Luglio 4, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Le azioni scendono mentre aumentano i timori per la crescita globale

FILE PHOTO – Un investitore siede di fronte a un consiglio di amministrazione che mostra informazioni sulle azioni presso un ufficio di intermediazione a Pechino, Cina, 7 dicembre 2018. REUTERS / Thomas Peter

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

PECHINO/HONG KONG, 19 mag. (Reuters) – Giovedì i titoli asiatici sono scivolati, seguendo una forte svendita di Wall Street, mentre gli investitori sono preoccupati per l’inflazione globale, la politica cinese zero-COVID e la guerra in Ucraina, mentre il dollaro rifugio si è allentato.

Anche i mercati azionari europei sembravano pronti per un’altra giornata difficile. I futures Euro Stoxx 50 pan-regionali sono scesi dello 0,52%, i futures tedeschi DAX sono scesi dello 0,63% mentre i futures FTSE sono scesi dello 0,51%.

I futures del Nasdaq sono scesi dello 0,15%, sebbene i futures S & P500 abbiano invertito le perdite precedenti aumentando dello 0,05%.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Durante la notte a Wall Street, il colosso della vendita al dettaglio Target Corp. (TGT.N) ha avvertito di un aumento del margine dovuto all’aumento dei costi poiché ha riferito che il suo profitto trimestrale si era dimezzato. Le sue azioni sono crollate del 24,88%. Il Nasdaq è sceso di quasi il 5% mentre l’S&P 500 ha perso il 4%.

“Il rimbalzo di martedì si è rivelato ‘troppo ottimista’, quindi l’insicurezza derivante dall’errore di valutazione rende solo i trader fare clic sul pulsante di vendita ancora più difficile”, ha affermato Hebe Chen, analista di mercato di IG.

Il più ampio indice MSCI di azioni dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) ha strappato quattro giorni di guadagni ed è crollato dell’1,8%, trascinato al ribasso da una perdita dell’1,5% per l’indice australiano ricco di risorse (.AXJO)un calo del 2,1% delle azioni di Hong Kong (.HSI) e un calo dello 0,3% nelle bluechip della Cina continentale (.CSI300).

READ  Jimmy Garoppolo non ottiene rispetto, ma continua a consegnare per i 49ers

Nikkei giapponese (.N225) ha perso l’1,7%.

I giganti della tecnologia quotati a Hong Kong (.HSTECH) sono stati particolarmente colpiti, con l’indice in calo di oltre il 3%. Tencent (0700.HK) è sceso di oltre il 6% dopo che non ha registrato alcuna crescita dei ricavi nel primo trimestre, la sua peggiore performance da quando è diventata pubblica nel 2004. leggi di più

Il settore tecnologico cinese è ancora scosso da una repressione del governo durata un anno e dal rallentamento delle prospettive economiche derivanti dalla rigorosa politica zero-COVID di Pechino, anche se i commenti rassicuranti del vicepremier Liu He ai dirigenti tecnologici hanno rafforzato il sentimento mercoledì. leggi di più

Due banchieri centrali statunitensi affermano di aspettarsi che la Federal Reserve scenda a un ritmo più misurato di inasprimento delle politiche dopo luglio, mentre cerca di reprimere l’inflazione senza aumentare i costi di finanziamento così in alto da mandare l’economia in recessione. leggi di più

“Va detto che la preoccupazione per l’inflazione non è mai svanita da quando siamo entrati nel 2022. Tuttavia, sebbene le cose non abbiano raggiunto il punto di non ritorno, sembrano andare verso ‘fuori controllo’. Questo è probabilmente la parte più preoccupante per il mercato”, ha affermato Chen di IG.

Il dollaro USA, che si era ripreso dal calo della propensione al rischio, è sceso dello 0,15% rispetto a un paniere di valute principali, dopo un balzo dello 0,55% durante la notte che ha posto fine a una serie di tre giorni di sconfitte.

L’australiano ha guadagnato lo 0,8%, mentre il kiwi neozelandese è rimbalzato dello 0,6%, poiché un allentamento del blocco COVID di Shanghai ha aiutato il sentimento.

READ  Funzionari: 4 morti, di cui 3 bambini, dopo l'incendio di una casa a schiera a Kensington domenica

I dati di mercoledì hanno mostrato che l’inflazione britannica è salita al suo tasso annuale più alto dal 1982 con l’aumento delle bollette energetiche, mentre l’inflazione canadese è salita al 6,8% il mese scorso, in gran parte trainata dall’aumento dei prezzi di cibo e alloggi.

Bilal Hafeez, CEO della società di ricerca londinese MacroHive, ha affermato che in questo momento c’è una forte propensione verso gli asset di sicurezza, in particolare i contanti.

“Potrebbero esserci rimbalzi a breve termine delle azioni come negli ultimi giorni, ma il quadro generale è che l’era dei bassi rendimenti è finita e stiamo passando a un contesto di tassi più alti”, ha detto Hafeez al Reuters Global Markets Forum.

“Ciò metterà sotto pressione tutti i mercati che hanno beneficiato dei bassi rendimenti, in particolare le azioni”.

I Treasury USA sono aumentati durante la notte e sono rimasti sostanzialmente stabili in Asia, lasciando il rendimento dei Treasury decennale benchmark a 2,9076%.

Il rendimento a due anni, che aumenta con le aspettative dei trader di tassi più elevati sui fondi Fed, ha toccato il 2,6800% rispetto a una chiusura degli Stati Uniti del 2,667%.

I prezzi del petrolio si sono ripresi dalle prime perdite, poiché i persistenti timori per la stretta offerta globale hanno superato i timori per una crescita economica più lenta.

Il greggio Brent è salito dell’1,2% a $ 110,41 al barile, mentre il greggio statunitense è salito dello 0,8% a $ 110,48 al barile.

L’oro era leggermente inferiore. L’oro spot è stato scambiato a $ 1814,88 l’oncia.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Segnalazione aggiuntiva di Divya Chowdhury; Montaggio di Sam Holmes, Kenneth Maxwell e Kim Coghill

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  Il sindaco afferma che l'incendio del Tennessee vicino a Gatlinburg provoca l'evacuazione di 11.000 case