Maggio 27, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

La Russia scatena la “Battaglia del Donbas” nell’Ucraina orientale, l’Occidente promette più sostegno a Kiev

  • Le forze russe iniziano una nuova offensiva nell’Ucraina orientale
  • Ultimatum russo per arrendersi o morire a Mariupol
  • Presidente Biden, gli alleati discutono di aiuto per l’Ucraina
  • Nessun segno di rinnovati colloqui di pace – Funzionario ucraino

KIEV / KHARKIV, 19 aprile (Reuters) – Migliaia di soldati russi sostenuti da artiglieria e sbarramenti di razzi hanno iniziato martedì un’offensiva da tempo attesa nell’Ucraina orientale, spingendo i paesi occidentali a impegnare più armi e denaro al governo di Kiev.

Funzionari ucraini hanno detto che i loro soldati avrebbero resistito all’assalto, definendolo la battaglia del Donbas. Ma i russi spinsero un’avanzata su quasi l’intero tratto del fronte orientale e, ore dopo il suo inizio, si impadronirono di una città in prima linea.

Tra le rovine di Mariupol, il porto sud-orientale che ha subito quasi otto settimane di assedio, la Russia ha dato agli ultimi difensori ucraini rintanati in un’acciaieria un ultimatum di arrendersi entro mezzogiorno (0900 GMT) o morire. Il termine è scaduto senza che si sapesse del loro destino.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Il principale negoziatore di Kiev ha affermato che è difficile prevedere quando i colloqui di pace potrebbero riprendere a causa dell’assedio di Mariupol e della nuova offensiva.

In una rapida risposta all’intensificarsi dell’assalto, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e altri leader occidentali hanno discusso del crescente sostegno militare, economico e umanitario al governo di Kiev e dei modi per ritenere Mosca responsabile, ha affermato la Casa Bianca.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha affermato che Berlino intende fornire all’Ucraina armi anticarro e di difesa aerea, nonché armi di artiglieria a lungo raggio, e il primo ministro britannico, Boris Johnson, ha anche promesso più armi di artiglieria mentre il conflitto entrava in una nuova fase.

Scholz ha affermato che gli alleati concordano che la Russia non deve vincere la guerra e che una pace imposta come prevista dal presidente russo Vladimir Putin non è accettabile.

READ  L'allenatore dello stato di Washington Nick Rollovich, quattro assistenti licenziati per l'ordine di vaccinazione del governo 19

Il governo italiano ha affermato che c’è stato “un ampio consenso sulla necessità di aumentare la pressione sul Cremlino, anche adottando ulteriori sanzioni, e di aumentare l’isolamento internazionale di Mosca”.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha chiesto una pausa umanitaria di quattro giorni nei combattimenti durante il fine settimana di Pasqua ortodossa per consentire ai civili di lasciare le aree di conflitto e fornire aiuti umanitari.

CITTÀ CATTURATA

L’Ucraina ha affermato che il nuovo assalto ha portato alla cattura di Creminna, un centro amministrativo di 18.000 persone a Luhansk, una delle due province del Donbas.

Le forze russe stavano attaccando “da tutte le parti”, le autorità stavano cercando di evacuare i civili ed era impossibile contare i civili morti, ha detto il governatore regionale di Luhansk Serhiy Gaidai.

Il presidente Volodymyr Zelenskiy ha detto agli ucraini in un discorso video durante la notte: “Non importa quante truppe russe manderanno lì, combatteremo. Ci difenderemo”.

A Mosca il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha confermato che “sta iniziando un’altra fase di questa operazione”. Il ministro della Difesa Sergei Shoigu ha affermato che la Russia sta attuando “metodicamente” il suo piano per “liberare” Donetsk e Luhansk, province che Mosca chiede a Kiev di cedere completamente ai separatisti sostenuti dalla Russia.

Respinta dalle forze ucraine a marzo da un assalto a Kiev nel nord, la Russia ha invece riversato truppe a est per l’offensiva del Donbas. Ha anche effettuato scioperi a lunga distanza contro altri obiettivi, inclusa la capitale.

Il massimo funzionario della sicurezza ucraina, Oleksiy Danilov, ha affermato che le forze russe hanno cercato di sfondare le difese ucraine “lungo quasi l’intera linea del fronte delle regioni di Donetsk, Luhansk e Kharkiv”.

READ  Jimmy Garoppolo non ottiene rispetto, ma continua a consegnare per i 49ers

Il Donbas, produttore di carbone e acciaio, è stato il punto focale della campagna russa per destabilizzare l’Ucraina dal 2014, quando il Cremlino ha utilizzato delegati per creare “repubbliche popolari” separatiste in alcune parti delle province di Luhansk e Donetsk.

Mosca ora afferma che il suo obiettivo è catturare l’intera provincia per conto dei separatisti. L’Ucraina ha una grande forza che difende le parti settentrionali del Donbas e gli esperti militari affermano che la Russia mira a tagliarle fuori o circondarle.

Ma la Russia ha ancora bisogno di mantenere le sue truppe rifornite attraverso miglia di territorio ostile. L’Ucraina ha contrattaccato vicino a Kharkiv nella parte posteriore dell’avanzata russa, apparentemente con l’obiettivo di tagliare le linee di rifornimento.

Da quando ha iniziato quella che chiama un’operazione speciale per smilitarizzare l’Ucraina il 22 febbraio. Il 24, la Russia ha bombardato città in macerie e centinaia di corpi di civili sono stati trovati nelle città dove le sue forze si erano ritirate. Nega di prendere di mira i civili e afferma, senza prove, che sono stati inscenati segni di atrocità.

I paesi occidentali e l’Ucraina accusano Putin di aggressione non provocata.

RESIDENTI SCONVOLTI

A Mariupol, teatro dei combattimenti più pesanti della guerra e della peggiore catastrofe umanitaria, un ultimo gruppo di difensori ucraini che resistevano nelle acciaierie dell’Azovstal ha sfidato le richieste russe di arrendersi e di essere risparmiato.

Tuttavia, circa 120 civili che vivono vicino all’impianto tentacolare sono partiti attraverso corridoi umanitari, ha riferito martedì l’agenzia di stampa Interfax, citando la TV di stato russa.

READ  Jussie Smollett Guilty: Cosa c'è dopo?

Il leader pro-Cremlino della Cecenia, le cui forze hanno combattuto a Mariupol, ha previsto che le truppe avrebbero catturato l’impianto martedì.

Mariupol è stata assediata sin dai primi giorni della guerra. Decine di migliaia di residenti sono rimasti intrappolati senza accesso a cibo o acqua e i corpi sono sparpagliati per le strade. L’Ucraina ritiene che più di 20.000 civili siano morti lì.

Catturarlo collegherebbe il territorio separatista filo-russo con la regione della Crimea che Mosca ha annesso nel 2014.

Nei distretti controllati dalla Russia raggiunti da Reuters, i residenti sotto shock hanno cucinato su fuochi aperti fuori dalle loro case danneggiate.

“Ovviamente, sullo sfondo della tragedia di Mariupol, il processo negoziale è diventato ancora più complicato”, ha detto a Reuters il principale negoziatore ucraino Mykhailo Podolyak.

Kiev e Mosca non hanno avuto colloqui faccia a faccia dal 29 marzo. Ciascuna parte incolpa l’altra per il loro crollo.

“È difficile dire quando sarà possibile il prossimo round di negoziati faccia a faccia perché i russi stanno seriamente scommettendo sulla cosiddetta ‘seconda fase dell’operazione speciale'”, ha detto Podolyak.

Proiettili e razzi hanno colpito anche Kharkiv, la seconda città dell’Ucraina, hanno detto funzionari locali, distruggendo condomini e altri edifici. Quattro persone sono state uccise e 14 ferite, hanno detto.

I giornalisti di Reuters hanno visto i corpi di tre persone apparentemente uccise da schegge che giacevano sul marciapiede.

“Stanno sabotando l’intera città”, ha detto il 79enne Fyodor Bondarenko, osservando un corpo trasportato su un’ambulanza mentre il rumore dei bombardamenti risuonava in sottofondo.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Reportage dei giornalisti Reuters; Scritto da Peter Graff e Angus MacSwan; Montaggio di Gareth Jones e Kevin Liffey

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.