Settembre 26, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

La Yeshiva University sospende tutte le attività dei club studenteschi giorni dopo che la Corte Suprema ha rifiutato di bloccare un ordine che richiedeva alla scuola di riconoscere il club LGBTQ

L’università ha inviato un’e-mail non firmata affermando che “ritarderà tutte le attività del club universitario” mentre “adotta misure per seguire la tabella di marcia fornita dalla Corte Suprema degli Stati Uniti per proteggere la libertà religiosa (dell’università)”, citando le imminenti festività ebraiche, secondo una copia dell’e-mail fornita dall’avvocato.

Quell’e-mail è stata inviata due giorni dopo che la più alta corte del paese ha rifiutato con un voto 5-4 una richiesta dell’università di bloccare un’ordinanza del tribunale di grado inferiore che le richiedeva di riconoscere un club studentesco LGBTQ “Pride Alliance”.

Katie Rosenfeld, l’avvocato che rappresenta il club, ha definito l’ultima mossa dell’università una “tattica vergognosa” che mira a mettere gli studenti contro i loro coetanei LGBTQ.

“L’annuncio dell’amministrazione YU di oggi che annullerà tutte le attività dei club studenteschi piuttosto che accettare un gruppo di supporto tra pari LGBTQ nel campus è un ritorno al passato di 50 anni fa, quando la città di Jackson, Mississippi, chiuse tutte le piscine pubbliche piuttosto che rispettare gli ordini del tribunale di desegregare”, ha detto Rosenfeld alla CNN in una dichiarazione.

“La Pride Alliance cerca uno spazio sicuro nel campus, niente di più”, ha aggiunto l’avvocato.

Non è chiaro dall’annuncio per quanto tempo le attività del club universitario verranno sospese e se la decisione verrà rivista.

La CNN ha contattato la Yeshiva University per un commento.

Il rabbino Ari Berman, presidente dell’istituto, giovedì ha rilasciato una dichiarazione online in risposta alla sentenza del tribunale, affermando che “Ogni università religiosa del paese ha il diritto di lavorare con i suoi studenti, compresi quelli LGBTQ, per fondare i club , luoghi e spazi che si inseriscono nella sua tradizione di fede”.

READ  Perché Trump è profondamente teso quando l'indagine sull'attacco al Campidoglio è finita | Donald Trump

“La Yeshiva University cerca semplicemente lo stesso diritto all’autodeterminazione”.

Nella sua ordinanza non firmata all’inizio della settimana, la Corte Suprema ha notato che i tribunali dello stato di New York non avevano ancora emesso un’ordinanza finale sul caso e che l’università potrebbe tornare alla Corte Suprema dopo che i tribunali statali avranno agito.

Gli avvocati del Becket Fund for Religious Liberty, in rappresentanza della Yeshiva, hanno anche affermato che l’ordine del tribunale di grado inferiore è un’intrusione “senza precedenti” nelle convinzioni religiose dell’università e una chiara violazione dei diritti del Primo Emendamento di Yeshiva.