Settembre 26, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

La sterlina britannica affonda mentre i mercati reagiscono ai tagli alle tasse del governo britannico

Lo ha annunciato il nuovo governo britannico una serie di tagli alle tasse venerdì, scommettendo di aver trovato la strada per la crescita economica nonostante l’elevata inflazione.

Ma il verdetto del mercato è stato rapido e negativo: il valore delle azioni, delle obbligazioni e della sterlina britannica è sceso a nuovi minimi rispetto al dollaro USA, come non si vedeva dal 1985.

I piani richiederanno ampi aumenti del debito pubblico e hanno sollevato aspettative che il Banca d’Inghilterra sarà necessario aumentare i tassi di interesse in modo ancora più aggressivo per fermare l’inflazione. Ciò aumenterà ulteriormente il costo di questi tagli alle tasse e dei piani di spesa precedentemente annunciati per proteggere le famiglie e le imprese dall’impennata del costo dell’energia.

Dopo l’annuncio del nuovo cancelliere dello Scacchiere, Kwasi Kwarteng, il FTSE 100, l’indice azionario di riferimento britannico è sceso di oltre il 2%.

Ma le mosse di mercato più accattivanti sono state i titoli di stato britannici e la sterlina.

I rendimenti obbligazionari, una misura degli oneri finanziari, sono aumentati notevolmente, il che renderà molto più costosi gli interessi che il governo paga sul nuovo debito che emette. Il rendimento dei titoli di stato a 10 anni di riferimento è salito al livello più alto dal 2011. E il rendimento del titolo a cinque anni è aumentato di oltre mezzo punto percentuale, al 4,15 percento, una mossa enorme in un mercato in cui vengono generalmente misurate le variazioni giornaliere .in centesimi di punto.

“È giusto dire che il mercato dei gilt odiava il mini-budget di oggi”, ha affermato Jim Leaviss, un investitore obbligazionario di M&G Investments, nei commenti inviati via e-mail, riferendosi al mercato dei titoli di stato britannici.

READ  Come visualizzare l'output del telescopio spaziale James Webb

“In quello che è già stato un periodo debole per i titoli di Stato grazie all’inflazione globale e agli aumenti dei tassi della banca centrale, il Regno Unito si è distinto per la performance inferiore”, ha aggiunto.

Anche la sterlina è scesa di quasi il 2% rispetto all’euro venerdì ed è scesa di oltre il 3% rispetto al dollaro USA, a $ 1,09. La valuta britannica ha perso più del 18% rispetto al dollaro quest’anno, scendendo al livello più basso dal 1985.

“Le preoccupazioni per la posizione fiscale del Regno Unito, combinate con le sue prospettive recessive e il livello estremamente elevato di inflazione, rendono la sterlina estremamente vulnerabile”, hanno scritto gli analisti di Rabobank in una nota.

Sig. Kwarteng ha delineato il piano del governo in una dichiarazione a un Parlamento gremito, promettendo di accelerare la crescita economica con una combinazione di tagli alle tasse e deregolamentazione che ha fatto eco agli anni ’80 sotto il primo ministro Margaret Thatcher. Ma l’enfasi sulla riduzione delle tasse per le aziende e i lavoratori arriva mentre il governo si prepara a spendere 60 miliardi di sterline nei prossimi sei mesi per sovvenzionare i costi energetici per famiglie e impresela prima fase di un piano espansivo per il congelamento dei costi di gas ed elettricità per i consumatori.

“I mercati reagiscono come vogliono,” Mr. Kwarteng ha detto venerdì alla Camera dei Comuni. “Ma il piano di crescita mostrerà molto presto che siamo sulla strada giusta e ci stiamo guidando verso un futuro più prospero”.

Gli investitori avevano appariva già ansioso sullo stato fiscale della Gran Bretagna prima che i dettagli del piano del nuovo governo fossero svelati da Mr. Kwarteng. Il bilancio e l’equilibrio tra importazioni ed esportazioni della Gran Bretagna rendono il paese dipendente da ciò che un precedente governatore della banca centrale ha chiamato “la gentilezza degli estranei” per finanziare i piani economici.

READ  Nonostante l'aumento dell'inflazione, le vendite al dettaglio stanno aumentando più velocemente del previsto in ottobre

“La sterlina è in pericolo”, hanno avvertito gli analisti della Deutsche Bank, che da settimane si preoccupano del fatto che gli investitori perdano fiducia nella Gran Bretagna e non siano disposti a finanziare il suo disavanzo delle partite correnti. “Ci preoccupiamo che la fiducia degli investitori nella sostenibilità esterna del Regno Unito venga erosa rapidamente. E l’unica cosa che può impedire l’indebolimento della sterlina è un ciclo escursionistico molto aggressivo della Banca d’Inghilterra”.