Novembre 30, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

L’accordo COP27 fa ben poco per evitare futuri disastri legati al cambiamento climatico

Commento

SHARM EL-SHEIKH, Egitto – La decisione finale della Conferenza sul clima delle Nazioni Unite di domenica ha prodotto un passo avanti nell’affrontare i pericoli che già stanno devastando il pianeta, ma ha fatto pochi progressi sulle misure di riduzione delle emissioni che potrebbero evitare disastri ancora peggiori in arrivo.

È stato un risultato a doppio taglio per i negoziati che a volte sembravano sull’orlo del fallimento, poiché molte nazioni ricche hanno sostenuto un’azione per il clima più profonda e più rapida e i paesi più poveri hanno affermato di aver bisogno prima di tutto di aiuto per affrontare le conseguenze del riscaldamento alimentato principalmente dal mondo industrializzato . .

Anche se diplomatici e attivisti hanno applaudito il creazione di un fondo per sostenere i paesi vulnerabili dopo i disastri, molti temevano che la riluttanza delle nazioni ad adottare piani climatici più ambiziosi avesse lasciato il pianeta su un pericoloso percorso di riscaldamento.

“Troppe parti non sono pronte a fare ulteriori progressi oggi nella lotta contro la crisi climatica”, ha detto domenica mattina il capo del clima dell’Unione europea Frans Timmermans agli stanchi negoziatori. “Quello che abbiamo davanti non è un passo avanti sufficiente per le persone e per il pianeta”.

L’equivoco accordo, raggiunto dopo un anno di disastri climatici da record e settimane di intensi negoziati in Egitto, sottolinea la sfida di convincere il mondo intero a concordare un’azione rapida per il clima quando molti paesi e organizzazioni potenti rimangono investiti nell’attuale sistema energetico.

I negoziatori delle Nazioni Unite raggiungono un accordo per aiutare le nazioni vulnerabili con disastri climatici

Rob Jackson, scienziato del clima presso la Stanford University e presidente del Global Carbon Project, ha affermato che è inevitabile che il mondo superi quella che gli scienziati considerano una soglia di riscaldamento sicura. Le uniche domande sono quanto e quante persone soffriranno di conseguenza?

READ  Jesse Waters espone l'obiettivo di Piton del municipio della CNN

“Non è solo COP27, è la mancanza di azione in tutte le altre COP dopo l’accordo di Parigi”, ha detto Jackson. “Sono anni che sanguiniamo ormai.”

Ha incolpato interessi radicati, così come i leader politici e l’apatia umana generale, per aver ritardato l’azione verso l’obiettivo più ambizioso fissato a Parigi nel 2015 di limitare il riscaldamento a 1,5 gradi Celsius (2,7 gradi Fahrenheit) sopra i livelli preindustriali.

Un’analisi del gruppo di difesa Global Witness ha mostrato un numero record di lobbisti di combustibili fossili tra i partecipanti alla conferenza di quest’anno. Numerosi leader mondiali, tra cui gli ospiti della COP egiziana di quest’anno, hanno tenuto eventi con i rappresentanti del settore e hanno parlato del gas naturale come “combustibile di transizione” che potrebbe facilitare il passaggio all’energia rinnovabile. Sebbene la combustione del gas produca meno emissioni rispetto alla combustione del carbone, il processo di produzione e trasporto può portare a perdite di metano, un potente gas serra.

Nelle consultazioni a porte chiuse, i diplomatici dell’Arabia Saudita e di altri paesi produttori di petrolio e gas hanno respinto le proposte che consentirebbero alle nazioni di fissare nuovi e più frequenti obiettivi di riduzione delle emissioni e chiedere l’eliminazione graduale di tutti i combustibili fossili inquinanti, secondo a più persone a conoscenza delle trattative.

“Siamo entrati nel seminario sulla mitigazione e sono state cinque ore di guerra di trincea”, ha dichiarato il ministro del clima neozelandese James Shaw, riferendosi alle discussioni su un programma progettato per aiutare i paesi a rispettare i loro impegni sul clima e ridurre le emissioni in tutti i settori economici. “È stato un duro lavoro solo per mantenere la linea.”

Gli attuali sforzi dell’umanità per il clima sono assolutamente insufficienti per evitare cambiamenti climatici catastrofici. Uno studio pubblicato a metà dei negoziati COP27 ha scoperto che poche nazioni hanno rispettato un requisito della conferenza dello scorso anno per aumentare i loro impegni di riduzione delle emissioni, e il mondo è sull’orlo del precipizio del riscaldamento ben oltre 1,5 gradi Celsius, superando una soglia che secondo gli scienziati porterà a collasso degli ecosistemi, condizioni meteorologiche estreme in aumento e fame e malattie diffuse.

READ  China Evergrande paga coupon a terra - Fonti

Il mondo ha nove anni per evitare un riscaldamento catastrofico, mostra uno studio

Anche l’accordo di domenica non riflette la realtà scientifica, descritto dal gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici quest’anno, che il mondo deve ridurre rapidamente la sua dipendenza da carbone, petrolio e gas. Sebbene un numero senza precedenti di paesi, tra cui India, Stati Uniti e Unione Europea, abbia chiesto di pronunciarsi sulla necessità di eliminare gradualmente tutti i combustibili fossili inquinanti, la decisione generale ha solo ribadito Il patto dell’anno scorso a Glasgow sulla necessità di una “riduzione graduale dell’energia a carbone senza sosta”.

“È un processo di consenso”, ha detto Shaw, il cui paese ha anche sostenuto il linguaggio dell’eliminazione graduale dei combustibili fossili. “Se c’è un gruppo di paesi che sono come, non lo sopporteremo, è molto difficile farlo”.

Tuttavia, lo storico accordo su un fondo per i danni climatici irreversibili – noto nel gergo delle Nazioni Unite come “perdite e danni” – ha anche dimostrato come il processo della COP possa rafforzare i paesi più piccoli e vulnerabili del mondo.

Molti osservatori credevano che gli Stati Uniti e le altre nazioni industrializzate non avrebbero mai preso un tale impegno finanziario per paura della responsabilità per i danni da migliaia di miliardi di dollari causati dal cambiamento climatico.

Ma dopo alluvioni catastrofiche ha lasciato sott’acqua metà del Pakistan quest’anno, i diplomatici del paese hanno guidato un blocco negoziale di oltre 130 nazioni in via di sviluppo chiedendo che “gli accordi di finanziamento per perdite e danni” fossero aggiunti all’ordine del giorno della riunione.

“Se c’è un senso di moralità ed equità negli affari internazionali… allora dovrebbe esserci solidarietà con il popolo del Pakistan e con le persone che sono colpite dalla crisi climatica”, ha detto il negoziatore pakistano Munir Akram nei primi giorni della conferenza. . “Questa è una questione di giustizia climatica”.

READ  I prezzi del greggio sono scesi al minimo di 7 settimane, ma sono sotto pressione quando le scorte vengono rilasciate

La resistenza dei paesi ricchi ha iniziato ad attenuarsi quando i leader dei paesi in via di sviluppo hanno chiarito che non se ne sarebbero andati senza un fondo per perdite e danni. Mentre i colloqui si sono prolungati sabato, i diplomatici dei piccoli stati insulari si sono incontrati con i negoziatori dell’Unione Europea per mediare l’accordo su cui le nazioni hanno infine concordato.

Kathy Jetnil-Kijiner, inviata per il clima per le Isole Marshall, ha affermato che il successo di questo sforzo le ha dato ottimismo sul fatto che i paesi potrebbero anche fare di più per prevenire il riscaldamento futuro, qualcosa che è necessario per impedire alla sua piccola nazione del Pacifico di svanire nei mari in aumento.

“Abbiamo dimostrato con il fondo perdite e danni che possiamo fare l’impossibile”, ha detto, “quindi sappiamo che possiamo tornare l’anno prossimo e sbarazzarci dei combustibili fossili una volta per tutte”.

E Harjeet Singh, capo della strategia politica globale per Climate Action Network International, ha visto un altro vantaggio nel richiedere il pagamento per i danni climatici: “La COP27 ha inviato un colpo di avvertimento agli inquinatori che non possono più andare liberi con la loro distruzione climatica”, ha detto . .

Iscriviti per ricevere le ultime notizie su cambiamento climatico, energia e ambiente, pubblicate ogni giovedì