Novembre 30, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Le azioni asiatiche rimbalzano mentre la Cina si muove per aumentare le abitazioni

FILE PHOTO – Un investitore si trova di fronte a una scheda elettronica che mostra informazioni sulle azioni presso una casa di intermediazione a Shanghai, Cina, 24 agosto 2015. REUTERS / Aly Song

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

  • MSCI Asia Giappone escluso + 1,8%, Nikkei + 1,3%
  • Le azioni europee seguiranno l’esempio dell’Asia
  • Le azioni sono in rialzo dopo che la Cina ha tagliato il tasso primario di prestito
  • Azioni globali fissate per la settima perdita settimanale

SHANGHAI, 20 maggio (Reuters) – Le azioni asiatiche sono salite venerdì dopo che la Cina ha tagliato un benchmark di prestito chiave per supportare un’economia in rallentamento, ma un indicatore delle azioni globali è rimasto fissato per la sua serie di perdite settimanali più lunga mai registrata tra i timori degli investitori per la crescita lenta.

Venerdì mattina la Cina ha ridotto di 15 punti base il tasso di prestito primario a cinque anni (LPR), un taglio più netto del previsto, poiché le autorità cercano di attutire un rallentamento economico rilanciando il settore immobiliare. Il tasso a cinque anni influenza il prezzo dei mutui. leggi di più

Il più ampio indice MSCI di azioni dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) si è rapidamente costruito sui primi guadagni dopo il taglio e ha registrato un rialzo di oltre l’1,8%.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Le azioni europee avrebbero dovuto seguire l’esempio dell’Asia, con i futures Euro Stoxx 50 pan-regione, i futures tedeschi DAX e i futures FTSE tutti in rialzo di oltre l’1%.

READ  Terence Crawford ferma Shawn Porter per mantenere il WBO Welderweight Championship - come è successo | Gli sport

Anche le blue chip cinesi sono aumentate dell’1,8%, spinte dagli acquisti dall’estero e dall’indice Hang Seng di Hong Kong (.HSI) balzato di oltre il 2%, mentre le azioni australiane (.AXJO) è aumentato dell’1,1%. A Tokyo, l’indice azionario Nikkei (.N225) guadagnato l’1,3%.

“Anche se certamente non sarà sufficiente per invertire i venti contrari alla crescita nel secondo trimestre, (il taglio) costituisce una mossa nella giusta direzione, quindi i mercati potrebbero reagire alle aspettative di un maggiore allentamento in futuro”, ha affermato Carlos Casanova, economista senior per l’Asia presso Union Bancaire Privee ad Hong Kong.

Nonostante i guadagni delle azioni asiatiche, l’indice MSCI All-Country World Price (.MIWD00000PUS) è rimasto diretto per la sua settima settimana consecutiva in rosso, il periodo più lungo di questo tipo dal suo inizio nel 2001. Sarebbe anche il più lungo, inclusi i dati retrotest che si estendono fino al gennaio 1988.

Le preoccupazioni per l’impatto delle catene di approvvigionamento danneggiate sull’inflazione e sulla crescita hanno spinto gli investitori a scaricare le azioni, con Cisco Systems Inc (CSCO.O) giovedì è sceso al minimo di 18 mesi dopo aver avvertito di persistenti carenze di componenti, citando l’impatto del blocco cinese del COVID. leggi di più

Venerdì, il centro finanziario cinese di Shanghai ha infranto le speranze dei residenti di una fine senza intoppi delle restrizioni quando ha annunciato tre nuovi casi di COVID-19 al di fuori delle aree in quarantena, anche se i piani per porre fine a un blocco prolungato in tutta la città il 1° giugno sembravano rimanere sulla buona strada. . leggi di più

La produzione industriale della città è diminuita di oltre il 60% ad aprile rispetto all’anno precedente a causa dell’impatto delle restrizioni del coronavirus. leggi di più

READ  Alabama: forti tempeste causano feriti e danni nel sud-est poiché le previsioni prevedono forti venti, grandine e possibilmente tornado

“L’obiettivo dei funzionari (cinesi) è stato quello di elaborare politiche di allentamento per mitigare l’impatto della soppressione del COVID … Il problema è che tali politiche di allentamento non avranno alcun impatto reale fintanto che la politica di soppressione del COVID sarà rigorosamente applicata, ha affermato Christopher Wood, Global Head of Equities di Jefferies.

I guadagni in Asia sono arrivati ​​dopo che un rally in ritardo a Wall Street si è esaurito, lasciando il Dow Jones Industrial Average (.DJI) in calo dello 0,75%, l’S&P 500 (.SPX) 0,58% in meno e il Nasdaq Composite (.IXIC) dello 0,26%.

YUAN PIÙ FORTE

Nel mercato valutario, l’indice del dollaro si è ritirato dai piccoli guadagni precedenti per scendere dello 0,12% a 102,79, dirigendosi verso la sua prima settimana in sette in calo.

Le mosse altrove sono state attenuate, con il dollaro appena sul lato più forte dell’appartamento contro lo yen rifugio a 127,76. L’euro è stato appena superiore a $ 1,0586, cancellando le perdite precedenti.

Lo yuan onshore cinese ha registrato movimenti maggiori, passando da un calo dello 0,32% per rafforzarsi a un massimo di due settimane di 6,6699 per dollaro. Anche lo yuan offshore più liberamente scambiato ha raggiunto il massimo di due settimane a $ 6,6855 per dollaro.

Sebbene i rendimenti dei titoli di stato statunitensi a più lunga scadenza siano aumentati dopo il taglio dell’LPR cinese, rispecchiando i guadagni delle azioni, in seguito si sono moderati.

Il rendimento decennale degli Stati Uniti è stato l’ultimo a 2,855%, piatto dalla chiusura di giovedì, e in calo da un massimo del 2,922% all’inizio di venerdì. Il rendimento a due anni è salito al 2,6327% rispetto a una chiusura degli Stati Uniti del 2,611%.

READ  La Russia ordina alle forze ucraine a Mariupol di arrendersi entro domenica mattina

I prezzi del greggio hanno ridotto le perdite dopo l’annuncio dell’LPR cinese, ma in seguito hanno esteso i cali a causa delle preoccupazioni che la ripresa della domanda possa vacillare.

Il greggio Brent è sceso dello 0,53% a $ 111,45 al barile e il greggio US West Texas Intermediate è sceso dell’1,21% a $ 110,85 al barile.

L’oro è rimbalzato più in alto ed è stato fissato per il suo primo guadagno settimanale da metà aprile, aiutato dal dollaro più debole. Oro spot, è salito dello 0,26% a 1.846,49 dollari l’oncia.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Segnalazione di Andrew Galbraith; Montaggio di Lincoln Feast e Sam Holmes

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.