Maggio 27, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Le azioni Amazon salgono con guadagni abbastanza buoni. Il prezzo di Prime sta salendo.



Amazon
.

com ha riportato ottimi risultati del quarto trimestre giovedì, trainato dalla forte crescita sia della sua unità cloud AWS che della sua attività pubblicitaria in crescita.

I risultati potrebbero essere un sollievo per alcuni investitori dato il numeri deboli mercoledì da Facebook-genitore



Meta piattaforme
.

Le azioni di Amazon (ticker: AMZN) sono aumentate del 12,6% a $ 3.129 nel trading pre-mercato. Anche con il rally pre-mercato, il titolo rimane al ribasso per tutto l’anno.

Amazon ha anche affermato che sta aumentando il prezzo della sua iscrizione ad Amazon Prime per la prima volta dal 2018. Amazon ora addebiterà $ 14,99 al mese, da $ 12,99 o $ 139 su base annua, rispetto a $ 119. L’aumento entrerà in vigore a partire da febbraio. 18 per i nuovi soci e dal 25 marzo per gli attuali soci alla data del loro rinnovo.

Per il trimestre, Amazon ha registrato vendite per 137,4 miliardi di dollari, in crescita del 9%, e circa in linea con le stime di Wall Street, e coerenti con l’intervallo previsto dalla società tra 130 e 140 miliardi di dollari. La società ha affermato che il totale dell’ultimo trimestre è stato ridotto di circa $ 1,3 miliardi a causa di tassi di cambio sfavorevoli.

I profitti nel trimestre sono saliti a $ 14,3 miliardi, o $ 27,75 per azione, da $ 7,2 miliardi, o $ 14,09 per azione, un anno prima. I guadagni dell’ultimo trimestre includono un guadagno non in contanti di $ 11,8 miliardi al lordo delle imposte sulla partecipazione dell’azienda nel produttore di camion



Rivian Automotive

(RIVN). L’utile operativo è stato di $ 3,5 miliardi, al di sopra dell’intervallo di pareggio della società di $ 3 miliardi.

READ  Shelton Silver, condannato per lo scandalo NY Power Broker, è morto all'età di 77 anni

I risultati nel core business dei negozi online dell’azienda sono stati deboli, anche se forse non così male come avevano temuto i ribassisti di Wall Street. Le vendite dei negozi online sono state di $ 66,1 miliardi, in calo dell’1% rispetto a un anno fa, e circa $ 2,5 miliardi al di sotto delle stime di Wall Street. Lo stesso schema era vero per i servizi di venditori di terze parti: le vendite sono state di $ 30,3 miliardi, in aumento dell’11%, ma un errore rispetto al consenso di Street a $ 31 miliardi. Le vendite nei negozi fisici sono state di $ 4,7 miliardi, in crescita del 17%.

Un importante offset è venuto da Amazon Web Services: l’unità cloud ha registrato un fatturato di $ 17,8 miliardi, in aumento del 40% rispetto a un anno fa, in leggera accelerazione rispetto alla crescita del 39% nel trimestre di dicembre e in anticipo rispetto alla previsione del consenso di Wall Street a $ 17,4 miliardi . Nel frattempo, anche Amazon ha avuto un trimestre forte nel settore pubblicitario, con un fatturato di 9,7 miliardi di dollari, in crescita del 32%, e in anticipo rispetto alla previsione del consenso di Street a 9,4 miliardi di dollari. I ricavi dei servizi in abbonamento sono stati di 8,1 miliardi di dollari, in crescita del 15%, ma un po’ meno rispetto al consenso a 8,4 miliardi di dollari.

Gli ottimi risultati sia di AWS che della pubblicità mostrano il potere crescente della spinta alla diversificazione dell’azienda e suggeriscono che i problemi che erano evidenti nel rapporto sugli utili del trimestre di dicembre di Meta Platforms (FB) della società madre di Facebook non sono necessariamente indicativi di un problema più ampio con la pubblicità online. In effetti, ci sono prove che Facebook potrebbe perdere una quota di mercato a favore sia di Google, sia di Alphabet (

READ  L'arresto del governo è ancora in sospeso mentre la Camera approva il conto di spesa



GOOGL

) e ad Amazon.

Nel frattempo, i forti numeri di AWS hanno confermato il continuo aumento dell’informatica aziendale verso il cloud: si noti che entrambi Microsoft (MSFT) e Alfabeto (GOOGL) ha registrato una forte crescita per le loro attività di cloud computing nel trimestre.



Microsoft

prevede inoltre che la crescita per la sua attività nel cloud di Azure accelererà nel trimestre di marzo.

In una dichiarazione, il CEO di Amazon Andy Jassy ha affermato che la società “come previsto” ha registrato costi più elevati durante le vacanze, spinti dalla carenza di offerta di manodopera e dalle pressioni inflazionistiche, aggiungendo che “questi problemi sono persistiti nel primo trimestre” a causa della variante Omicron di Covid -19. “Nonostante queste sfide a breve termine, continuiamo a sentirci ottimisti ed entusiasti dell’attività mentre emergiamo dalla pandemia”, ha affermato.

Per il trimestre di marzo, Amazon prevede vendite da $ 112 miliardi a $ 117 miliardi, in aumento tra il 3% e l’8%. La società ha osservato che tassi di cambio sfavorevoli ridurrebbero la crescita di 150 punti base. La società vede un reddito operativo nel trimestre compreso tra $ 3 miliardi e $ 6 miliardi, di cui $ 1 miliardo dalla riduzione delle spese di ammortamento a causa di un aumento della vita utile stimata di server e apparecchiature di rete.

Il selloff di Amazon di giovedì di quasi l’8% è stato innescato da segnali deboli sullo stato del mercato dell’e-commerce consumer di mercoledì da entrambi i fornitori di pagamenti digitali



Partecipazioni PayPal

(PYPL) e da Meta Piattaforme.

Nel riportare i risultati mercoledì, il genitore di Facebook Meta ha affermato, tra le altre cose, che “sta sentendo dagli inserzionisti che le sfide macroeconomiche come l’inflazione dei costi e le interruzioni della catena di approvvigionamento stanno influenzando i budget degli inserzionisti”, il che suggerirebbe anche qualche rischio per la domanda di e-commerce.

L’analista di Jefferies Brent Thill, che ha un rating Buy sulle azioni Amazon, aveva scritto in una nota in anteprima che l’impostazione che si stava avvicinando al trimestre di Amazon era mista, con una valutazione scontata compensata dal potenziale ribasso del reddito operativo a causa dell’elevato costo del lavoro. Vede Amazon come un titolo per la seconda metà del 2022, aiutato dall’allentamento dei confronti, dal miglioramento della visibilità dei costi, dalla moderazione degli accumuli di capacità e dal continuo slancio nelle attività ad alto margine di AWS e degli annunci.

Con ottimi risultati di AWS e pubblicità, un aumento dei prezzi su Prime e risultati nel core business dell’e-commerce che non sono stati così male come alcuni temevano, Amazon potrebbe persino aver fatto abbastanza per aumentare il sentimento sui titoli tecnologici in modo più ampio.

Scrivi a Eric J. Savitz a eric.savitz@barrons.com