Novembre 26, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Le azioni crollano per l’aumento dell’inflazione, l’Ucraina rischia; Crollo dei mercati cinesi

Un visitatore che indossa una maschera protettiva, a seguito di un focolaio di coronavirus, passa davanti a un consiglio di quotazione delle azioni al di fuori di un’agenzia di intermediazione a Tokyo, Giappone, 2 marzo 2020. REUTERS / Issei Kato / Files

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

  • > Mercati azionari asiatici:
  • L’Asia segue gli Stati Uniti, le azioni europee in ribasso
  • Hong Kong in calo del 3,7%, Nikkei in calo del 2,4%
  • In ribasso anche gli indici azionari di riferimento sudcoreani e australiani

TOKYO, 11 marzo (Reuters) – Venerdì le azioni asiatiche hanno esteso un crollo globale dopo che l’inflazione statunitense più rapida degli ultimi quattro decenni ha rafforzato le aspettative di rialzi dei tassi più aggressivi e dal crollo dei mercati azionari cinesi a causa delle preoccupazioni normative delle società statunitensi quotate della Cina continentale.

Il sentimento ha risentito anche delle preoccupazioni per la guerra della Russia contro l’Ucraina, dopo che i colloqui tra i loro ministri degli esteri di giovedì hanno portato poca tregua nel conflitto tra i due paesi.

“Abbiamo un terribile contesto macroeconomico (con) un serio problema di inflazione che implica che vedremo una politica monetaria molto, molto più restrittiva”, ha affermato Rob Carnell, capo economista di ING a Singapore.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

È probabile che la guerra della Russia contro l’Ucraina renderà tutto molto più costoso, dall’energia ai metalli ai prodotti agricoli, ha aggiunto Carnell.

“Il reddito di tutti verrà eroso. La crescita globale subirà un duro colpo. Di cosa hai bisogno di più?

READ  Le azioni di Wall Street salgono mentre i trader valutano la direzione futura della politica monetaria della Fed

“Ad un certo punto probabilmente ti tirerai indietro molto più bruscamente, ma al momento c’è ancora un po’ di smentita nei mercati”.

Gli Stati Uniti, insieme al Gruppo dei Sette nazioni e all’Unione Europea, si muoveranno venerdì per revocare lo status di “nazione più favorita” della Russia per l’invasione dell’Ucraina, hanno detto a Reuters diverse persone che hanno familiarità con la situazione.

Togliere alla Russia lo status di nazione favorita apre la strada agli Stati Uniti e ai suoi alleati per imporre dazi su un’ampia gamma di merci russe, il che aumenterebbe ulteriormente la pressione su un’economia che sta già andando verso una “profonda recessione”. Per saperne di più

A metà pomeriggio, l’indice MSCI delle azioni dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) aveva slittato del 2,0%, dopo che una ritirata a Wall Street si è riversata su molti dei benchmark nazionali della regione, che sono diventati profondamente rossi.

I venditori hanno invaso il mercato azionario di Hong Kong dopo che le azioni cinesi quotate negli Stati Uniti sono crollate a seguito della nomina delle prime società cinesi ad essere potenzialmente cancellate dalla quotazione negli Stati Uniti.

L’indice Hang Seng (.LA SUA) crolla del 3,7%, con le azioni di Yum China (9987.HK)e altre quattro aziende che hanno subito un pestaggio dopo che le società sono state coinvolte in una disputa di revisione tra Pechino e Washington. Per saperne di più

La svendita delle azioni cinesi è arrivata anche se venerdì l’autorità di regolamentazione dei titoli del paese ha dichiarato di essere fiduciosa di raggiungere un accordo con le controparti statunitensi sulla supervisione dei titoli. Per saperne di più

READ  Roster NBA All-Star: i debuttanti Fred VanFleet e Darius Garland si uniscono a una miriade di volti familiari

Al di fuori di Hong Kong, le perdite delle azioni cinesi sono state inferiori, con l’indice blue-chip del paese (.CSI300) in calo del 2,6%.

Altrove, il giapponese Nikkei (.N225) ha perso il 2,4%, mentre le azioni sudcoreane (.KS11) ha perso l’1,1% e le azioni australiane (.AXJO) è sceso dello 0,9%.

L’inflazione al consumo negli Stati Uniti è balzata del 7,9% annualizzato a febbraio, il più grande aumento degli ultimi 40 anni, secondo i dati mostrati giovedì. L’impennata ha implicato che il FOMC potrebbe muoversi “in modo più aggressivo” per frenare l’inflazione, come promesso dal presidente della Fed Jerome Powell la scorsa settimana. Per saperne di più

I mercati si aspettano già che la Federal Reserve aumenti il ​​tasso obiettivo dei Fed funds di 25 punti base alla conclusione della riunione di politica monetaria della prossima settimana.

Le aspettative di una politica monetaria più restrittiva sono state alimentate anche dal tono aggressivo della Banca centrale europea, che giovedì ha dichiarato che interromperà l’acquisto di obbligazioni nel terzo trimestre. Per saperne di più

“L’incontro della BCE è stato chiaramente più aggressivo del previsto”, ha affermato Chris Weston, capo della ricerca presso l’intermediazione Pepperstone a Melbourne.

“Vediamo 11 punti base di aumenti dei tassi dell’UE entro la riunione della BCE di luglio”.

Nel mercato valutario, l’euro è salito dello 0,12% a $ 1,0994, poiché il tono aggressivo della BCE non è riuscito a dare slancio alla moneta unica in modo sostanziale.

“La BCE ha dato maggiore chiarezza ai suoi piani di uscita dagli stimoli, ma è improbabile che dia all’euro un aumento prolungato, non mentre è in corso il conflitto Russia-Ucraina”, hanno affermato gli analisti di Westpac in una nota mattutina.

READ  Manifestanti per combustibili fossili accusati dopo la zuppa di pomodoro lanciata sui "Girasoli" di Van Gogh nella galleria londinese

Lo yen è sceso al livello più debole rispetto al dollaro da gennaio 2017 a 116,72 per dollaro.

L’indice del dollaro (.DXY) è rimasto stabile a 98,561, al di sotto di un massimo di oltre 1-1 / 2 anni di 99,418 raggiunto lunedì.

Nel mercato obbligazionario, i rendimenti dei buoni del Tesoro statunitensi a 10 anni erano dell’1,9794%, mentre il rendimento dei titoli di Stato a 10 anni del Giappone era dello 0,185%.

Nei mercati delle materie prime, il greggio statunitense è salito dello 0,2% a 106,26 dollari al barile. Il greggio Brent è rimasto sostanzialmente piatto a 109,23 dollari al barile.

L’oro è sceso di circa mezzo punto percentuale. L’oro spot è stato scambiato a $ 1.986,47 l’oncia.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Reporting di Daniel Leussink a Tokyo Montaggio di Shri Navaratnam e Kim Coghill

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.