Novembre 30, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Le azioni si agitano prima dei minuti della Fed mentre il petrolio crolla sul piano del prezzo massimo

  • I verbali della Fed per novembre scadono alle 19:00 GMT
  • Giorno festivo del Ringraziamento negli Stati Uniti giovedì
  • Le azioni guadagnano magri guadagni a livello globale
  • I dati economici della zona euro indicano una recessione
  • La Cina colpita dall’aumento delle infezioni da COVID-19

LONDRA, 23 nov. (Reuters) – L’azionario globale è in rialzo mercoledì prima del verbale di una riunione della Federal Reserve che potrebbe far luce sulla possibilità che la banca centrale americana stia considerando di moderare gli aumenti dei tassi di interesse.

I prezzi del greggio sono crollati quando le nazioni del Gruppo dei Sette (G7) hanno fissato un prezzo massimo compreso tra $ 65 e $ 70 al barile per il petrolio russo, al di sopra del punto in cui il greggio è attualmente scambiato.

Wall Street era programmato per un inizio in sordina, con poche novità aziendali importanti per stimolare il trading in vista del giorno festivo del Ringraziamento negli Stati Uniti di giovedì, quando i mercati sono chiusi.

La Fed ha alzato bruscamente i tassi quest’anno nel tentativo di frenare l’aumento dell’inflazione, e la banca centrale della Nuova Zelanda all’inizio di mercoledì ha aumentato i tassi di interesse di un record di 75 punti base al 4,25%, un presagio di aumenti più probabili da parte della Federal Reserve, European Central Bank e Bank of England il mese prossimo.

“C’è un’aspettativa che la Fed sia probabilmente più vicina alla fine del ciclo di rialzi dei tassi rispetto all’inizio, certamente nella misura in cui gli aumenti dei tassi sono già passati”, ha affermato Mike Hewson, capo analista dei mercati presso CMC Markets.

READ  Musk ha donato oltre 5,7 miliardi di dollari in azioni Tesla in beneficenza a novembre

L’indice azionario MSCI All Country (.MIWD00000PUS) è aumentato dello 0,16%, sebbene sia ancora in calo di circa il 18% per l’anno.

In Europa, lo STOXX (.STOXX) L’indice di 600 società è aumentato dello 0,3%, lasciandolo indietro di circa il 10% per il 2022.

David Bizer, managing partner presso il gestore degli investimenti Global Customized Wealth, ha affermato che gli investitori sono stati guidati da ciò che pensavano che la Fed avrebbe fatto dopo, man mano che i segnali di un rallentamento dell’economia statunitense sono diventati più chiari.

“L’apprezzamento dei mercati in generale nel quarto trimestre è guidato dalla convinzione che la Fed si stia risvegliando al fatto che il ritmo e l’entità dei loro aumenti dei tassi potrebbero avere una conclusione a breve termine. Dà ai mercati la fiducia che questo sarà la fine”, ha detto Bizer.

La flessione dell’attività commerciale della zona euro si è leggermente attenuata a novembre, ma la domanda complessiva ha continuato a diminuire poiché i consumatori hanno tagliato la spesa in mezzo a una crisi del costo della vita, hanno mostrato i dati, aggiungendo all’evidenza che il blocco valutario sta entrando in recessione.

“Il risultato dissipa i timori di una grave crisi ed è coerente con una lieve recessione tecnica all’inizio dell’anno”, ha dichiarato la banca ING in una nota ai clienti.

In Cina, le autorità hanno imposto restrizioni per frenare un rapido aumento delle infezioni da COVID-19, aggravando le preoccupazioni degli investitori per la seconda economia mondiale.

Grafica Reuters

RESTRIZIONI COVID

Il più ampio indice MSCI di azioni dell’area Asia-Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) è salito dello 0,5%, sostenuto dai guadagni delle azioni statunitensi durante la notte. L’indice è salito del 12% finora questo mese.

READ  Opinione | Una versione nuova e migliorata della riforma della legge sul conteggio elettorale

Indice Hang Seng di Hong Kong (.HSI) è salito dello 0,6%, mentre l’indice cinese CSI300 (.CSI300) ha guadagnato lo 0,1%.

“La storia più importante per gli investitori in Asia è ancora la riapertura della Cina”, ha dichiarato Suresh Tantia, senior investment strategist di Credit Suisse a Singapore.

“Avevamo visto i mercati cinesi salire fino al 20%, ma queste aspettative sono state ridimensionate, pensiamo che una riapertura sarà un processo più lento e non avverrà in fretta”.

Mercoledì la Cina ha riportato 29.157 nuove infezioni da COVID per il 19 novembre. 22, rispetto ai 28.127 nuovi casi del giorno prima. I numeri dei casi a Pechino e Shanghai sono in costante aumento e rimangono elevati in diversi importanti centri di produzione ed esportazione, spingendo le autorità a chiudere alcune strutture.

Il rendimento delle note del Tesoro decennali di riferimento è stato scambiato al 3,7799% rispetto alla chiusura negli Stati Uniti del 3,758% di martedì.

Il rendimento a due anni, che aumenta con le aspettative degli operatori di tassi più elevati sui fondi Fed, ha toccato il 4,5434% rispetto a una chiusura degli Stati Uniti del 4,517%.

Prima dei verbali della Fed, l’indice del dollaro, che replica la valuta statunitense rispetto a un paniere di quelli di altri importanti partner commerciali, era leggermente più debole.

La moneta unica euro è salita dello 0,17% a 1,032 dollari.

“Il dollaro USA ha perso un po’ dei suoi recenti guadagni (poiché) il consenso dei banchieri centrali su quanto dovrebbero aumentare i tassi di interesse si sta sfilacciando”, ha scritto mercoledì l’analista della Commonwealth Bank Tobin Gorey.

I prezzi del petrolio sono aumentati leggermente poiché i dati hanno mostrato un calo del greggio statunitense maggiore del previsto la scorsa settimana, superando le preoccupazioni per la minore domanda di carburante dalla Cina.

READ  La sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti sull'aborto accende nuove battaglie legali sui divieti statali

Il greggio statunitense ha invertito i guadagni precedenti scendendo del 2,5% a 78,92 dollari al barile, mentre il greggio Brent ha perso il 2,4% a 85,99 dollari al barile.

L’oro spot è stato scambiato a $ 1.736 l’oncia, in calo dello 0,2% nel corso della giornata.

Mentre il crollo dell’exchange FTX continua a turbare i mercati delle criptovalute, Bitcoin è salito del 2% a $ 16.483.

Reportage di Scott Murdoch a Sydney e Huw Jones a Londra; Montaggio di Kenneth Maxwell, Kim Coghill, Miral Fahmy e Tomasz Janowski

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.