Luglio 4, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Le azioni di Wall Street salgono mentre i trader valutano la direzione futura della politica monetaria della Fed

Mercoledì le azioni di Wall Street sono aumentate mentre i commercianti attendevano i dettagli della riunione di inizio maggio della Federal Reserve, che potrebbe gettare ulteriore luce sulla direzione futura della politica monetaria.

L’S&P 500, che la scorsa settimana è caduto nel territorio del mercato ribassista durante alcuni mesi difficili per le azioni globali, è salito dello 0,6% a causa di scambi instabili. Il Nasdaq Composite, ad alto contenuto tecnologico, ha guadagnato lo 0,8%.

Le mosse di mercoledì sono arrivate anche come un proxy chiave per la futura produzione manifatturiera statunitense ha mancato le aspettative e le aziende rivolte ai consumatori hanno continuato a emettere prospettive cupe.

Ordini per merci di lunga durata è aumentato dello 0,4 per cento ad aprile rispetto al mese precedente, un rallentamento dallo 0,6 per cento di marzo e al di sotto delle stime degli economisti raccolte da Refinitiv di un aumento dello 0,6 per cento. Una lettura fondamentale che esclude gli ordini di trasporto, che possono distorcere i dati, anche le previsioni mancate, in aumento dello 0,3%.

La Fed, che influenza la politica monetaria in tutto il mondo e pubblica il verbale della sua riunione per la fissazione dei tassi di inizio maggio più tardi mercoledì, ha inviato segnali forti che aumenterà i costi finanziari fino a quando non avrà domato l’inflazione, che sta raggiungendo i massimi da quattro decenni. Tuttavia, alcuni analisti si chiedono fino a che punto la banca centrale statunitense sia disposta ad alzare i tassi.

“I mercati ci dicono che i rischi di una recessione sono in aumento”, ha affermato Mary Nicola, gestore di portafoglio multi-asset di PineBridge Investments.

READ  Il principe Carlo pronuncia per la prima volta il discorso della regina

Ma se il resoconto della Fed del suo ultimo incontro sulla fissazione dei tassi includesse “un linguaggio che suggerisce una pausa, o che sono preoccupati per la crescita, ciò potrebbe ovviamente cambiare davvero il prezzo dei mercati”, ha detto Nicola.

Salman Baig, portfolio manager di Unigestion, ha dichiarato: “Non sarei sorpreso se iniziassimo a vedere più linguaggio nell’analisi dei dati. È improbabile che a questo punto si tratti di un cambiamento davvero significativo, poiché vorranno alcune indicazioni abbastanza chiare che l’inflazione è cambiata e che non siamo ancora arrivati”.

Sul fronte aziendale, mercoledì Dicks Sporting Goods è diventata l’ultima attività di consumo negli Stati Uniti a ridurre le proprie prospettive di guadagno, facendo scendere le sue azioni di circa il 7%. Ciò seguì a sessione di lividi nei mercati azionari martedì dopo che il gruppo di social media Snap ha messo in guardia sulle condizioni macroeconomiche e gli investitori si sono spaventati per i dati deludenti sugli alloggi statunitensi e i sondaggi sulle imprese.

Nei mercati a reddito fisso, il rendimento del buono del Tesoro decennale, che sostiene i costi di finanziamento in tutto il mondo e diminuisce all’aumentare del prezzo dello strumento di debito, è stato scambiato invariato al 2,76%, intorno al minimo di un mese.

Il rendimento dei Treasury a due anni, che replica le aspettative sui tassi di interesse, è sceso di 0,02 punti percentuali al 2,5%, dopo essere salito al di sopra del 2,8% all’inizio di maggio.

Riflettendo la continua incertezza sulla direzione dei mercati e della politica monetaria, l’indice del dollaro, che misura la valuta statunitense rispetto ad altre sei valute, è salito dello 0,3 per cento.

READ  McConnell difende il record dei diritti civili dopo aver provocato un commento sconsiderato

L’euro ha perso lo 0,5 per cento rispetto al dollaro a poco più di $ 1,06, come un rimbalzo alimentato dalla presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde segnalazione la fine dei tassi di interesse negativi nell’eurozona è svanita.

Altrove nei mercati azionari, l’indicatore regionale Stoxx 600 europeo è aumentato dello 0,8%.