra economia è cresciuta più velocemente di quella cinese”.

Alta crescita, alta inflazione

Ma non è stato solo il tasso di crescita che è balzato l’anno scorso. Anche il caos della catena di approvvigionamento, la carenza di lavoratori e l’enorme domanda hanno portato i prezzi a salire in modo scomodo.

La spesa dei consumatori è aumentata del 7,9% lo scorso anno sia perché gli americani hanno continuato a spendere sia perché i prezzi di beni e servizi erano più alti. Questa è stata la crescita più forte della spesa dal 1946.

READ  Boris Johnson promette aiuti finanziari e militari dopo aver incontrato Zelensky a Kiev

Nel frattempo, l’indice dei prezzi che replica la spesa dei consumatori – una misura chiave dell’inflazione – è aumentato del 3,9%, l’aumento più grande dal 1990.

Nel quarto trimestre, l’inflazione è stata del 6,5%, il più grande balzo dal terzo trimestre del 1981. La spesa per consumi è aumentata a un tasso annuo del 3,3%, più che durante l’estate, ma meno che durante il secondo trimestre alimentato dagli stimoli dell’anno.

Gli economisti si sono affrettati a sottolineare che non sono stati solo i portafogli americani ad aiutare l’economia a crescere lo scorso anno. Anche la ricostruzione delle scorte ha contribuito notevolmente al tasso di crescita del quarto trimestre migliore del previsto.

“La ricostruzione dell’inventario ha contribuito per 4,9 punti percentuali al totale, guidata principalmente dal settore automobilistico”, ha affermato James Knightley, capo economista internazionale di ING. “Data la continua interruzione dell’approvvigionamento, non possiamo contare sul fatto che questo continuerà a supportare la crescita nei prossimi trimestri”.

Prossimo: Omicron

Per quanto forte sia stato il finale del 2021, i primi mesi di quest’anno potrebbero sembrare piuttosto diversi.

Il Variante Omicron del coronavirusche è arrivato sulla scena in fine novembre, ha mandato le infezioni alle stelle e ha causato difficoltà alle aziende mentre i lavoratori sono rimasti a casa per riprendersi. Ma gran parte di quell’impatto è stato limitato a fine dicembre e gennaio.

“La variante Omicron ha quasi sicuramente rallentato la crescita durante l’ultimo mese dell’anno e sta chiaramente estraendo un forte tributo sull’attività economica complessiva nel primo trimestre del 2022”, ha affermato Joe Brusuelas, capo economista di RSM US.

Inoltre, lo stimolo pandemico che ha ancora sostenuto l’economia lo scorso anno sta volgendo al termine. Il Lo ha detto mercoledì la Federal Reserve che prevede di annullare i suoi acquisti mensili di attività all’inizio di marzo e ha segnalato che avrebbe aumentato i tassi di interesse subito dopo per frenare l’inflazione.

Le politiche di Washington sono cambiate e ciò significa che la crescita più lenta si sta avvicinando.

READ  Braves World Series Parade: Atlanta festeggia il campionato venerdì

“Anche se abbiamo raggiunto la fine della politica fiscale e monetaria dell’era della pandemia, la pandemia non è ancora finita”, ha aggiunto Brusuelas.