Settembre 26, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

La star di “House of the Dragon” Milly Alcock nel ruolo di Rhaenyra Targaryen

Prima che Daenerys Targaryen fosse la famosa “madre dei draghi” in “Il Trono di Spade”, la sua antenata, la principessa Rhaenyra Targaryen, era destinata a diventare la prima regina regnante di Westeros.

Milly Alcock, 22 anni, che interpreta Rhaenyra nei primi cinque episodi della serie spin-off “GoT” “Casa del Drago”, ha detto al Post che non aveva visto “GoT” prima di ottenere il ruolo.

“Ma certo, lo sapevo”, ha detto. “Ho capito che era molto grande e molto popolare. [After getting cast], l’ho guardato per prepararmi. Ho abbuffato tutte le 8 stagioni in 2 settimane. È stato intenso, sono diventato subito un fan e ho capito perché tutti lo adoravano”.

“La casa del drago” (domenica alle 21:00 in poi HBO) è ambientato circa 200 anni prima degli eventi de “Il Trono di Spade” e segue gli antenati di Daenerys e Jon Snow, la famiglia Targaryen dai capelli d’argento e drago che cavalca. All’introduzione della prima serie di domenica, Re Viserys I (Paddy Considine) siede sul Trono di Spade e ha appena nominato sua figlia, la principessa Rhaenyra, come sua erede, nonostante il fatto che non sia la norma per le donne a governare, e i suoi consiglieri temono questo getterà il regno nel caos.

La principessa Rhaenyra Targaryen (Milly Alcock), nella sala del trono davanti a suo padre, re Viserys (Paddy Considine).
Fotografia di Ollie Upton / HBO
Milly Alcock nel ruolo della principessa Rhaenyra Targaryen "Casa del Drago" in piedi in una stanza con indosso un vestito.
Milly Alcock nei panni della principessa Rhaenyra Targaryen in “La casa del drago”.
Fotografia di Ollie Upton / HBO

Alcock, 22 anni, è un’attrice australiana (“Il bagliore”) che ora ha sede a Londra. Viveva ancora a casa nella soffitta di sua madre quando ha ricevuto la chiamata che aveva ottenuto la parte di alto profilo.

“Ero sotto shock e incredulità. Mi ci è voluto fino a quando non stavo effettivamente facendo la pre-produzione per elaborarla completamente, e permettermi di emozionarmi e smettere di avere la sensazione che sarei stata licenziata”, ha detto. “La sala del trono era semplicemente fantastica. Ogni volta che salivi sul set, la novità non svaniva”.

READ  L'allenatore di football delle Hawaii Rainbow Warriors Todd Graham si è dimesso per le accuse di aver abusato dei giocatori.

Sebbene le sia piaciuta la performance di Emilia Clarke nei panni di Daenerys, non ne ha tratto ispirazione per interpretare Rhaenyra, ha detto. “Ovviamente, ci sono somiglianze nella loro morale fondamentale come persone, ma alla fine si muovono in tutto il mondo in modo molto diverso”.

Invece, ha tratto ispirazione da altre due fonti.

“Cate Blanchett in ‘L’età dell’oro’ e Audrey Hepburn in ‘Vacanze romane’. Se potessi unire quelle 2 donne insieme, penso che sia Rhaenyra. È spiritosa e sfacciata, ma deve esibirsi costantemente e essere all’altezza di quel ruolo regale. Ma, puoi vedere sotto la superficie, è piuttosto a disagio nella sua pelle”.

Milly Alcock in una vista di profilo laterale che indossa un colletto a balze come la principessa Rhaenyra Targaryen "Casa del Drago."
Milly Alcock nei panni della principessa Rhaenyra Targaryen in “La casa del drago”.
HBO
Matt Smith indossa un elmo con in mano una spada.
Matt Smith nei panni del principe Daemon Targaryen, suo zio.
Fotografia di Ollie Upton / HBO

Come mostra il primo episodio di “La casa del drago”, Rhaenyra ha una relazione insolita con suo zio Daemon (Matt Smith, “The Crown”) che ha sfumature civettuole (i Targaryen sono piuttosto favorevoli all’incesto, quindi quella parte non è molto preoccupazione per loro).

“Io e Matt abbiamo raggiunto un’intesa reciproca: quello [the relationship] è carico, ma è sotto la superficie”, ha detto Alcock. “È quasi come se avessero due conversazioni in ogni scena. È come quello che stanno effettivamente dicendo, e quello che stanno dicendo nel loro linguaggio del corpo, nei loro occhi e nel loro tono. È stato davvero divertente giocare e lavorare con Matt. È un attore così generoso, ed è così gentile e premuroso, che ha elevato la mia performance.

“Penso che Rhaenyra abbia un’età in cui non riesce a distinguere tra amore platonico, amore romantico e lussuria, perché non ha vissuto abbastanza a lungo e non ha vissuto quelle esperienze. Quindi, penso che lei capisca che c’è una sensazione qui [with Daemon]ma non è del tutto sicura di dove atterra, e come comportarsi con esso e come navigare, il che è ciò che rende quella dinamica così interessante.

READ  Guerra Russia-Ucraina: aggiornamenti in tempo reale e notizie sulla Crimea
Matt Smith indossa una parrucca d'argento e sta in ombra.
Matt Smith nei panni del principe Daemon Targaryen, lo zio di Rhaenyra.
Fotografia di Ollie Upton / HBO
Re Viserys (Paddy Considine) e sua figlia, la principessa Rhaenyra Targaryen, chiacchierano davanti a un teschio di drago dopo che lui l'ha nominata sua erede.
Re Viserys (Paddy Considine) e sua figlia, la principessa Rhaenyra Targaryen, chiacchierano davanti a un teschio di drago dopo che lui l’ha nominata sua erede.
Fotografia di Ollie Upton / HBO
Milly Alcock in un vestito nero davanti a un muro di mattoni.
Milly Alcock alla premiere di “La casa del drago”.
Scott Garfitt/Invision/AP

Dal momento che “Il Trono di Spade” è stato il più grande spettacolo al mondo durante la sua corsa dal 2011 al 2019, Alcock ha detto che il cast di “La casa del drago” ha sentito un senso di pressione.

“Certo che l’abbiamo fatto. Ma non mentre stavamo girando. È solo in questa parte che ci è stato ricordato quanto è grande. Non so proprio come affrontarlo. È estremamente intimidatorio. Quindi, sono stato un po’ più solitario di quanto sarei normalmente. Solo acquisire la sicurezza di interagire con quel fandom: vuoi rendergli giustizia. È piuttosto interessante come attore che ci sia già una base di fan, al contrario di una base di fan che viene da te.

“È quasi come se dovessero prima accettarci. Sarà interessante sentire la risposta di tutti”.