Novembre 27, 2021

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

L’economia giapponese si restringe più del previsto a causa della carenza di approvvigionamento

Un porto industriale viene filmato il 23 maggio 2019 a Tokyo, in Giappone. REUTERS / Kim Kyung-Hoon

  • PIL T3 Annuo -3,0% vs stima -0,8%
  • Il calo delle esportazioni nel terzo trimestre, investimenti e consumi stanno influenzando l’economia
  • Le prospettive economiche per il quarto trimestre potrebbero essere rosee, ma la crescita è lenta
  • Rischi per consumi lenti, panoramica del cloud economico globale

TOKYO, 15 novembre (Reuters) – L’economia giapponese si è contratta più velocemente del previsto nel terzo trimestre poiché le interruzioni dell’offerta globale hanno colpito la spesa per le esportazioni e il commercio e le nuove cause legali relative al COVID-19 hanno suscitato il sentimento dei consumatori.

Mentre molti analisti si aspettano che la terza economia mondiale allevi le barriere contro i virus nel trimestre in corso, il peggioramento delle barriere alla produzione globale pone rischi crescenti per il Giappone, che dipende dalle esportazioni.

Leggi anche: L’inflazione nel Kuroda della BOJ prevede di avvicinarsi all’1% a metà del prossimo anno

“Questa contrazione è stata maggiore del previsto a causa delle interruzioni della catena di approvvigionamento, che hanno gravemente colpito la produzione automobilistica e le spese in conto capitale”, ha affermato Takeshi Minami, capo economista del Norinchuk Research Institute.

“Prevediamo che l’economia riprenderà in questo trimestre, ma il ritmo della ripresa sarà più lento poiché i consumi non iniziano bene anche dopo che le sanzioni COVID-19 sono state allentate a fine settembre”.

L’economia si è contratta del 3,0% su base annua a luglio-settembre dopo un aumento dell’1,5% nel primo trimestre, con i dati preliminari sul prodotto interno lordo (PIL) che mostrano lunedì che è stato molto peggio della previsione media del mercato per uno 0,8% contrazione.

READ  Britney Spears Corte udienza: conservatorismo di 13 anni terminato

La debolezza del PIL contrasta con le misure più ottimistiche di altri paesi sviluppati, come gli Stati Uniti, dove l’economia è cresciuta del 2,0% nel terzo trimestre grazie alla forte domanda.

In Cina, editoria di fabbrica e vendita al dettaglio Rose inaspettatamente in ottobre, Nonostante la carenza di forniture e le nuove restrizioni COVID-19, i dati mostrano lunedì.

Su base trimestrale, il PIL è sceso dello 0,8% rispetto alle proiezioni di mercato per un calo dello 0,2%.

Alcuni analisti affermano che l’economia è più vulnerabile alle interruzioni del commercio rispetto ad altri paesi perché il Giappone è fortemente dipendente dall’industria automobilistica.

Shinichiro Kobayashi, capo economista presso Mitsubishi UFJ Research and Consulting

Programma trigger

Il primo ministro Fumio Kishida venerdì ha pianificato di compilare un pacchetto di stimolo economico su larga scala del valore di “diversi trilioni di trilioni di yen”, ma alcuni economisti erano scettici sul suo impatto sulla sua crescita.

“Il pacchetto sarà quasi un miscuglio di attività di sviluppo a lungo e lungo termine, e l’attenzione potrebbe essere sfocata, quindi non avrà un grande impatto nel tempo”, ha affermato Norinchukin Minami.

I consumi sono diminuiti dell’1,1% in luglio-settembre rispetto al trimestre precedente dopo essere aumentati dello 0,9% in aprile-giugno.

Anche le spese in conto capitale sono diminuite del 3,8% dopo un rivisto aumento del 2,2% nel trimestre precedente.

La domanda interna ha rallentato allo 0,9% della crescita del PIL.

Le esportazioni hanno perso il 2,1% in luglio-settembre rispetto al trimestre precedente poiché il commercio è stato influenzato dalla carenza di chip e dalle restrizioni della catena di approvvigionamento.

READ  JJ Watt dei Cardinals si sottopone a un intervento chirurgico stagionale alla spalla, secondo il rapporto

Gli analisti condotti da Reuters si aspettano l’economia giapponese Espansione annuale del 5,1% Durante il trimestre in corso, l’attività dei consumatori e la produzione automatizzata aumenteranno.

Tuttavia, le società giapponesi affrontano ancora rischi a causa dell’aumento dei prezzi delle materie prime e delle interruzioni dell’offerta, che minacciano di minare le prospettive economiche a breve e medio termine.

Il PIL reale, che è un fattore negli effetti dell’inflazione, non tornerà ai livelli pre-epidemia fino alla seconda metà del 2023, ha affermato Takahit Kyuchi, ex membro del consiglio di amministrazione della Banca del Giappone che ora ricopre il ruolo di capo economista presso il Istituto di ricerca Nomura.

“La recessione della Cina, le interruzioni dell’offerta, l’aumento dei prezzi dell’energia e la recessione in Occidente colpita dall’inflazione rallenteranno il ritmo di crescita entro la metà del 2022”, ha affermato Qiaochi.

“Poiché le esportazioni sono dure, l’economia giapponese dovrebbe crescere a un tasso modesto di circa l’1% -2% annuo nel secondo trimestre, tenendo conto degli effetti dello stimolo”.

Relazione di Daniel Lusink, Tetsushi Kazimoto e Contoro Gomia; Montaggio di Sam Holmes

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.