Novembre 26, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

La tripletta di Karim Benzema per il Real Madrid mette il Chelsea sull’orlo dell’uscita | Champions League

A volte i vecchi sono i migliori. Scritto come troppo lento per gestire il ritmo del calcio moderno, questo era Real Madrid tornare indietro nel tempo e ricordare al resto d’Europa che ci sarà sempre un posto nel gioco per centrocampisti intelligenti come Luka Modric e attaccanti letali come Karim Benzema.

Poco importava che Modric abbia 36 anni o che Benzema, autore di triplette consecutive nel campionato Champions League, ha 34 anni. Alla fine, l’idea che il Chelsea avrebbe attraversato Madrid sembrava assurda. Carlo Ancelotti, un veterano di questi incontri, aveva ingannato Thomas Tuchel. Toni Kroos, che ha compiuto 32 anni a gennaio, aveva aiutato Modric a gestire il gioco. Benzema aveva completamente cancellato la difesa del Chelsea.

Questo è stato un pestaggio. Era solo 3-1, che dà Chelsea speranza di raggiungere i quarti di finale martedì in visita al Bernabéu, ma è difficile vedere i campioni d’Europa ribaltare questo quarto di finale.

Il Real Madrid non ha l’abitudine di sprecare vantaggio e, a meno che il Chelsea non trovi un modo per riparare le proprie fragilità difensive, Benzema è destinato a farli soffrire ancora.

Tuchel ha un disperato bisogno di una soluzione rapida. Il Chelsea, che lavora nell’incertezza dei propri problemi di proprietà, è un disastro. Come ha riconosciuto Tuchel, non c’è stato alcun segno di miglioramento dopo la sconfitta per 4-1 dello scorso fine settimana contro il Brentford. Ancora una volta la forma del Chelsea è scomparsa quando gli avversari hanno avuto la palla e la preoccupazione per Tuchel è che troppi dei suoi giocatori sembrino sfocati, con il conteggio degli errori alto e il malessere riassunto da Édouard Mendy che regala a Benzema il suo terzo gol con una svolta miserabile come un spazzino all’inizio del secondo tempo.

Iscriviti alla nostra nuova newsletter sul calcio femminile

Non che Mendy fosse l’unico giocatore del Chelsea ad aver lottato. Vinícius Junior ha regalato ad Andreas Christensen un momento così torrido che il difensore centrale ha dovuto essere ritirato all’intervallo. Incapace di bloccare Modric e Kroos, N’Golo Kanté non è riuscito a uscire anche per il secondo tempo. Per quanto riguarda Romelu Lukaku, gli sono stati concessi 26 minuti per far oscillare la partita a favore del Chelsea e non ha fatto altro che perdere il tipo di possibilità che gli attaccanti da £ 97,5 milioni devono cogliere.

Il Real Madrid, che non aveva mai battuto il Chelsea prima, non sarebbe stato così generoso. Gli spagnoli sono una proposta diversa da quella che è andata così male quando queste squadre si sono affrontate in semifinale la scorsa stagione. Ancelotti ha 12 punti di vantaggio in vetta alla Liga e sebbene Tuchel abbia posto l’accento sulla velocità, che ha scelto un tre davanti mobile di Christian Pulisic, Mason Mount e Kai Havertz, la sensazione che il Real sarebbe stato sopraffatto si è presto rivelata fuori luogo.

È vero che i segnali per il Chelsea sono stati incoraggianti quando Mount si è scontrato con Kroos all’inizio. In quella fase il Madrid sembrava essere in difficoltà. Il Chelsea preme ferocemente e ha delle occasioni, Havertz che spara e Thibaut Courtois respinge una punizione di Reece James.

Eppure era troppo frenetico dal Chelsea. Mancavano di disciplina posizionale e Madrid trovò presto lo spazio per creare. C’è stato un avviso quando Benzema e Fede Valverde hanno rilasciato Vinícius, che ha colpito la traversa, e Tuchel sembrava preoccupato anche prima dell’arrivo del primo gol.

Casemiro del Real Madrid (a sinistra) affronta Christian Pulisic di Chelsea mentre Luka Modric (a destra) guarda.
Casemiro del Real Madrid (a sinistra) affronta Christian Pulisic di Chelsea mentre Luka Modric (a destra) guarda. Fotografia: Tom Jenkins / The Guardian

La partita si stava svolgendo al ritmo maestoso del Real Madrid, Modric, Kroos e Casemiro dominavano il centrocampo e il Chelsea non era abbastanza veloce per annusare il pericolo. Non sembravano rendersi conto che i visitatori volevano sfruttare le lacune dietro a James. L’esterno destro del Chelsea non stava proteggendo Christensen e quella debolezza si è rivelata fondamentale dopo 21 minuti, con Vinícius che ha giocato un doppio uno-due con Benzema e incrociato per l’attaccante francese che ha diretto un glorioso colpo di testa oltre Mendy.

È stato un gol superbo, reso possibile da Benzema che è caduto in profondità per collegare il gioco, e un altro è presto arrivato. Valverde, preferito sulla destra a Marco Asensio, trova Modric e il croato può crossare per Benzema, che stacca Thiago Silva e Christensen prima di superare nuovamente Mendy.

Il Chelsea era dappertutto. Havertz ne tira indietro di uno prima dell’intervallo, sfuggendo a Éder Militão e David Alaba prima di sorpassare Courtois su cross di Jorginho, ma non convince. Tuchel non si è lasciato ingannare, in particolare dopo aver visto Benzema perdere un personaggio allo scadere dell’intervallo. Qualcosa doveva cambiare e Tuchel utilizzò l’intervallo per aggiustare, sostituendo Christensen e Kanté con Mateo Kovacic e Hakim Ziyech.

Purtroppo nessuno potrà mai dire se quelle sostituzioni fossero quelle giuste. Il secondo tempo era terminato di un minuto quando Mendy è uscito dalla sua area e ha ceduto Antonio Rüdiger, consentendo a Benzema di rubare il possesso e tirare la palla a porta vuota da 25 yard.

Il Chelsea è stato sgonfiato. Hanno cercato di organizzare una rimonta, ma l’umore è peggiorato quando Lukaku ha girato di testa a lato da sei yard. Alla fine non c’è stato altro che rimpianto. Il Madrid aveva tutta l’equilibrio. Il Chelsea ha semplicemente una montagna da scalare.

READ  Illuminazione della monorotaia nazionale: Doug Mhoff partecipa alla cerimonia a DC