Novembre 30, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Le accuse di Adnan Syed vengono ritirate dai pubblici ministeri di Baltimora

Martedì i pubblici ministeri di Baltimora hanno ritirato le accuse contro Adnan Syed, che lo era rilasciato il mese scorso dopo aver trascorso 23 anni in prigione combattendo una condanna per omicidio che è stata raccontata nel podcast di successo “Serial”, hanno detto i funzionari.

Emily Witty, portavoce dell’ufficio del procuratore dello stato di Baltimora, ha dichiarato in una e-mail martedì che il caso era stato archiviato.

A settembre 19, il giudice Melissa M. Phinn del tribunale del circuito cittadino di Baltimora ha lasciato il sig. La condanna di Syed con l’accusa di aver ucciso la sua ragazza del liceo, Hae Min Lee, nel 1999. I pubblici ministeri hanno avuto 30 giorni da quella data per decidere se procedere con un nuovo processo o far cadere le accuse.

L’Ufficio del difensore pubblico del Maryland ha dichiarato in una dichiarazione che il procuratore dello stato ha ritirato le accuse a causa dei risultati del test del DNA “che escludeva il sig. Syed dal DNA recuperato dalle prove.

“Finalmente, Adnan Syed è in grado di vivere come un uomo libero”, ha detto il sig. L’avvocato di Syed, Erica J. Suter, ha detto in una nota. “I risultati del DNA hanno confermato ciò che già sapevamo e ciò che sta alla base di tutto il procedimento in corso: che Adnan è innocente e ha perso 23 anni della sua vita scontando una pena per un crimine che non ha commesso”.

Lo scorso mese, i pubblici ministeri hanno raccomandato al sig. La condanna di Syed è stata annullata perché, hanno detto, “lo stato non ha più fiducia nell’integrità della condanna”.

READ  Manchester City vs. Real Madrid in diretta: aggiornamenti sulla UEFA Champions League

Sig. Syed, 41 anni, è stato condannato a scontare la detenzione domiciliare fino a quando i pubblici ministeri non avessero preso la loro decisione. Prima che le sue accuse fossero lasciate libere, stava scontando l’ergastolo per aver strangolato la sig. Lee, un diciottenne il cui corpo è stato trovato sepolto in un parco a Baltimora nel 1999.

Sig. Syed e la sig. Lee aveva una relazione di nuovo e di nuovo quando erano entrambi studenti della Woodlawn High School nella contea di Baltimora.

Nel 2000 una giuria ha condannato il sig. Syed, che aveva 17 anni all’epoca della sig. La morte di Lee, per omicidio di primo grado, rapina, rapimento e falsa reclusione. Il suo caso ha ottenuto un’ampia attenzione dopo che il podcast “Serial” ha debuttato nel 2014 e ha sollevato dubbi sul fatto che avesse ricevuto un processo equo. (Nel 2020, The New York Times Company ha acquistato produzioni serialil’azienda dietro il podcast.)

Sig. Syed ha affermato la sua innocenza.

In una mozione depositata presso il Baltimore City Circuit Court il mese scorso, i pubblici ministeri hanno affermato che un’indagine durata quasi un anno, condotta con il sig. L’avvocato di Syed, aveva trovato due possibili “sospetti alternativi”, che non sono stati nominati pubblicamente o accusati.

L’indagine ha anche riscontrato “problemi di affidabilità” con prove chiave e che i pubblici ministeri potrebbero non aver rivelato le prove al sig. Gli avvocati di Syed che avrebbero potuto aiutarlo nel processo.

Becky Feldman, un pubblico ministero dell’ufficio del procuratore dello stato, ha dichiarato all’udienza del mese scorso che l’indagine “ha riconosciuto che la giustizia è stata negata alla signora. Lee e la sua famiglia non assicurando che l’aggressore corretto fosse assicurato alla giustizia”.

READ  Paul Ryan inventa una nuova categoria di anti-Trumpismo

SM. La famiglia di Lee ha affermato di non aver ricevuto abbastanza preavviso per partecipare all’udienza il mese scorso e di non aver ricevuto informazioni che mostrassero il motivo per cui i pubblici ministeri stavano revocando la condanna. La scorsa settimana la famiglia ha chiesto alla Corte d’Appello Speciale del Maryland di sospendere il procedimento nel processo. Il ricorso resta pendente.

SM. Il fratello di Lee, Young Lee, ha parlato all’udienza il mese scorso in videoconferenza dopo che l’avvocato della famiglia, Steve Kelly, lo ha chiamato al lavoro. Sig. Lee ha detto di sentirsi “tradito” e “accecato” dalla mozione di lasciare.

“Questo non è un podcast per me,” Mr. Lee ha detto alla corte. “Questa è la vita reale: un incubo senza fine per oltre 20 anni.”